Annunci

#SessismoNelMovimento: Confessioni di un’antifascista poco convinta

Lei scrive:

Cara Eretica,

ti scrivo in forma Anonima e così vorrei restare, non sono neanche sicura di voler vedere questa lettera pubblicata, ma sono giorni che non riesco a smettere di pensare a Claudia e al documento delle quattro crepe.

[Read more…]

Annunci

Se ubbidisci lui ti uccide

Lui scrive:

“Cara eretica,

Seguo la tua pagina e il tuo blog da tempo, la maggior parte dei tuoi post li condivido anche se in poche cose dissento. È comunque una pagina meravigliosa con storie incredibili. Ma ti devo segnalare questa foto che è veramente squallida che ho trovato su un social network. Ho espresso il mio disgusto e il mio rigurgito. “Se ubbidisci non ti uccide” ma che razza di post è questo? Significa che una donna pur di sopravvivere alle sevizie del proprio uomo deve sempre accettare e ubbidire quando le fa del male?
[Read more…]

Almeno fatemi ridere

Lei scrive:

Cara Eretica, si può scherzare sullo stupro? Le battute sullo stupro possono essere divertenti? Te lo scrivo perché mi pare che la reazione normale sulla pagina quando viene pubblicato qualcosa al riguardo (penso al post sulla occupazione italiana in Etiopia) sia troppe volte quella di “eh, ma si tratta di black humor!” (che – come ha giustamente commentato qualcuno – sembrerebbe essere il nuovo “e fatevela una risata”).

[Read more…]

#Parma – processo per stupro di gruppo: Claudia non è sola!

Domani Claudia dovrà subire forse la penultima udienza del processo per stupro di gruppo per il cui reato sono accusati alcuni membri della rete antifascista di Parma. Vittima fu una compagna in stato di incoscienza, oltretutto filmata mentre avveniva tutto ed è quel video, messo in circolazione per divertimento, che mostra tutto l’orrore che ha dovuto subire.

[Read more…]

Bill Cosby? Conferma tutto su droga e negazione del consenso ma – ehi – bisogna credergli se si dice innocente

Conoscete sicuramente la vicenda di Bill Cosby e di come un cavillo giudiziario lo ha salvato dalle accuse a lui rivolte. Il processo è stato dichiarato nullo e chissà quando e se riprenderà. Comunque è interessante seguire il dibattito che segue la vicenda. Per esempio c’è questo particolare articolo – tradotto da Antonella – che ribadisce due o tre principi del maschilismo che pratica victim blaming sulle vittime di abusi ribaltando la storia in favore del carnefice. Quale carnefice? Nessun carnefice. Il processo è nullo e perciò.
[Read more…]

Mi chiamavano “femminiello”

Lui scrive:

Ciao,
non so esattamente cosa sto scrivendo, né a chi sto scrivendo, ma sento l’urgenza di buttare fuori un po’ di rabbia perché potrei soffocare, stasera più che mai. Chiedo scusa a chiunque stia, in questo momento, dall’altro lato dello schermo perché forse ha di meglio da fare che leggere lo sfogo di uno che ha imparato tardi anche ad allacciarsi le scarpe e non ha mai imparato a difendersi dalle parole. Questo non è il mio vero nome e, naturalmente, questo non è il mio vero contatto. Ciò mi permette, forse per la prima volta in tutta la mia vita, senza timore, né imbarazzi, di raccontare un po’ di cose, di sputare un po’ di veleno e pregare di guarire, anche solo per un paio di ore, perché sono [Read more…]

Identità politica dello stupratore e stereotipi sessisti

Lui scrive:

“Ciao Eretica,

un amico mi ha girato un link di un post relativo ad Assange, le accuse di stupro e il pseudo dibattito online;

http://laurie-penny.com/its-trigger-warning-week/

[Read more…]

Serracchiani: lo stupro è stupro, chiunque lo infligga

Serracchiani è scivolata sulla differenza tra stupri italici e quelli commessi da stranieri. Stesso atteggiamento dei leghisti i quali sono sempre pronti a strumentalizzare la violenza di genere in chiave razzista. Ma se Serracchiani si informasse meglio saprebbe che la maggioranza delle violenze in Italia sono commesse da italiani sostenuti da una cultura dello stupro che è universale. Lo stupro è stupro, chiunque lo commetta e una donna stuprata da un italico carnefice non può di certo sentirsi meno compresa, accolta e supportata rispetto a quella stuprata da uno straniero.

[Read more…]