Annunci

Cara Luxuria: please, non parlare in nome delle “vere vittime”. Non in mio nome!

A Carta Bianca, condotto da Bianca Berlinguer, sono ospiti Asia Argento e Luxuria. Si parla delle donne del #Metoo in copertina sul Time scelte come “Uomo dell’anno del 2017”. La puntata integrale della trasmissione sta QUI.

[Read more…]

Annunci

About Emily

NASCITA –> MATERNE –>  ELEMENTARI –>  MEDIE –>  SUPERIORI  –> UNIVERSITA  –> LAUREA  –> CERCO LAVORO –> MUTUO –> COMPRO LA MACCHINA –> PROGRAMMO DEI FIGLI

Emily non era questa. Emily cercava se stessa. Emily voleva viaggiare. Aveva il mondo nelle vene. Emily aveva due tartarughe ed amava un ragazzo nero. Aveva bracciali e collane fatte con cauri. Emily metteva scarpe colorate e jeans. Emily amava la vita. E la libertà. Ma che cos’è la libertà? Non l’aveva mai conosciuta, era riuscita solo ad immaginarla. Emily quando era triste mangiava. E a volte vomitava. Poi smetteva. Perché lei era forte. Era vita. Era più di questo. Più di quello che gli altri vedevano. Emily era quello che gli altri non vedevano. Era così profonda che solo pochi riuscivano a scorgerne l’essenza. Odiava le prigioni mentali, i circoli viziosi. Emily amava l’Africa.

[Read more…]

Quel ridicolo picchetto antiporno di Gloria Steinem

La femminista radicale Gloria Steinem ne ha fatta un’altra delle sue. Ha fatto interventi in favore della candidata Hillary Clinton, è una figura filo-istituzionale, ha fatto visita al centro contro la tratta gestito da una falsa vittima di tratta (vedi Somaly Mam), si accompagna volentieri ad alcune sopravvissute della prostituzione (quella la cui iniziativa a Roma è diventata un luogo escludente per le sex workers che volevano dire la propria) tuonando contro i/le sex workers che vendono servizi sessuali per scelta, è anche una Terf [a, b, c, d, e,] (femminista radicale trans escludente) che solo di recente ha ambiguamente, senza poi rimettersi tanto in discussione e solo dopo una petizione contro le sue affermazioni, chiesto scusa alle persone trans offese ripetutamente nel corso della sua carriera femminista, è una antiporno che vittimizza tutte le donne a prescindere dal fatto che le dicano che lei non rappresenta tutte quante.

[Read more…]

Storia di una ragazza transgender

Lei scrive:

Cara Eretica,
sono una ragazza transgender e da quasi 10 anni lotto per essere accettata e rispettata sotto tutti gli aspetti della mia vita. Da quando mi sono dichiarata, all’età di 14 anni, tutto è cambiato. Dal rapporto con i miei genitori e la mia famiglia, al rapporto con la società ed i miei coetanei. A scuola sono sempre stata vittima di bullismo, dalle scuole elementari fino al quinto anno delle superiori. La scuola è stata per me una lenta agonia. Mi ha fatto soffrire tantissimo e le vicende che mi capitavano hanno lentamente formato in me un costante senso di paura, insicurezza e tristezza.

[Read more…]

Facebook si scusa per aver rimosso i contenuti che ci sono costati il blocco

Saprete che giorni fa il bombardamento di segnalazioni da parte di utenti e gestore di una pagina maschilista ha provocato la cancellazione di post a caso, in cui l’autodeterminazione viene scambiata per pornografia, quindi il blocco di molti profili facebook che gestiscono la pagina e infine il blocco della pagina. Abbiamo scritto e spiegato e dopo il post su Il Fatto Quotidiano, che forse ha posto le domande giuste, sono arrivate le scuse di facebook nella forma che vedete sotto.

[Read more…]

#25Novembre: il bel corteo e la bella pratica politica ignorata da Repubblica

Tutto quello che so è che la manifestazione del 25 novembre a Roma è andata bene. Dubbi, critiche, dissensi: va tutto bene. Quel che non va bene é, per esempio, che Repubblica, tra tutte le cose belle che avrebbe potuto mettere in evidenza, ha scelto proprio di dare retta ad un provocatore, chiaramente intervenuto proprio per fare notizia, per ottenere i suoi cinque minuti di gloria, ben sapendo di poter provocare reazioni tra le persone che in quella manifestazione avevano tutto il diritto di stare in prima fila. Possiamo parlare di metodo. Possiamo parlare mille volte del fatto che la faccenda degli uomini in fondo al corteo è stata già risolta l’anno scorso con una inclusione massima nei confronti di compagni che hanno – per l’appunto -accompagnato le assemblee e la preparazione della manifestazione per tutto il tempo. In prima fila, quella che tiene lo striscione, stanno le donne che hanno organizzato, come per una manifestazione di migranti in testa stanno i migranti, e la cosa si è decisa collettivamente, con il consenso di tutti gli uomini che realmente avevano voglia di stare nel corteo e soprattutto di partecipare al percorso lungo e complesso di Non Una Di Meno.

[Read more…]

Nessuna donna è nata per essere madre

Lei scrive:

Ciao Eretica,
forse arrivo tardi, ma volevo inviarti anche io una riflessione sul tema della maternità.

Mi sembra che molte volte il dibattito si concentri sul rapporto tra la madre e il bambino (o bambina, uso il maschile per convenzione della lingua italiana), senza considerare la pesante influenza che hanno le circostanze materiali in cui questo rapporto si sviluppa.

[Read more…]

Se una madre/moglie vuole istruirsi e non vuole fare sesso non è un mostro

Un uomo soffre di solitudine e tutti quanti, anzi, moltissime donne, sono pronte a chiamare lei, la moglie, “mostro”. Non si tratta di una forma di giustificazione. Il mio è un tentativo di analisi del linguaggio che accompagna ogni possibile pretesa di autonomia da parte della donna quando lei si sottrae al ruolo di cura e alle pretese sessuali del partner. La storia che lui ha raccontato è plausibile, verosimile, ma chi legge dovrebbe quantomeno porsi il problema di analizzare la complessità che c’è dietro. Lui è solo ma non si separa perché perderebbe la casa? E chi lo dice? Se lei non ha tempo e voglia di stare con la figlia l’affidamento va a lui e dunque anche la casa.

[Read more…]