Annunci

L’insulto è un atto politico

da Comune-Info.Net

Maria Galindo, femminista del Collettivo Mujeres Creando, è di certo tra le donne che hanno ricevuto più insulti nel mondo. La sua lunga e coraggiosa attività creativa, in un paese tutt’altro che facile come la Bolivia, è sempre stata segnata da azioni dirompenti e provocatorie nei confronti del dominio maschile e dell’ipocrisia dello Stato e della Chiesa cattolica. È dunque in primo luogo l’esperienza che la spinge a riflettere sulle possibilità concrete di neutralizzare la portata e la valenza politica di comportamenti – quasi sempre ispirati dalla debolezza, dall’incapacità di confronto e dalla frustrazione – che però acquisiscono efficacia solo nel momento in cui fanno male. Quando l’insulto incontra indifferenza o ironia, perde invece ogni possibilità di umiliare o di screditare la persona che lo subisce. Per questo ridere di un insulto che ci viene diretto non è solo un segno di forza ma un atto politico che afferma una grande e bella libertà [Read more…]

Annunci

#ClaudiaNonSeiSola: “ti chiedo scusa” – “perché nessuno ti ha chiesto ‘come stai’?”

Lei scrive:

Ho seguito tutti gli articoli su Claudia, e dopo tanto tempo trovo il coraggio di dire due parole.

[Read more…]

Avete ragione: a voi il menspreading e a noi il “#womenspreading rivendicativo”. #Riprendiamociglispazi!

Sul menspreading e contestazioni varie ci è arrivato un intervento – decisamente contro – argomentato in maniera civile. Codesto tipo di interventi non solo non sono per noi fonte di problemi (non è l’opinione diversa che induce il ban ma l’insulto e la polemica sterile), ma sono anzi uno stimolo che ci porta a rispondere punto per punto e a raccontare il nostro punto di vista. Con l’invito a usare lo stesso tono invitiamo perciò ad una bella e interessante discussione che, per quel che ci riguarda, vorremmo portare avanti cambiando prospettiva. Non più un “chiudi le gambe” riferito agli uomini ma, anzi, “apri le gambe” alle donne che vogliono sovvertire la cultura del “siediti da signorina, composta e a cosce chiuse” con una rivendicazione mirata alla riappropriazione dei nostri spazi. Ecco l’intervento e poi a seguire trovate la nostra risposta/proposta. Buona lettura!

[Read more…]

Amanda Knox: morbosa la stampa che vuole sia considerata strega

di Laura

Mi piacerebbe che si parlasse ancora una volta di Amanda Knox, non tanto per quel che riportano le pagine di cronaca nera perché ne abbiamo già avuto abbastanza, quanto più per l’attenzione a lei dedicata sotto un’altra veste: un caso di tortura mediatica marchiata da un pregiudizio sessista, forse il più grave degli ultimi anni.

[Read more…]

Trans Ftm: “vorrei adottare un bambino”. Risposta: “fatti ingravidare”!

Lui scrive:

“Ciao Eretica e altri, eventuali, admin della pagina. Vi scrivo perché non so dove altro andare a rifugiarmi, perché ho bisogno di sfogare, di ricevere consigli, di parlare. Perché più ci penso, più mi sento triste, solo, dilaniato.

[Read more…]

#Parma – processo per stupro di gruppo: Claudia non è sola!

Domani Claudia dovrà subire forse la penultima udienza del processo per stupro di gruppo per il cui reato sono accusati alcuni membri della rete antifascista di Parma. Vittima fu una compagna in stato di incoscienza, oltretutto filmata mentre avveniva tutto ed è quel video, messo in circolazione per divertimento, che mostra tutto l’orrore che ha dovuto subire.

[Read more…]

Io genderqueer: ho bisogno del femminismo perchè

L*i scrive:

Cara Eretica, la tua pagina e le persone che vi scrivono offrono tanti spunti di riflessione a cui vorrei dare un contributo, e oggi ho deciso di lasciarti un messaggio in veste di sfogo.
In ogni caso, mi piacerebbe rimanere anonimo.

[Read more…]

A me preoccupa l’evocazione della repressione per un cunnilingua in piazza

In Piazza San Domenico, a Napoli, una ragazza ha goduto di un cunnilingua. E chiunque normalmente dice di se’ che punta alla massima libertà sessuale, inclusi i masculiddi che arrubbano le fotografie in bikini delle donne sconosciute e poi dicono che ne hanno diritto perché il godimento è d’uopo se la foto è online, pure se pubblicata in privatissimo, tutti questi umani improvvisamente si sono trasformati in preti.

[Read more…]

Non Una Di Meno – da movimento in partito? Eccovi il richiamo al: sapevi con chi avevi a che fare e mo ti rassegni!

Dopo il mio post di riflessione a contributo della discussione su quel che accade nelle dinamiche interne a Non Una Di Meno trovo un commento al quale ho risposto velocemente ma rinviando ad un’altra analisi politica e lettura delle pratiche NON condivise che in tante subiamo. Tante, voglio dirlo, non solo io sono perplessa su quel che sta avvenendo.

[Read more…]