Annunci

STRASS (sindacato francese dei/delle sex workers): “Feminism pute”

Dal Blog Ombre Rosse

Traduzione del testo “Feminisme Pute” scritto dallo STRASS (Syndicat du TRAvail Sexuel).
Il testo originale è qui: http://strass-syndicat.org/feminisme-pute/

Femminismo puttana

Questo testo è stato presentato alla Sorbona in occasione della Giornata Internazionale per i Diritti delle Donne. Lo STRASS è stato invitato dal Block Offensif Antisexiste (BOA), collettivo di studenti femministe, a rispondere alla domanda:

[Read more…]

Annunci

Riflessioni sul sex working: l’elefante nella stanza

Foto di Eretica, scattata durante il Pride di Dublino

Dal blog Ombre Rosse:

Amiamo guardare le cose, nel dettaglio. Troviamo sia bello, anche se quello che osserviamo può non piacerci.
Affinare lo sguardo è uno strumento utile e lo è per tanti motivi, tra cui la sopravvivenza. Affinando lo sguardo osserviamo meglio noi stesse/* e non ci piace, nasconderci dietro un dito, anzi come recita un famoso monologo «è la peggior forma di vigliaccheria, questo avere così tanta paura di se stessi da coprirsi gli occhi piuttosto che affrontarsi».
Rispetto al lavoro sessuale poi c’è un elefante nella stanza.
Il simbolico.

[Read more…]

AAA Cercasi donna per Matteo, quello che ha scritto su Rolling Stones

Matteo Vicino, scrive questa confessione fiume nientemeno che su Rolling Stones.

Non fosse per lo sforzo compiuto, pur se con scarso successo devo dire, tutto l’articolo potrebbe essere sintetizzato in un rigo: Le donne vere non esistono più e io invece sono un uomo vero e vorrei farmi una famigghia.

[Read more…]

Sex working e femminismo: riflessioni di O.W.

Il 20 gennaio 2018 alla casa internazionale delle donne è stato organizzato un evento da  Spazio Incontro dal titolo “sex work is work. Riflessioni sul sexwork, tra stigma e autodeterminazione”.

L’iniziativa nasceva dal desiderio di interrogare i femminismi sulla reale capacità di inclusione verso tutte le differenze che li attraversano e verso realtà sociali ed umane che necessitano un riconoscimento.

Ma soprattutto dalla voglia di aprire un dibattito il più possibile  libero da pregiudizi e ideologie. [Read more…]

Dei riti funerari di Sicilia

Trovarsi in un pub di Dublino e parlare delle tradizioni funerarie di quella tal particolare zona siciliana come di altre zone influenzate dalla cultura greca. Io non ricordo i cori delle prefiche, le chiancimorti, ovvero le donne pagate apposta per urlare al posto dei membri della famiglia. Quel che ricordo è l’interminabile rito che iniziava con il lavaggio e vestimento della persona defunta. Da lì trascorrevano un paio di giorni con il morto in mezzo ad una stanza svuotata per l’occasione, incorniciata da molte sedie lungo le pareti. Accanto al morto c’erano le donne della famiglia. La moglie, la figlia, la sorella, la madre. Una di queste persone urlava come se non ci fosse un domani.

[Read more…]

Ballata di una “troia” antifascista

Ma si, sono una femmina che se non fosse per i poveri stranieri non scoperebbe proprio mai, questo è quanto affermano i fasci che mi riempiono di complimenti e fanno slut shaming sulle donne che hanno preso parte ai vari cortei antifascisti ieri.

Certo, si, sono una che se la trapanerebbe solo un ne_ro perché i ne_ri si pigliano gli scarti italici, ma anche il mio culo è vostro, perché di nazionalità italiana e allora vi sentite in dovere di dire che dovreste tenerlo sbiadito, giammai mischiato a colori scuri, come se in Italia non vi fossero quelli con la pelle scura o come se la pelle scura abbia qualcosa a che fare con il puzzo merdaiolo che gravita in testa ai fascisti. [Read more…]

La repressione nelle piazze antifasciste e il victim blaming politico/sociale

Ascoltando Bella Ciao nel corso delle meravigliose manifestazioni antifasciste del 10 febbraio e poi i commenti di politici e di alcune parti istituzionali con una condanna unanime nei confronti del grave atto di terrorismo fascista del camerata Traini. Leggendo ieri tutte le condanne pretestuose nei confronti delle manifestazioni antifasciste, non posso fare altro che riflettere sul victim blaming a partire dalle Istituzioni.

[Read more…]