Annunci

Lettera di un maschilista

Lui scrive:

Cara Eretica scrivo un messaggio che è un po’ controcorrente. La vostra battaglia contro gli stereotipi sessisti è una buffonata. Donne e uomini sono biologicamente destinati a fare cose diverse. L’insistenza da parte di un uomo è solo espressione di virilità. Le donne sono fatte così. Quando dicono di si sono puttane. Se dicono di no vale la pena e in realtà il corpo dice di si. Se fosse stupro non si bagnerebbero.

[Read more…]

Annunci

La difesa sessista dei carabinieri accusati per lo stupro a Firenze

 

E’ così per i carabinieri accusati per lo stupro delle due ragazze americane si trattava solo di galanteria perché poi, come affermano “Tutti sanno che queste americane spesso e volentieri fanno delle avances” che non è tanto diverso rispetto a quello che si è detto ogni volta che a firenze una donna americana è stata vittima di qualunque tipo di violenza.

[Read more…]

Prada e gli abiti “anti-stupro” che coprono le donne

Mi scrive una ragazza che critica il victim blaming definito in un articolo su La Stampa che parla di una sfilata di moda a cura di Prada. Non solo si tratta di pink washing, ovvero di uso della lotta contro la violenza di genere per pubblicizzare un marchio, ma dalle dichiarazioni espresse pare proprio che il victim blaming sia un po’ più che accennato. Perché non creare allora un burqa?

[Read more…]

Fare una battuta da Rape Culture non vuol dire che sei uno stupratore

Mi ritrovo a leggere un articolo che parla di cultura dello stupro e di un post di un fumettista il cui nome mi è totalmente nuovo. Il punto chiave della faccenda sta nelle sue scuse che riassumono pienamente la totale assenza di consapevolezza di chi veicola cultura dello stupro, sessismo o misoginia. Dire che una app potrebbe essere utile a fare addormentare una ragazza con la quale tu potrai fare sesso è diffondere cultura dello stupro. Parlarne con chi la diffonde può essere utile a volte, sempre che costui non si metta sulla difensiva spostando l’attenzione sulla malevola accusa a lui rivolta. Il passaggio che va compreso è che ovviamente non tutte le persone che veicolano sessismo lo fanno consapevolmente. Magari ci si aspetta più consapevolezza da chi fa della comunicazione, parlata, filmata, disegnata, un mestiere ma ovviamente, giusto perché non siamo così perfide, noi che lottiamo contro la rape culture, comprendiamo come si possano ripetere a pappagallo frasi dannose senza che ci sia malafede. Il sessismo, la misoginia, la cultura dello stupro, vivono di questo. Esistono milioni di persone, ogni giorno, veicolano messaggi che rafforzano stereotipi sessisti, che mettono nero su bianco giustificazioni alla violenza di genere o banalizzazioni su quel che significa cultura dello stupro.

[Read more…]

Mi fossi piaciuto ci sarei stata. Non mi sei piaciuto, ho detto no e mi hai stuprata!

Lei scrive:

Lo incontro dopo un paio di anni e ricordo in un attimo tutto quello che mi disse allora. Bella, carina, dammi la mano, che tenera. Tutto questo prima di ficcarmi la lingua in bocca e bloccarmi sul sedile della sua auto fino al momento in cui non finì di fare i suoi parci comodi. Mi piaciucchiava, un minimo, ma non sapevo neppure quel che volevo dalla vita, figuriamoci stabilire di fare sesso con uno che non avevo neppure annusato.

[Read more…]

Quando ti senti obbligata a farlo anche se vorresti dire NO

Lei scrive:

Ciao eretica, ho cominciato da qualche mese a seguire la tua pagina, da quando, scorrendo sulla home di facebook, mi sono ripetutamente imbattuta in commenti e stati sessisti e misogini, proferiti da persone che ovviamente non hanno coscienza della pericolosità dei messaggi che veicolano, e che sarebbero pronte a giurarsi “solidali” alla causa femminista.

[Read more…]

Non insegnate alle donne a non “farsi” stuprare. Insegnate ai sessisti a non stuprare!

 

Foto, purtroppo censurata perché già cancellata da Facebook, di Flora Negri. Ritrae donne in lotta contro la cultura dello stupro. QUI la versione non censurata.

 

Libero pubblica una sorta di vademecum per non essere stuprate. Una lettera, se così si può definire, stracolma di paternalismo a partire dall’immagine scelta come allegato ad una serie di raccomandazioni rivolte alle ragazze per non farsi stuprare.

[Read more…]