Antisessismo, Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

Storia di un corpo

La statua di questa donna dalle magnifiche proporzioni si trova nella casa museo di Salvador Dalì – foto mia.

 

Il corpo. Strappato, lacerato, smontato, spezzettato, misurato, pesato. Il corpo da vestire, spogliare, placare, stritolare in abiti scomodi e stretti, per apparire diversa, più magra, più bella. Il corpo con le sue proporzioni o sproporzioni da affettare, segare, perché “qualche anno fa eri così bella… magra”. Oggi ho smesso di pensare al corpo e ho cominciato a parlare con me, di me, di quello che mi passa per la testa, di quel che avrei voluto e vorrei. Non mi è venuta voglia di mangiare più del dovuto. Non mi serve anestetizzare il dolore se lo faccio venire fuori, tutto insieme, con la morsa che stringe e costringe prima che il corpo la mia anima.

Continue reading “Storia di un corpo”

Annunci
Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

Donna. Disobbediente. Cattiva. Egoista

Non scegli la famiglia in cui nascere. Ti capita. Ecco tutto. A me è capitata una famiglia con un padre furioso e una madre al suo servizio, martire e sacrificata “per il bene dei figli”. Quando sono rimasta incinta non c’era niente che mi facilitasse l’idea di abortire e così ho partorito, attorniata da gente che mangiava confetti e confezionava copertine del colore adatto al sesso biologico della prole. Un parto doloroso e poi la sorpresa: non somigliavo affatto a mia madre. Non mi piaceva il martirio, il sacrificio, perciò ero egoista. Molto egoista. Talmente egoista da scegliere di ribellarmi all’altro padre padrone che entrò nella mia vita grazie ad uno spermatozoo e all’esaltazione del modello femminile sponsorizzato ovunque.

Continue reading “Donna. Disobbediente. Cattiva. Egoista”

Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

Iva su assorbenti, paternalismo e maternalismo (Sterilizzateci Tutte!)

Maternalismo. Ho trovato il termine appropriato. Lo descrive Lina Meruane nel suo ultimo libro “Contro i figli” (da leggere!). Quando le altre dicono cosa sia meglio per te, per tutte le donne, parlando di maternità e questioni biologiche, riproduttive. Paternalismo: quando lui sa quel che è meglio per te. Unito all’ambientalismo pretestuoso, imposto come dovere di ritorno ai vecchi ruoli sociali delle donne, il paternalismo è quello dell’esponente del M5S che ci impone la maniera di raccogliere il sangue delle nostre mestruazioni.

Continue reading “Iva su assorbenti, paternalismo e maternalismo (Sterilizzateci Tutte!)”

Antisessismo, Critica femminista, R-Esistenze, Recensioni

Tre modi per essere mascolino

di Samantha Musolino

Wikihow porta avanti stereotipi di genere?

Analisi semiseria di un articolo scemo.<

Wikihow è un sito che spiega come fare di tutto: da “come preparare un uovo sodo” a “come scrivere un romanzo”, da “come eseguire il reset di un BlackBerry” a “come diventare una fata”. Tra gli articoli c’è anche come diventare più femminile o più mascolino.

Analizziamo i “Tre modi per essere mascolino” (https://www.wikihow.it/Essere-Mascolino

Continue reading “Tre modi per essere mascolino”

Antisessismo, Autodeterminazione, R-Esistenze

#BodyLiberationFront: la pratica femminista mi ha cambiato la vita

Il contributo di X per la campagna #BodyLiberationFront
 
lei scrive:
 
La storia del mio corpo è anche la storia di come la pratica femminista mi ha cambiato la vita.
 
Sono cresciuta con un corpo magro e secco che raggiunse la pubertà più tardi degli altri. La minuscola taglia del mio seno iniziò a tormentarmi quando tutte attorno a me mi apparivano donne formate e formose, e io mi guardavo allo specchio e vedevo un corpo da bimba e niente di più. Le compagne delle medie mi dicevano che sembravo un palloncino; un corpo esile con una grande testa. Le compagne delle superiori, più tardi, mi dicevano che ero una tavola da surf; che il mio seno era ridicolo; che a salvarmi, dato il mio viso “non bello, forse interessante” erano le gambe esili. Io mi rifugiavo nei libri e nello studio e pensavo che non sarei mai stata bella, e che tanto valeva pensare solo a coltivare mondi e nozioni nella mia testa e nei libri: il corpo non è importante, pensavo. Non capivo, allora, che sono anche il mio corpo, che non c’è antitesi tra l’essere bella ed essere intelligente. Mi rifugiavo in una cosa perché non potevo, pensavo, essere l’altra.

Continue reading “#BodyLiberationFront: la pratica femminista mi ha cambiato la vita”

Antisessismo, Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

Le mie insicurezze sul mio corpo? Colpa del sessismo. Colpa dei maschilisti!

Lei scrive:

Le varie fasi della mia vita, con i vari cambiamenti del mio aspetto sono sempre state caratterizzate dai giudizi altrui. Vorrei riassumerli, con rabbia, perché è quella che mi porto dentro da molto tempo. Potremmo tutte stare bene con noi stesse se solo certa gente decidesse di tacere.

Continue reading “Le mie insicurezze sul mio corpo? Colpa del sessismo. Colpa dei maschilisti!”

Antisessismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Personale/Politico, R-Esistenze

#BodyLiberationFront – il nostro corteo di corpi liberati

I nostri corpi sono prigioni. Non importa quale sia il nostro grado di consapevolezza o quante volte ripetiamo a noi stesse che dobbiamo volerci bene così come siamo. I canoni estetici influenzano la nostra vita tutti i giorni e ci impediscono di vivere e respirare come vorremmo. Ed ecco perché è utile raccontarsi e mostrare quel che di noi appare come qualcosa che ci fa vergognare. Ma non c’è nulla di cui vergognarsi e raccontare e mostrare le nostre cicatrici, la panza, le smagliature, le ferite autoinflitte, la cellulite, i peli, qualunque cosa ci faccia sentire con nella “norma” estetica dominante è un po’ come rompere quelle sbarre e mettere alla luce quel che altri vorrebbero farci nascondere.

Continue reading “#BodyLiberationFront – il nostro corteo di corpi liberati”

Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

Il sedativo più potente nella storia delle donne

Articolo scritto da Evie

In lingua originale QUI. Tradotto da Angela del Gruppo di lavoro Abbatto i Muri.

“La fissazione culturale sulla magrezza femminile non è un’ossessione sulla bellezza femminile, ma un’ossessione sull’obbedienza femminile. La dieta è il più potente sedativo politico nella storia delle donne; una popolazione silenziosamente pazza è una popolazione docile” -Naomi Wolf

Continue reading “Il sedativo più potente nella storia delle donne”