Annunci

La Fabbrica degli Umani – il nuovo libro di Eretica

La Fabbrica degli Umani è un lavoro che ho iniziato parecchio tempo fa. Concluso da poco, grazie all’editing di Annalisa Zito, l’illustrazione di Feminoska e l’impaginazione di UnaManu, lo presento a chi ha voglia di leggerlo.

Ambientata in un futuro distopico, durante il quale donne e uomini sono privati della libertà di scelta, soprattutto per quel che riguarda i diritti sessuali e riproduttivi, è la storia di un percorso che conduce la protagonista e tutti gli altri personaggi citati verso una assunzione di consapevolezza riguardo quel che non viene percepito come sistema di oppressione.

[Read more…]

Annunci

Limbo, un libro di feminist/fantascienza di Eretica

16299000_1268253033268721_7661957517755432299_n

E’ la prima volta che scrivo qualcosa e oso pensare che qualcun@ vorrà comprarlo per leggerlo. Troppo lungo per un post. E’ un libro, che potete trovare in versione kindle (digitale, da scaricare sul vostro computer o telefonino – e se volete QUI trovate un estratto del libro) e in versione cartacea da ordinare su Amazon (c’è disponibilità immediata). Editor Antonella Garofalo e Grafiche e prefazione di UnaManu. Vi lascio alla lettura della presentazione, se può piacervi. Spero di si. Un abbraccio a tutt* e buona lettura!

<<<^^^>>>

SWERF e TERF. Due sigle inglesi che stanno per “Femministe Radicali che Escludono le Sex Workers” e le persone “Transgenere”.
Molti in Italia conoscono femminist* che queste sigle inquadrano molto bene. Sono per lo più persone che evitano il dialogo con chi non è allineato al loro pensiero, e usano l’insulto e l’infamia contro chi considerano un “avversario”. Paradossalmente, camminiamo fianco a fianco nelle marce, eppure loro vorrebbero etichettare come non femminista tutto ciò che non è swerf e terf. Eppure sono sempre esistiti, i femminismi. Plurali. E questa è sempre stata una ricchezza per il movimento femminista.

Negli ultimi decenni, a livello globale, la seconda onda del femminismo è tramontata per lasciare spazio alla terza onda. Il concetto di intersezionalità è diventato cruciale e imprescindibile nelle lotte femministe. Il concetto di “differenza” basata sul sesso biologico è sempre meno accettato e riconosciuto, perché si presta male alle esigenze intersezionali.

Abbiamo scoperto che il patriarcato eteronormativo non nuoce solo alle donne cisgenere, bianche, benestanti, occidentali.
Altre minoranze hanno lottato per affermare la loro voce, ed è diventato evidente che non si può combattere il patriarcato se non si combattono l’omofobia, il razzismo, la sessuofobia e tutti quei sistemi di oppressione da cui il patriarcato trae forza e consenso.

Abbiamo scoperto che il colonialismo culturale, pur se benintenzionato, non è una risposta alle esigenze di liberazione di tutti. Che solo la lotta a partire da sé è una lotta efficace. Che non si possono “liberare” con la forza altri individui, non è così che funziona la liberazione.

Molte persone cresciute a pane e seconda onda non sono state in grado di fare questo salto. Sono rimaste ancorate ad una visione binaria del genere, per loro indissolubilmente legato al sesso, ed ad una visione romanzata e negativa e del sesso e dell’industria del sexworking.

Ma mentre loro rimanevano chiuse nei loro circoli, il mondo si è svegliato intorno a loro. Le sexworkers si sono organizzate e hanno fatto rete, le persone trans hanno preso consapevolezza di sé e delle proprie peculiari istanze. Con l’arroganza dell’autorità che queste persone pensavano di detenere in quanto mostri sacri della seconda onda, quando queste voci sono diventate troppo alte per essere ignorate la risposta è stata odio.

Come osano le donne transgenere chiamarsi donne? Come osano gli uomini transgenere tradire il loro sesso? Come possono esistere sexworkers che hanno scelto, lucidamente, il loro tristo destino?

Eppure queste persone esistono, sono politicizzate e organizzate, sono femministe. La loro vita, voce, opinione ha un valore che non può essere ignorato. La terza onda le ha accolte, ed abbiamo scoperto qualcosa di sorprendente: le loro istanze aiutano la lotta di tutt*.

Rimuovere lo stigma dal lavoro delle sexworkers significa rimuovere lo stigma sulla sessualità, distruggere la rigida visione patriarcale del sesso al femminile come qualcosa di sempre sacro, sempre intimo, sempre fatto “per amore”. Significa liberare la sessualità femminile dal fardello della procreazione per forza, dell’amore per forza, della sacralità per forza.

Accogliere le donne e gli uomini transgenere significa mettere in discussione cosa sia l’appartenenza di genere, l’identità di genere, il costrutto sociale di cosa è donna e cosa uomo. Ripensare da zero i ruoli di genere. Gettare luce sul privilegio maschile, soperchiarne i meccanismi.

L’intersezionalità è la più grande ricchezza che il femminismo poteva sperare.
Eppure la resistenza delle matriarche è violenta, non lesina l’uso di autoritarismi e fascismi, e si crogiola nei suoi argomenti ad auctoritatem.

Questo romanzo ha il preciso scopo di mostrare i paradossi di questa resistenza, e lo fa raccontandoci un futuro distopico in cui queste matriarche hanno un potere politico e economico, oltre che accademico.
È ironico, paradossale, irriverente. È eretico.

Una Manu

Buone feste laiche a tutt* voi

palloni

Sto quieta a leggere un capitolo di un libro di Philip K. Dick, perché immagino il natale come elemento di sovversione universale dell’immaginario collettivo. Telecamere intrusive addobbate e piccoli microfoni augurali agli angoli delle strade per poter comunicare con il capo supremo delle grandi nazioni confederate. Viviamo in un’epoca diversa, le auto continuano ad andare a carbone e non volano di certo, ma c’è un pallone gonfiato, definizione che qui indica una sorta di contenitore per gli spostamenti verso i piani alti, che può essere usato per passare da un palazzo all’altro, grattacieli immensi e con improbabili insegne luminose che sono utili per gli atterraggi. I palloni potrebbero anche sembrare grandi palle di natale, ad addobbare un grattacielo quando tutti vogliono muoversi in una sola direzione.

[Read more…]

Star Wars VII: come il marketing normalizzò il femminismo

stormtrooper-lou

Star Wars, il risveglio della forza, secondo me non è poi tutta sta gran cosa femminista. Anzi prende il femminismo e lo normalizza, lo norma, dirigendolo in una sola, unica, chiara, traiettoria. Ci sono delle novità rispetto alle puntate precedenti ma nulla che non sia già noto agli/alle amanti delle saghe fantascientifiche. Non lo è più di quanto lo sia stata la protagonista di Mad Max Fury Road. Proverò a non spoilerare e cerco di fare solo alcune considerazioni sul perché sia stato venduto come prodotto femminista (gran bella dose di pinkwashing targata Disney) anche se in realtà non introduce chissà quali novità.

[Read more…]

La divergente

La storia di questo film è tratta dal primo libro (Divergent) della trilogia scritta da una giovanissima Veronica Roth. Ce ne sono altri due dai quali, penso, verranno fuori altrettanti sequel, Insurgent e Allegiant. Libro e film sono pensati per ragazzi e anche la narrazione, in effetti, basa la trama su una storia che coinvolge persone poco più che adolescenti. Ma se togliete di mezzo i tratti melensi e le spettacolarizzazioni, che fanno tanto avventura buona per i liceali, troverete una storia che conferma come tante donne siano sempre più propense a raccontare il proprio punto di vista prendendo in prestito la bella lezione che viene dalla fantascienza, dal fantasy, dai mondi altri che noi non possiamo ancora immaginare.

C’è una società divisa in cinque fazioni: i pacifici, che si occupano di cura e di terreni, un po’ in stile hippie, i candidi, che rappresentano la giustizia e l’ordine, gli eruditi, che sono quelli che coltivano la conoscenza, il sapere, e che perseguono le scoperte scientifiche, gli abneganti, al governo della città perché ritenuti altruisti e quindi molto affidabili, con uno stile di vita che ricalca molto quello dei mormoni, e infine ci sono gli intrepidi, forti, coraggiosi e scattanti, addestrati militarmente fin da piccoli alla sorveglianza e alla protezione delle mura della città perché là fuori pare ci sia un grande pericolo, una società ingestibile.

[Read more…]

Diario di un uomo che offende la dignità delle donne: l’arte di fotografare il Pelo!

Quando iniziai con la fotografia immaginavo di poter rappresentare il mondo in chiaro scuro, fare dei reportage su pezzi d’esistenza che valeva la pena raccontare. Mi esercitavo a fotografare oggetti in movimento, un foglio che volava via col vento, un passo rapido, fermare il fruscìo delle foglie. Dopodiché quando provai a portare in giro le mie prime cose dissero che la ruga del vecchio s’era vista, il bimbo ferito s’era visto, di fogli in movimento la storia della fotografia pare fosse piena, allora mi si suggeriva di stupire.

Avevo il vago sospetto che lo stupore fosse più un auspicio d’indignazione, l’eccitazione per una scena raccapricciante ma che sazia viscere e garantisce la catarsi. Vedevo sempre più foto di corpi squartati, sangue, guerre, e io, che al più potevo fotografare il bullo del quartiere, cosa mai avrei potuto mostrare per inorridire?

[Read more…]