Antiautoritarismo, Antifascismo, Antirazzismo, Autodeterminazione, Critica femminista, Precarietà, R-Esistenze

Terf: l’esclusione delle donne trans è una questione di classe e di razza (ci rubano il lavoro?)

Perché le femministe radicali vogliono escludere le trans? Perché le Terf (radfem transescludenti) sono per lo più benestanti, bianche, etero o lesbiche che mostrano di avere non solo un pregiudizio sessista e transofobo ma anche un pregiudizio di classe e di razza. Vado con ordine.

Continue reading “Terf: l’esclusione delle donne trans è una questione di classe e di razza (ci rubano il lavoro?)”

Annunci
Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Contributi Critici, R-Esistenze

Come mai alcune femministe nel Regno Unito stanno dando di matto contro i diritti delle persone Trans?

Articolo di Morgan M. Page

Versione in lingua originale QUI. Traduzione di Fiore del Gruppo Abbatto i Muri

I manifestanti che hanno guidato la parata del Pride di Londra nel fine settimana rappresentano una vera e propria un’ondata di femminismo anti-trans nel Regno Unito.

Continue reading “Come mai alcune femministe nel Regno Unito stanno dando di matto contro i diritti delle persone Trans?”

Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

Lettura e decostruzione di un articolo anti/trans di Julie Bindel

Chi ha letto le nostre traduzioni sulle Terf ci chiede, ad esempio, quali siano le affermazioni di Julie Bindel che la rendono, agli occhi delle persone trans, una nemica transofoba. Abbiamo linkato ogni riferimento ma in ogni caso QUI potete leggere un pezzo eloquente scritto dalla stessa Bindel in cui lei si sostituisce alle persone trans e con smaccato paternalismo dice di sapere quel che sarebbe meglio per loro. Isabella proverà a tradurne alcune parti e a sintetizzarne/commentarne – con l’aiuto di R. (donna trans, a scanso di equivoci) – altre. Per altre info sulle Terf, femministe radicali trans escludenti, e per sapere quel che scrivono, seguite i link in basso e seguite il blog perché altre traduzioni verranno. Parliamo di traduzioni perché il dibattito su questo è conosciutissimo altrove ma non in Italia (purtroppo). Cerchiamo dunque di colmare qualche lacuna. Buona lettura!

>>>^^^<<<

Ed ecco i dettami di Bindel iniziano dal titolo: “L’operazione (l’intervento chirurgico per il cambio di sesso) che può rovinare la tua vita“. Grazie dell’avvertimento, potremmo dirle. Ma continua parlando di una “potente lobby affiliata alle comunità gay e lesbiche” che l’avrebbe perseguitata per anni. Peccato che molte persone trans dicono di lei la stessa cosa. Parrebbe che la potente lobby avrebbe potuto impedirle perfino di incassare un premio giornalistico. Non leggiamo aggiornamenti su questo ma tant’è. Scrive ancora riferendo che sarebbe stata etichettata come bigotta perché nel 2004 scrisse un pezzo in cui “chiedeva se un cambio di sesso avrebbe reso qualcuno una donna o semplicemente un uomo senza un pene“. E questo per lei evidentemente non sembrò abbastanza offensivo da giustificare le critiche da parte della comunità trans. Poi lamenta il fatto che non le fu dato spazio di parola nel corso di alcune iniziative. Tutto per via della famosa e potentissima (urca!) lobby delle persone trans. Noi abbiamo letto che in occasione di una iniziativa chiamata “Stonewall” le persone trans chiesero e ottennero che lei non parlasse. Si parla di Stonewall, quella robetta rivoluzionaria condotta da persone trans come Sylvia Rivera. Chissà perché in una iniziativa che avrebbe dovuto celebrare e discutere di lotte e diritti trans qualcuna non ha gradito la partecipazione di una persona che ha scritto “se un cambio di sesso avrebbe reso qualcuno una donna o semplicemente un uomo senza un pene“.

Continue reading “Lettura e decostruzione di un articolo anti/trans di Julie Bindel”

Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Personale/Politico, R-Esistenze

Sulla guerra tra Terf (femministe radicali trans escludenti) e le persone Trans

Image by Sam Taylor

 

Ecco un’altra traduzione istruttiva su quello che le Terf, femministe radicali trans escludenti, dicono contro le persone trans e in special modo contro le donne trans. Per quel che ci riguarda le donne trans sono donne. Sono nostre sorelle. Vogliamo che facciano parte del movimento femminista e che condividano con noi rivendicazioni e lotte di ogni tipo. Dato che sono nostre sorelle ci arrabbiamo molto quando vengono insultate e viene negata la loro esistenza. Tra l’altro sappiamo che il dibattito, chiamiamolo così, tra Terf contro le donne trans, sta procurando insofferenza e disagio a moltissime sorelle e questo ci fa sentire impotenti e ci spiace moltissimo. Quello che possiamo fare è dunque cercare di informare su quello che sono e dicono le Terf a partire dalla negazione dell’esistenza stessa delle donne trans.

Su un post, Paris Lees scrive (traduzione di Isabella):

“A meno che tu non sia un@ fottuto perdente, probabilmente non hai seguito la “guerra” in corso tra alcuni attivisti transgender e alcune cosiddette femministe radicali. Hanno fatto del loro meglio per risucchiarmi nella loro follia collettiva di recente, ma non ho voglia di prendere parte al gioco. Spiego comunque di che si parla. Per prima cosa abbiamo le TERF, abbreviazione di “femministe radicali trans escludenti . Fondamentalmente, sono dedite a lasciare molti messaggi su internet nei quali si dice che noi donne trans non siamo donne “vere”. Vogliono impedirci di usare bagni femminili, andare a festival musicali di merda e accedere all’assistenza sanitaria. Quindi metti un po’ di ossessione contro i/le transessuali nel mix, metti una manciata di femministe bianche privilegiate con niente di meglio da dire e se partecipi a questo ti ritrovi dentro una shitstorm (tempesta di merda) terrificante.”

Continue reading “Sulla guerra tra Terf (femministe radicali trans escludenti) e le persone Trans”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, R-Esistenze

La pericolosa Transfobia di Julie Bindel

Post in lingua originale QUI. Traduzione di Isabella del Gruppo Abbatto i Muri.
di CL Minou

(c’è uno scambio di opinioni sul rifiuto della comunità trans di dare spazio a Bindel nell’iniziativa citata in basso date le sue opinioni transofobe)

Beatrix Campbell ha sbagliato: rifiutare di dare spazio a Bindel non è censura. È la giusta reazione alle sue opinioni odiose.

Non mi interessa molto di Julie Bindel, a differenza di Beatrix Campbell, che l’ha difesa ieri su questo sito. Questo non significa che non la ammiro. Come femminista il cui radicalismo probabilmente la sorprenderebbe, apprezzo la difesa alla signora Bindel per il suo lavoro contro la violenza diretta alle donne. Eppure nella sua lunga e solitaria crociata contro le transessuali contraddice tre dei suoi principi femministi:

Continue reading “La pericolosa Transfobia di Julie Bindel”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, R-Esistenze

La transfobia di Julie Bindel è una perenne fonte di trauma

Post in lingua originale QUI. Traduzione di Cecilia del gruppo Abbatto i Muri.

di Sam Hope

Ho una relazione abusante con Julie Bindel e non riesco a uscirne. Una relazione abusante nel mondo multimediale del 21° secolo non ha bisogno di avere connotati sentimentali o sessuali.

Vengo da una famiglia abusante, ho lavorato con gente sopravvissuta ad abusi, mi sono laureata in Trauma Studies con una tesi sulle conseguenze dell’abuso. Io so che aspetto ha l’abuso e che sensazione dà. L’aspetto che ha è il seguente.

Continue reading “La transfobia di Julie Bindel è una perenne fonte di trauma”

Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, R-Esistenze

Collovati, Navratilova, Wanda Nara: ecco perché è sbagliato prendersela con le atlete transgender

A proposito delle ultime polemiche contro le atlete transgender Chiara Caldonazzo ci spiega un po’ di cose:

Le frasi sessiste e maschiliste di Collovati e quelle contro Wanda Nara hanno creato polemiche, e io da ex atleta e allenatrice transgender, do il mio personale pensiero su quanto capitato.

Su Collovati dico che non c’è niente di vero in quello che dice. Si può rispondere semplicemente che l’italia femminile di calcio andrà ai mondiali, mentre quella maschile, con molta superbia e arroganza non è andata. Dal punto di vista tecnico-atletico posso dire con assoluta certezza, che le donne sono molto più preparate e sopperiscono alla fisicità dei loro colleghi maschi con la loro preparazione e capacità tecnica su sport come calcio, pallacanestro, football americano, (e qui porto la mia personale esperienza) ebbene si anche le donne giocano a football americano, considerato lo sport più maschilista, dove per anni si diceva che non potevano giocarci né allenare.

Ricordo a tutti e a tutte che nella NFL, arbitrano donne, e allenano anche come negli arizona cardinals, dove 2 anni fa fu assunta una coach donna per allenare i linebacker (uno dei reparti di gioco del football americano). Io stessa quando allenavo sia nel basket che football americano, portavo video, di giocatrici che eseguivano fondamentali tecnici cosi perfetti e puliti da evidenziarli come esempi.

Per quanto riguarda Wanda Nara e le polemiche contro di lei le trovo stucchevoli e maschiliste, oltretutto fa quello che tutti i vari procuratori maschi fanno. L’unica cosa che ha sbagliato e l’aver violato una delle regole di spogliatoio: l’aver messo in piazza i problemi, perché: come dice una regola, i panni sporchi si lavano in famiglia, e all’interno dello spogliatoio.

Continue reading “Collovati, Navratilova, Wanda Nara: ecco perché è sbagliato prendersela con le atlete transgender”

Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze, Storie

Gli stupratori ci considerano niente e quando stuprano un niente sanno di restare impuniti

Lei scrive:

Cara Eretica, mi chiamo Sole, all’anagrafe Matteo e come donna trans vorrei raccontare delle violenze che ho subito. Lo faccio perché mi sento vicina a tutte le donne che subiscono violenza e che come me non trovano ascolto in nessun luogo.

Premetto che le donne trans che vengono stuprate trovano molte porte chiuse. Non hanno il sostegno dei parenti perché spesso sono quelli che ti hanno buttato fuori di casa quando tu hai detto di chiamarti Eva invece di Adamo. Non hanno una comunità forte che ti sostiene perché le associazioni Glbt a volte sono lontane o non contemplano di lottare per i diritti delle persone trans. Se non vivi in una grande città tutto diventa più difficile anche se vivendo in un piccolo centro la vita costa meno e non si è ridotti, come spesso accade, a dormire in mezzo alla strada.

Continue reading “Gli stupratori ci considerano niente e quando stuprano un niente sanno di restare impuniti”