Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, Precarietà, Storie

Sola, senza prospettive, eutanasia: un paio di cose in risposta ai commenti

Lei scrive:

Quando ho inviato il messaggio l’ho fatto perché il blog o la pagina sono un mio riferimento da sempre. Non intendevo offendere nessuno. Vedere il post pubblicato e leggere alcune risposte mi ha fatto guadagnare cinque minuti di notorietà? No. Cinque minuti di ossigeno, forse. Considerare la possibilità di poter coesistere con altre donne in situazioni simili mi ha fatto sperare. Sperare in una vita degna di essere vissuta. Se solo fosse davvero possibile. Mi piacerebbe, molto. Perché il punto è che l’eutanasia, lenta, è già in atto. Cosa pensate succeda quando ogni interruttore della tua vita viene spento e tu sei costretto a vivere nel buio?

Continua a leggere “Sola, senza prospettive, eutanasia: un paio di cose in risposta ai commenti”
Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, Precarietà, Storie

Sola e senza prospettive: perché non ho diritto all’eutanasia?

Lei scrive:

Ho 55 anni, sono disoccupata, ho problemi di salute, non ho prospettive o un posto dove andare, sono brutta e grassa e mio marito vuole divorziare. Dice che mi darà un po’ di soldi al mese per non farmi morire di fame ma il problema resta. Dove andrò a vivere? Come pagherò una stanza? Cosa farò? Chi si prenderà cura di me se neppure io so farlo? Ed è per questo che penso che l’eutanasia sia un buon proposito laico da attuare. Meglio che pietire elemosine, meglio che sperare in una valorizzazione che non mi è concessa, meglio che sperare che in questo mondo di merda a qualcuno davvero importi qualcosa delle persone come me.

Non è una richiesta di aiuto. Non si tratta neppure di uno sfogo ma della descrizione accurata dei fatti. Non sono in grado di autogestirmi perché con una depressione che mi causa immobilità. Ho il terrore di uscire e vedere gente, tecnicamente è agorafobia. Il semplice contatto telefonico con qualcuno mi dà problemi. Il Covid non fa che aggravare tutto questo. Dunque mi serve assistenza medica, soldi per i farmaci e qualcosa che mi consenta di restare in vita. Ma la legge dice che non posso chiedere il suicidio assistito perché c’è chi si arroga il diritto di scegliere per noi quando, dove e come dobbiamo morire.

Continua a leggere “Sola e senza prospettive: perché non ho diritto all’eutanasia?”
Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico

#TuttaColpaMia #TW: concedersi il permesso di essere “indecente”

La testimonianza che segue viene pubblicata sul blog non perché sia più importante di tutte le altre pubblicate sulla pagina fb di Abbatto I Muri ma solo perché la lunghezza e la terminologia (#triggerwarning) usata non è adeguata alla divulgazione su fb che, come minimo, la censurerebbe subito. E dato che a me non piace censurare nulla e a parte edulcorare qualche parola tendo a lasciare il testo così come l’avete inviato, mi pare più opportuno che il testo resti in questa cornice, aperta ai vostri commenti e ovviamente alla vostra lettura e partecipazione. Come sempre vi invito a prendere parte alla campagna #tuttacolpamia scrivendo a abbattoimuri@gmail.com.

Continua a leggere “#TuttaColpaMia #TW: concedersi il permesso di essere “indecente””
Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, La posta di Eretica, R-Esistenze

Risposta a Concita de Gregorio

In quanto donna e trans sento il bisogno di scrivere questa risposta.

Egregia Professoressa De Gregorio

ho letto con crescente costernazione il suo articolo intitolato “L’identità di genere è contro le donne”. Non pretendo di farle cambiare idea, vorrei tuttavia portare la sua attenzione su alcuni fatti incontrovertibili:

Continua a leggere “Risposta a Concita de Gregorio”

La posta di Eretica, Personale/Politico, Violenza

Il mio ragazzo mi picchiava. Io costretta con lui per il Corona Virus

Lei scrive:

Cara Eretica, credo di non dire niente di nuovo quando descrivo la trappola in cui mi sono trovata per mesi per via del Corona Virus. Il mio (ora ex) ragazzo è venuto a trovarmi dalla città in cui vive (abitiamo a chilometri di distanza) e poi tutto è stato bloccato e io mi sono trovata a vivere in un incubo. Capisco che la situazione creata poteva essere claustrofobica ma lo era per entrambi, eppure ad essere violento era solo lui. Lo conoscevo ma non avevamo mai passato insieme più di due giorni.  Ci vedevamo nei week end, io andavo da lui o viceversa, e tutto sembrava magnifico. Così mi sono ritrovata assieme ad un uomo geloso, insicuro, narcisista e violento.

Continua a leggere “Il mio ragazzo mi picchiava. Io costretta con lui per il Corona Virus”

Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

Io non sono un oggetto sessuale, ma a volte vorrei esserlo.

Lei scrive:

Io non sono un oggetto sessuale,

ma a volte vorrei esserlo.
Vorrei sapere com’è avere addosso uno sguardo di desiderio. Sentirmi radiogafare il corpo da qualcuno che mi immagina nuda mentre faccio sesso con l*i. Vorrei andare ad una serata e trovarmi un* sconosciut*, anche un* soltanto, che mi guarda, si avvicina e vuole parlare con me perché spera di portarmi a letto.
Vorrei avere il privilegio di lamentarmi perché ho ricevuto troppe attenzioni sessuali. Non voglio sminuire l’esperienza di chi ne è infastidit* o se ne sente addirittura violat*, voglio solo raccontare che, dal mio punto di vista, perfino quello è un privilegio.
Sono una donna, lesbica, disabile e il mio corpo non è desiderabile. Non conto più le volte in cui sono stata friendzonata. Uso la app di incontri perché mi consentono di mostrare per prima cosa un’altra parte di me, farmi notare per come mi esprimo. Ormai ho una tale esperienza nelle dinamiche delle app di incontro che potrei pubblicare uno studio. Ho provato tutte le strategie possibili e portato avanti centinaia, forse migliaia di conversazioni. Alcune di queste sono durate giorni o settimane, sono state profonde, brillanti, divertenti. Ho studiato come scrivermi un profilo accattivante e ironico, ho inventato battute d’attacco originali, ascoltato pazientemente i resoconti di non so più quanti lesbodrammi e condotto conversazioni senz’altro migliori del 90% di quelle che possono capitarti su Tinder. Alla fine, la maggior parte delle ragazze non le incontro mai; alcune si fanno di nebbia con scuse improbabili, altre dicono apertamente che si scusano tanto ma non se la sentono di fare sesso con me. Alcune le incontro e ci dimentichiamo in fretta; ogni tanto, infine, mi lascio scegliere da qualcuna, che in genere è più in difficoltà di me col suo corpo o con la sua vita, e ci vado a letto o avvio qualche forma di pseudorelazione insoddisfacente.

Continua a leggere “Io non sono un oggetto sessuale, ma a volte vorrei esserlo.”

Antisessismo, Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

Il luminare che mi ha molestata durante una visita medica

Lei scrive:

Ciao Eretica, ti seguo da anni ma non avevo mai sentito la necessità di scriverti in prima persona. Oggi invece voglio contattarti per rispondere alla ragazza che hai pubblicato poco fa, che si è sentita a disagio per i commenti fatti dai chirurghi durante la sua operazione. Ti chiedo cortesemente di poter rimanere anonima.

Anche a me è successo un fatto gravissimo, legato alla sanità, di cui vi (ma soprattutto le) vorrei parlare.

Quando ero alle medie -l’età precisa ora non la ricordo, ma comunque se ero alle medie ero una ragazzina e per certo ero minorenne- andai accompagnata da mia madre all’ospedale per alcuni accertamenti.

Continua a leggere “Il luminare che mi ha molestata durante una visita medica”