Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

Ti sei accorto di avermi stuprata? No, ma lo hai fatto!

Lei scrive:

Ti sei accorto di avermi stuprata?
Vorrei guardarti negli occhi e chiedertelo, per poi farti male, farti tanto male quanto tu ne hai fatto a me, perché la risposta la so benissimo ed è che no, non te ne sei accorto.

Sono andata a ballare e mi sentivo bella, anzi, bellissima. Per la prima volta dopo tanto tempo mi sentivo sexy e forte, mi sentivo padrona di me stessa e sentivo che era una mia scelta essere guardata, che se qualcuno avesse superato il limite non avrei avuto problemi a respingerlo.
Mi sono sentita così e poi mi hai ricordato perchè è una sensazione tanto rara.

Continua a leggere “Ti sei accorto di avermi stuprata? No, ma lo hai fatto!”

Annunci
Antisessismo, Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

Io stuprata da un branco perché bisessuale

Lei scrive:

Ciao Eretica. Non è la prima volta che scrivo; la mia storia è un po’ lunga, spero qualcuno avrà voglia di leggerla comunque. Ho subìto violenza sessuale e non solo purtroppo più volte nella mia vita. Ho subito violenza da piccola e anche durante l’adolescenza ci sono stati degli episodi di abuso. Ho avuto alcune storie tra i 15 e i 16 anni in cui ho fatto sesso volontariamente ma sono sempre stata trattata male e con brutalità. Sono bisessuale ma anche il mio approccio al sesso omosessuale è stato compromesso per sempre da una violenza di gruppo pochi mesi dopo essermi messa con una ragazza che ho amato da morire.

Continua a leggere “Io stuprata da un branco perché bisessuale”

Critica femminista, R-Esistenze, Violenza

Lo stupro commesso anche da donne

Abbiamo pubblicato un post di una persona che racconta, a modo suo, il perché non esista lo stupro commesso da una donna su un uomo. Tra le righe una critica, non dovutamente argomentata, su quello che i maschilisti intendono ogni volta che danno delle bugiarde alle donne o ogni volta che tirano fuori lo stupro subito da un uomo come pretesto per negare la violenza di genere. Una sorta di parità che a loro serve per dire che la violenza non avrebbe sesso e che la violenza di genere non esiste. Questi argomenti triti e ritriti vengono usati soprattutto da chi ritiene che le donne mentano quando denunciano di aver subito uno stupro avvenuto senza tracce e ferite evidenti, come se lo stupro fosse ritenuto tale solo se lei resta menomata o uccisa.

Continua a leggere “Lo stupro commesso anche da donne”

Antisessismo, Critica femminista, La posta di Eretica, R-Esistenze

Può esistere lo stupro di una donna su un uomo?

La pubblicità di Calvin Klein segnalata perché banalizza lo stupro

 

Lei scrive:

Ogni tanto leggo commenti di chi è convinto che esistano gli stupri commessi da donne contro uomini. Questo è ciò che dicono i maschilisti. Ma a meno che non si tratti di pedofile o di omoni che stuprano ragazzi nelle carceri io non riesco a immaginare uno stupro commesso da una donna contro gli uomini. Una donna può fare violenza psicologica, può cercare di manipolare, ricattare per ottenere sesso ma diversamente non ha la forza necessaria per fare molto.

Continua a leggere “Può esistere lo stupro di una donna su un uomo?”

La posta di Eretica, Personale/Politico

Mia figlia, disabile, molestata da un parente

Lei scrive:

Cara Eretica,

sono la mamma di una ragazza disabile che ha subito molestie sessuali per un anno da un parente del mio ex marito. Quando abbiamo scoperto quello che è successo abbiamo denunciato ma non è servito a niente. Ci tengo a dire che mia figlia non è abbandonata a se stessa e che suo padre non ha mai favorito alcun crimine. Vorrei anche sfatare un altro mito: queste cose non succedono solo in situazioni di degrado. Chi poteva immaginare che quell’uomo fosse così orribile e che facesse cose tanto mostruose. Veniva a trovarci a casa nostra e ha visto crescere quella ragazza che non è in grado di opporre un rifiuto. La sua disabilità non è solo motoria. Mia figlia ha problemi di comprensione di quello che le succede attorno e ha sempre accolto quell’uomo con un sorriso.

Continua a leggere “Mia figlia, disabile, molestata da un parente”

Antisessismo, Attivismo, Autodeterminazione, R-Esistenze

Femminismi in Grecia: contro il governo che cambia la definizione di “stupro”

di Elisabetta Garieri

Anche in Grecia da qualche anno fioriscono nuovi movimenti femministi e LGBTQ+ radicali, contro l’intensificarsi dell’attacco alle soggettività più vulnerabili da parte del sistema patriarcale. È un sistema incarnato da uomini che stuprano e uccidono le donne, ma anche da estremisti di destra e polizia, da sempre pericolosamente conniventi, e ancora di più da quando esiste il partito neonazista Alba Dorata.

«Governo e sbirri, tv e giudici, sono loro a ripulire tutti gli stupratori. Assemblea: Senza consenso è stupro»

Continua a leggere “Femminismi in Grecia: contro il governo che cambia la definizione di “stupro””

Autodeterminazione, La posta di Eretica, R-Esistenze

Quando a stuprarti è tuo marito

Mi sono svegliata con l’idea che tutto quanto fosse a posto. Non era così. Quando mi hai aggredita, messa a pancia sotto e ferita con il tuo pene non sapevo più chi eri. Non ricordavo di averti conosciuto né di averti permesso di fare quel che stavi facendo. Quello che so è che mi hai fatta sentire sola. Eppure non lo ero, perché a poca distanza da me c’era la culla di un bambino che avevamo fatto insieme. Non ho urlato, per non spaventarlo, mentre tu, incurante del suo sguardo, mi hai detto che lo stavi facendo perché sapevi che non mi piaceva.

Continua a leggere “Quando a stuprarti è tuo marito”

Antifascismo, Antisessismo, Critica femminista, R-Esistenze

Non stuprate le nostre donne ché le stupriamo noi (così pensò il tizio di Casapound?)

Possiamo allegramente ampliare lo slogan dell’estrema destra dato che abbiamo due tizi di quella fazione accusati di stupro, con tanto di video conservati sul cellulare, secondo ciò che dicono i media. Due destrorsi tra i quali un consigliere di casapound che sui social

Continua a leggere “Non stuprate le nostre donne ché le stupriamo noi (così pensò il tizio di Casapound?)”