Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

#Olanda – Il gruppo di “cristiane femministe” all’attacco contro le sex workers

Articolo di Kuba Shand-Baptiste

In lingua originale QUI. Traduzione di Ilga del Gruppo Abbatto i Muri.

Il gruppo “femminista” che preme per ottenere ad Amsterdam nuove leggi contro il sex work ha sbagliato tutto. 
È solo una crociata moralista (tesa a tutelare la virtù) mascherata da preoccupazione, tra l’altro condotta da persone che non capiscono ciò di cui dicono di volersi occupare.

>>>^^^<<<

Continue reading “#Olanda – Il gruppo di “cristiane femministe” all’attacco contro le sex workers”

Annunci
Antirazzismo, Autodeterminazione, R-Esistenze

Report internazionale: nessuna tratta nell’industria del sesso in Nuova Zelanda, ma gli abusi su migranti sono diffusi

Coordinatrice del Collettivo in difesa dei diritti delle sex worker in nuova Zelanda Catherine Healy

 

di THOMAS MANCH (QUI articolo in lingua originale. Traduzione di Pia)

Continue reading “Report internazionale: nessuna tratta nell’industria del sesso in Nuova Zelanda, ma gli abusi su migranti sono diffusi”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, R-Esistenze

Hollywood Madam : “Volete fermare la tratta? Legalizzate il sesso consensuale a pagamento“

Articolo in lingua originale QUI. Traduzione di Cecilia del gruppo Abbatto i Muri.

di Heidi Fleiss

Lo fanno perché è sesso. Lo fanno perché è conveniente. Lo fanno perché è veloce. Lo fanno perché non crea problemi. O almeno, finché non ti pizzicano.

Continue reading “Hollywood Madam : “Volete fermare la tratta? Legalizzate il sesso consensuale a pagamento“”

Autodeterminazione, R-Esistenze, Ricerche&Analisi

Il femminismo ha bisogno delle sex worker. Le sex worker hanno bisogno del femminismo

Bologna: Sexyshock e Comitato per la difesa dei diritti civili delle prostitute

 

VERSO UN MOVIMENTO PER I DIRITTI DELLE DONNE PIÙ INCLUSIVO PER LE LAVORATRICI SESSUALI

traduzione di:
Feminism Needs Sex Workers, Sex Workers Need Feminism, ICSRE, 2016 liberamente tradotto da una sex worker napulitan per l’8 marzo 2019.

Le lavoratrici sessuali in Europa e Asia Centrale spesso vivono e lavorano in contesti precari e pericolosi. Le motivazioni di tutto questo sono la criminalizzazione del lavoro sessuale, la precarizzazione del lavoro, la femminizzazione della povertà e la violenza strutturale, istituzionale e interpersonale contro le donne e la comunità LGBT. Questo breve opuscolo esplora le intersezioni tra ideologie femministe, diritti delle donne e diritti delle lavoratrici sessuali, e gli ideali femministi che sono inclusivi e supportano l’attivismo nel lavoro sessuale. Invita il movimento femminista a considerare sempre più evidente la necessità di supportare la lotta per la decriminalizzazione, costruire un’alleanza con le lavoratrici sessuali e le loro organizzazioni, e supportare attivamente le battaglie per i diritti delle lavoratrici sessuali e la decriminalizzazione del lavoro sessuale.

Continue reading “Il femminismo ha bisogno delle sex worker. Le sex worker hanno bisogno del femminismo”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, R-Esistenze

Tutt* hanno diritto di lavorare in sicurezza. Allora perché la legge non protegge le Sex Workers?

Una donna scrive ‘Sicurezza per le Sex Workers Adesso!’ – Primo marzo, giornata internazionale per i diritti delle sex workers. Dublino, Irlanda (Foto di Artur Widak)

 

Non si tratta di stabilire se il lavoro sessuale sia o meno degradante o emancipante – si tratta di affrontare la realtà di 70.000 donne che oggi scambieranno sesso per denaro e che non sono protette dalla legge

Di: Niki Adams, Portavoce del collettivo inglese delle prostitute

Articolo originale pubblicato il 1° Marzo 2019 sull’edizione online inglese del quotidiano Huffington Post: qui – Traduzione di Francesca e Nicoletta del gruppo Abbatto i Muri.

Continue reading “Tutt* hanno diritto di lavorare in sicurezza. Allora perché la legge non protegge le Sex Workers?”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

Legge Merlin: il reato di favoreggiamento punisce le sex worker. Corte Costituzionale=Paternalismo di Stato

Alcune persone che ci seguono ci chiedono come mai in questi giorni si parla della Legge Merlin, quella contro le case chiuse per intenderci, e di cosa si parla in realtà.

Detto semplicemente: la legge Merlin dichiarò illegali le case chiuse, volute in epoca fascista a gestione di maitresse con le prostitute a lavorarvi dentro. Le legge dichiarò illegale lo sfruttamento della prostituzione, ovvero di chi ci guadagna sfruttando chi la esercita, in special modo se si tratta di minorenni. La legge istituisce anche il reato di favoreggiamento ed induzione alla prostituzione. Indurre alla prostituzione significa portare una persona ad esercitarla e favorirla significa agevolare l’esercizio della prostituzione.

Continue reading “Legge Merlin: il reato di favoreggiamento punisce le sex worker. Corte Costituzionale=Paternalismo di Stato”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, R-Esistenze

La transfobia di Julie Bindel è una perenne fonte di trauma

Post in lingua originale QUI. Traduzione di Cecilia del gruppo Abbatto i Muri.

di Sam Hope

Ho una relazione abusante con Julie Bindel e non riesco a uscirne. Una relazione abusante nel mondo multimediale del 21° secolo non ha bisogno di avere connotati sentimentali o sessuali.

Vengo da una famiglia abusante, ho lavorato con gente sopravvissuta ad abusi, mi sono laureata in Trauma Studies con una tesi sulle conseguenze dell’abuso. Io so che aspetto ha l’abuso e che sensazione dà. L’aspetto che ha è il seguente.

Continue reading “La transfobia di Julie Bindel è una perenne fonte di trauma”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

Faccio la sex worker e l’otto marzo parteciperò allo sciopero delle donne

Lei scrive:

Cara Eretica, sono una donna di 36 anni che nella vita ha fatto di tutto per essere indipendente. Sono stata fin da subito disposta a viaggiare per lavoro, sono andata ovunque e ho fatto qualunque cosa. Però non ne ho ricavato nessuna stabilità ed è stato un po’ come vivere alla giornata. Ho deciso perciò di fare la sex worker e quello che non mi aspettavo era il giudizio di donne più grandi di me che pensano di sapere quello che dovrei fare con il mio corpo.

Ho detto subito alle mie amiche cosa avevo scelto di fare e ho portato la mia esperienza nelle riunioni e nella vita di tutti i giorni. Sapete qual è stato il danno maggiore? Quello che mi hanno procurato queste donne perbene che non fanno che giudicarmi e colpevolizzarmi. Naturalmente l’otto marzo io sciopererò e parteciperò alle manifestazioni che saranno organizzate ma non mi piace sentirmi giudicata e quindi sceglierò come sempre di stare con le mie amiche transfemministe e queer.

Continue reading “Faccio la sex worker e l’otto marzo parteciperò allo sciopero delle donne”