Annunci

Storia di Aria: le ferite del corpo

Uno degli stratagemmi usati dall’uomo che mi ha fatto violenza era quello di picchiare e dopo soccorrere. Il cambiamento stava nella prassi, con richiesta di perdono e mille coccole nei due giorni successivi. Come se si trattasse di due uomini diversi. In realtà non era e non è così. Si tratta sempre della stessa persona e dal punto di vista psicologico non c’è nessun raptus ma una serie di azioni ben precise che conducono inevitabilmente all’esplosione violenta per poi tornare alla fase “luna di miele”, come la chiamano le specialiste che si occupano dell’argomento. Non so se anche la mia può dirsi una specializzazione ma posso confermare che per me è stato così.

Quello che tiene insieme tutti gli aspetti dell’uomo violento è l’omertà, la negazione, la giustificazione e l’attribuzione della colpa alla sua vittima. “Vedi cosa mi hai fatto fare?” è la frase più tipica il cui significato può essere tradotto in mille formulazioni che portano sempre alla stessa conclusione: lui sa di aver sbagliato, se ne vergogna, lui non voleva che io uscissi di casa o che dicessi ad altri quel che mi stava succedendo. Solo mantenendo quel segreto tra le mura di casa gli si permette di svegliarsi il giorno dopo come se nulla fosse successo. Perché lui in realtà non si pente. Si tratta di un gioco sadico che tiene legata e dipendente la vittima di violenza. Se pensi che sia colpa tua e lui riesce a isolarti dal resto del mondo a te non resta che credere che lui abbia ragione.

[Read more…]

Annunci

Il futuro non è “femmina” ma è Intersezionale: sono una donna ed ho un pene!

Questo video riporta una testimonianza molto bella su quel che significa vivere da transgender. Le lesbiche terf londinesi dovrebbero ascoltare a fondo quel che questa donna dice. Antonella ci regala la traduzione dei sottotitoli.

[Read more…]

Lesbiche #Terf a Londra bloccano il Pride contro le persone Trans

Questa è una traduzione non letterale (di Isabella) di un articolo in cui si parla del regresso culturale delle lesbiche londinesi e non solo, quando dichiararono guerra – insieme alle femministe radicali – alle persone trans. La transfobia che traspare dalle loro parole è degna dei peggiori rappresentanti della destra estrema. Pur di riaffermare la propria supremazia e il separatismo esagerato hanno smesso di pensare che il femminismo e il movimento lgbtq devono essere inclusivi. Le arcilesbiche italiane d’altronde non sono migliori. Si attende che anche loro si prostrino pur di non far partire un Pride transinclusivo.

[Read more…]

Guida Facile per Alleate Smarrite

di Antonella

Tempo d’estate. Tempo di Pride. Tempo di folle e follie arcobaleno nelle strade. Allora che si fa? Si va, giusto? Giusto. Però. Premetto che ho molti amici etero, però io per certe cose vi confesso che sono un po’ all’antica. Tipo: se proprio vi scappa di appoggiare le lotte del movimento glbtqia+, sarà bene che facciate un minicorso accelerato di bon ton per brave attiviste.

[Read more…]

Arcilesbica come Salvini: donne libere soltanto di fare quel che loro ordinano!

Alcune componenti e/o simpatizzanti di Arcilesbica, mi pare in malafede, attribuiscono alle sex workers e a chi le sostiene i pensieri filofascisti della Lega Nord sulla prostituzione. In realtà la lega vuole le case chiuse, come mussolini a suo tempo, invece le sex workers e le femministe che le supportano, chiedono regolamentazione per quelle che scelgono liberamente le quali vorrebbero autogestire il proprio lavoro in cooperative o simili. non si è mai parlato di case chiuse, anzi.

[Read more…]

Ho uno stalker e non so più cosa fare

Lei scrive:

Cara eretica,
Sono una ragazza di 19 anni e ti scrivo per condividere una mia esperienza, sperando che possa aiutare altre ragazze nella mia stessa situazione, come molti tuoi post hanno fatto con me. Io vivo e studio a Dublino da un anno : ho la fortuna di poter vivere questa esperienza grazie alla mia famiglia, che crede fermamente in me e che mi supporta da sempre nel raggiungimento dei miei obbiettivi.

Al mio primo anno di college ho conosciuto un ragazzo: siamo diventati amici, abbiamo formato un duo ( studiamo entrambi musica) e dopo un paio di mesi ci siamo messi insieme. Ero affascinata dalla sua sicurezza e dalla sua voglia di fare, condividevamo grandi ambizioni e questa è una qualità che ho sempre ritenuto molto importante nelle persone. Tuttavia, lui ha pian piano dimostrato di essere una persona possessiva: all’inizio non ho dato molta importanza a questi eventi sporadici, fino a quando durante un litigio ( avvenuto a Marzo) nato da un’ incomprensione banale, lui mi ha messo le mani sul collo. Io l ho fermato all’ istante senza che potesse fare nient’altro e me ne sono andata, totalmente sotto shock per quello che era successo, urlandogli che chiaramente fra noi era finita.

[Read more…]

Necrologio della maternità

Qualcuno dice che “partorire è la cosa più naturale del mondo”. Chi lo dice generalmente non ha mai avuto neppure una doglia. Chi lo dice generalmente è un uomo che si attiva per assicurare la continuità della sua poco nobile stirpe e che delle donne pensa ne più e ne meno che siano delle macchine senz’anima per fare figli.

[Read more…]