#Bari: cacciata dalla città per un’occupazione utile a migranti e precari

Lei scrive:

ciao, dopo aver passato dei giorni difficili, ho scritto questa lettera per raccontare la mia storia, perchè non ho più voglia di rimanere in silenzio.

Quella che sto per raccontarvi è un’ordinaria storia di repressione. Comincia sei anni fa, quando a Bari fu occupato uno spazio abbandonato dalla Provincia. L’occupazione si chiamava Villa Roth ed era un posto meraviglioso, uno spazio sia abitativo che sociale in cui vivevano famiglie migranti, senzatetto italiani, student* e precar*, fra quelle mura eravamo una grande famiglia e abbiamo costruito iniziative musicali, politiche, sociali. Siamo stati bene e abbiamo fatto del bene, e non mi pentirò mai di questa scelta.
[Read more…]

Advertisements

Cagne del Capitalismo

Il discorso di Yasmin Nair in occasione dell’International Working Women’s Day, Chicago, 08/03/2017 

Il link al post originale qui. Traduzione di Antonella.

 

 

(…)Di tre cose voglio parlare oggi – la prima: il concetto stesso di donna, donna come categoria, e intendo farlo in un modo che non rimandi all’idea della cancellazione delle donne trans e delle persone trans in generale. Questo è il 2017 e ci sono ancora troppe resistenze e dissensi che riguardano qualcosa di semplice come “l’inclusione” delle donne trans. Due: voglio parlare di cosa significhi da donna combattere il capitalismo ed il patriarcato. Tre – forse la cosa più importante – come continuare a combattere come donne, o comunque ci identifichiamo, senza esaurirci nel breve termine.

[Read more…]

Sull’8 marzo e sul volere tutto

(nella foto: Milano, Piazza Duca d’Aosta, 8 marzo 2017)

 

di Marica Biancotti

Prima della festa della donna e della manifestazione/sciopero globale “Lotto Marzo” mi sono ritrovata a dover rispondere al perché ci sia ancora bisogno, secondo me, di “scendere in strada” per ribadire e difendere i diritti del genere femminile nello specifico. Ovviamente è stato un uomo a chiederlo, ma non è questo il punto.

[Read more…]

L’amore ai tempi delle proteste civili

 

di Inchiostro

A volte mi chiedo dove sia il trucco, se esista uno stratagemma. A volte mi sveglio e mi manchi più di ieri, forse un po’ meno di quanto mi mancherai domani, e penso che tutto sommato non posso lamentarmi, che questo senso d’instabilità è ciò che mi mantiene vivo, che non mi ci vedo a rassegnarmi del tutto, a sedermi in disparte. A volte mi sveglio convinto che non cambieremo mai niente, che abbiamo scelto la parte sbagliata, che tanto, per quanto si faccia, alla fine si è solo teppisti, solo violenti, alla fine si è più pericolosi di chi predica razzismo e sdogana il fascismo, la militarizzazione, la paura del diverso, la persecuzione del più debole. Che alla fine, per quanto si faccia, si viene accantonati per la sicurezza, per la disciplina, per dei tornelli che esclusivizzano spazi che dovrebbero essere di tutti.

[Read more…]

#nonunadimeno #scioperoglobale: grazie per aver lottato anche per me!

tanti giri per raccontare la violenza di genere e tante riunioni partecipate in attesa dell’evento dell’otto marzo e a pochi giorni dalla meta finisco in ospedale. nulla di nuovo. il corpo decide quando devo smettere e quando ricominciare. ho taciuto, per troppo dolore, per non essere riuscita ad esserci oggi e per non essere riuscita a “evadere” come avevo già fatto per altre occasioni.

[Read more…]

#LottoMarzo #ScioperoGlobale dei generi, dai generi

16473691_1932826876937528_8376584142079978324_n

Bologna. Non Una di Meno. In ascolto di rivendicazioni, momenti di reciproca galvanizzazione e poi viene il momento di parlare di sciopero globale delle donne. Ma lo sciopero globale deve essere dei generi dai generi. Da ogni obbligo di genere, produttivo e riproduttivo, perché serve dire che senza il nostro lavoro nulla sarebbe mai lo stesso. Il lavoro delle donne non viene mai tenuto in debita considerazione, perché viene pagato meno, non viene pagato affatto, perché realizza il welfare come ammortizzazione sociale in sostituzione di servizi assenti senza riconoscimento alcuno. Perché il lavoro di cura è quasi totalmente assegnato alle donne e il lavoro riproduttivo è una pretesa da parte di chi immagina sia ancora il tempo dei piani di fertilità.

[Read more…]

Alcune slide su Revenge Porn e Cyberbullismo

revengeporn1

Oggi presso un Liceo di Firenze, tra le altre cose (il percorso di NonUnaDiMeno, la Violenza di Genere) si è parlato di Revenge Porn e Cyberbullismo e abbiamo portato come contributo un insieme di slide di semplice lettura. Le condividiamo con voi [QUI il file pdf da scaricare] sperando possa esservi utile.

[Read more…]

Essere anti-identitarie e insieme identitarie è un casino di coerenza!

Da un pezzo di Sommovimento NazioAnale di Firenze un contributo alla discussione aperta con il loro documento e proseguita con questo post. Pubblichiamo l’intervento di F. Buona lettura!

>>>^^^<<<

salve a tuttu
mi è piaciuto assai il comunicato del sommovimento, come mi appassiona l’opportunita che ci da laglasnost su abbattoimuri di farne spunto di un dibattito.
sul transfemminismo ad oggi e sull’opportunità di evolvere correnti non egemoniche di pensiero che possano rinforzarsi nel rispetto delle differenze reciproche.

[Read more…]

#Lisbona: Abbatto i Muri va in Tour

th_ccad228e7ddc598ee20c39c064aba411_galleria4

Giusto per dirvi che nei prossimi giorni un buon pezzo di Abbatto i Muri (non solo Eretica) si trova, ci troverete, a Lisbona a parlare di femminismi, studi di genere, nell’ambito del terzo congresso internazionale sugli studi di genere, il femminile in ambito italiano e portoghese. Parteciperà un sacco di bella gente e la discussione sarà istruttivissima di sicuro. Il 25 novembre parteciperemo al corteo indetto dalle femministe intersezionali, sempre a Lisbona. Per il resto parteciperemo alle iniziative, quelle che ci piacciono e che potremo raggiungere, parlando di lotte femministe a tutto tondo.

Perciò buona lotta e a presto con report il più possibile fedeli a quel che vedremo e faremo per rendervi partecipi di quel che accade anche fuori dai confini italiani.

Il programma delle giornate portoghesi lo trovate QUI

Baci & abbracci a tutt*