Autodeterminazione, Critica femminista, Culture, R-Esistenze, Recensioni

Contro i figli, Pamphlet di Lina Meruane

recensione di Virginia

Meruane descrive con tono brillante ma intessuto di partecipazione le violente pressioni cui ogni donna è sottoposta nel sistema patriarcale e capitalista occidentale per costringerla a procreare. Il pamphlet è punteggiato da preziosi rimandi e citazioni di scrittrici, soprattutto sudamericane (ma non solo). Ogni capitolo si muove attorno ad un tema ed ogni capitolo lascia qualche ricordo felice, perciò vorrei brevemente annotare quello che mi piace di più di ciascun capitolo.

Nel primo capitolo “La macchina sfornafigli”, da diverse angolazioni e con toni anche divertenti – i ragazzini del piano di sopra che ballano il tip tap – emerge la posizione indiscutibilmente “dovuta”, contro ogni logica razionale, che il Figlio ha assunto nell’immaginario collettivo odierno: “l’insistente ticchettio del dettame sociale: ormoni e sermoni sulla riproduzione si sommano, facendo sì che la maternità come obbligo diventi difficile da evitare”. E’ contro i Figli e non contro le bambine e bambini che disserta Meruane, non contro i tanti piccoli che arrivano dai luoghi più martoriati del pianeta, piccoli (o grandi) che potrebbero essere accolti in relazioni familiari: questa è un’altra storia e altri libri e il pamphlet si scaglia invece contro la figura del Figlio-Di-Sangue, contro il “destino materno normalizzato e naturalizzato”.

Continue reading “Contro i figli, Pamphlet di Lina Meruane”

Annunci
Personale/Politico, R-Esistenze, Recensioni

“Non riuscivo a trovare famiglie LGBTI in situazioni normali nei libri per bambini, e così ne ho scritto uno”.

Articolo in lingua originale QUI. Traduzione di Cecilia del gruppo Abbatto i Muri.

Mark Loewen non trovava libri per bambini che rappresentassero nella vita di tutti i giorni le famiglie arcobaleno.

Continue reading ““Non riuscivo a trovare famiglie LGBTI in situazioni normali nei libri per bambini, e così ne ho scritto uno”.”

Comunicazione, Critica femminista, Culture, R-Esistenze

Milano e la Maestà Offesa

C’era una volta la Milano da bere e sbevazzando un bicchiere dietro l’altro a qualcuno venne in mente di proporre un’installazione “artistica” in forma di corpo di donna usato come puntaspilli. Ottima ispirazione per chi si occupa di sartoria ma a noi che ci occupiamo di comunicazione che contrasta la violenza di genere quell’idea è sembrata una stronXata. Oggi ci arriva invece questa novità.

Continue reading “Milano e la Maestà Offesa”

Antisessismo, Critica femminista, R-Esistenze

Congresso Famiglia #Verona – La farsa continua: Il patrocinio del Ministro Fontana è giuridicamente inesistente

A seguito delle dichiarazioni di Conte sul ritiro del patrocinio al Congresso delle Famiglie di Verona, credevamo la questione fosse chiusa. E, invece, è di poche ore dopo la notizia del patrocinio del Ministro Fontana, tutt’ora visibile sulla homepage del Congresso, un evidente gesto di forza e sfida verso le associazioni e i cittadini che nei giorni scorsi si erano mobilitati contro la concessione del patrocinio.

Ora, la questione del patrocinio è stata grottesca fin dall’inizio. Ma pare che questo Governo non abbia ancora finito di stupirci.

La concessione del patrocinio da parte di Fontana è infatti nulla, sembrano esserci pochi dubbi al riguardo. Il Ministro della Famiglia è un Ministro senza portafoglio, il che significa che non ha un ministero alle sue dipendenze. In questo senso “dipende” dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e di conseguenza può concedere il suo patrocinio solo attraverso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ovviamente, il Ministro ne era al corrente fin dall’inizio. Il Patrocinio contestato, infatti, era quello della Presidenza del Consiglio cui aveva scaltramente aggiunto la dicitura “Il Ministro per la Famiglia e le Disabilità”.

Continue reading “Congresso Famiglia #Verona – La farsa continua: Il patrocinio del Ministro Fontana è giuridicamente inesistente”

La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

Gravidanza sempre bella e fantastica? Ma anche no

Lei scrive:

Buongiorno a tutto lo staff di Abbatto i Muri,
Non so se questo mio pensiero sia inerente alla pagina e ai temi trattati, in ogni caso è qualcosa che tocca l’universo femminile e a suo modo i tabù che si porta dietro da anni e anni.
Sono una donna trentenne o poco più, incinta al settimo mese di un bambino fortemente voluto e fortemente atteso. E qui viene il bello. Nessuno mi ha mai detto di quanto fosse difficile portare avanti una gravidanza.

Nessuna mia amica, sorella, cugina, madre, suocera mi ha parlato dei fastidi, degli attacchi di panico, del terrore che ti assale la notte e dello sconforto che ti prende anche quando devi semplicemente allacciarti le scarpe ed è un’impresa molto complicata con un pancione davanti.

Solo forse qualche vignetta umoristica, o qualcuno che bolla questi momenti come semplici sbalzi ormonali, come se noi donne non avessimo il diritto di essere tristi mentre aspettiamo un figlio, anche se è una cosa che abbiamo voluto e che abbiamo scelto di fare.

Continue reading “Gravidanza sempre bella e fantastica? Ma anche no”

Comunicazione, Critica femminista, R-Esistenze

Donne che amano il linciaggio

E’ l’ora dei due minuti d’odio. Donne piene di rancore, apologete del delitto per vendetta, plaudono ad un assassinio di quella che chiamano madre coraggio. Poi rivendicano per se’ quella violenza come fosse un atto di giustizia che salda il prezzo delle donne morte assassinate per mano di uomini. Non si capisce quale sia il nesso ma questo per loro è.

Continue reading “Donne che amano il linciaggio”

Critica femminista, R-Esistenze

“Le donne sono le peggiori nemiche delle donne” ed altri luoghi comuni

Ogni volta che una donna tira fuori un insulto nei confronti di un’altra donna viene fuori qualche detto stereotipato che di fatto non ci fa bene. Le donne sono persone e in quanto tali non possono essere sopravvalutate e neppure accomunate per via della semplice biologia. Chi insiste nell’affermare che le donne sono naturalmente solidali, empatiche, caritatevoli, dedite alla cura, sbaglia e sbaglia moltissimo. Se fossimo coscienti di quel che siamo forse non ci sorprenderebbe più di tanto quel che leggiamo e vediamo ogni giorno.

Invece l’insulto di una donna diventa più grave di quel che un uomo dice. Da un uomo quindi ci si aspetta il peggio ma da una donna, femminile, leggiadra e angelica, invece no. Continuare a insistere sull’idea per la quale le donne sono il meglio della società, è deleterio per tutte noi. Siamo semplicemente umane e quindi siamo anche noi portatrici di valori e idee pessime, a volte. Le donne diventano veicoli di cultura maschilista tanto quanto gli uomini, per esempio.

Continue reading ““Le donne sono le peggiori nemiche delle donne” ed altri luoghi comuni”

Antisessismo, Comunicazione, R-Esistenze

Spot Salsa Mutti: se l’uomo cucina allora è un eroe

Pubblicità Mutti. Quando lei esce e il papà fa l’eroe. Quanti stereotipi sessisti sono contenuti in questa strategia di marketing? Milioni. Se il babbo resta a casa e prepara da mangiare al figlio perché mai dovrebbe essere considerato un eroe? La madre che cucina è la norma e invece il padre che cucina compie un gesto eroico.

Continue reading “Spot Salsa Mutti: se l’uomo cucina allora è un eroe”