Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Critica femminista, Culture, Femministese, R-Esistenze

Commissione EU rigettò ricerca sulla prostituzione. Daniela Danna: “fanatiche!”

abolizioniste

Una intervista a Daniela Danna a proposito del voto europeo che si svolgerà il 25 febbraio (i lavori parlamentari inizieranno intorno alle 11.30) in cui il parlamento europeo decide se fare propria la relazione Honeyball, già accolta in una commissione UE per i diritti delle donne, in cui si chiede a tutti gli stati membri di adottare il modello abolizionista svedese di criminalizzazione dei clienti delle prostitute.

L’intervista è tratta (e tradotta) da qui:

Un Comitato UE vuole che ogni Stato membro adotti il modello svedese sulla prostituzione e criminalizzi il cliente. Tuttavia, questa raccomandazione non è basata sulla ricerca scientifica, ma sul fanatismo.

Le politiche sulla prostituzione sono un argomento dibattuto in questi giorni all’interno del parlamento europeo. Recentemente un comunicato stampa ci ha informato che il Comitato per l’uguaglianza di genere e i diritti delle donne (FEMM) richiederà un referendum parlamentare alla Commissione europea, al fine di rendere il modello svedese sulla prostituzione giuridicamente vincolante per ogni Stato membro.

Ma questo suggerimento è ben lungi dall’essere incontrovertibile.

Daniela Danna, sociologa e coordinatrice per la relazione destinata alla Commissione europea, è stata costretta a dimettersi e a ritirare quel contributo scientifico alla relazione. Il motivo è relativo al fatto che le facenti parte della commissione mostravano atteggiamenti e una sordità totale nei confronti della ricerca empirica.

La relazione approvata dal Comitato UE infine raccomanda a tutti gli Stati membri di attuare il cosiddetto modello nordico per le politiche sulla prostituzione, secondo il quale i lavoratori del sesso devono essere aiutati (per essere “salvati” dalla prostituzione) e il cliente, insieme a qualsiasi sfruttatore, devono essere puniti dalla legge. Il pensiero alla base di questa conclusione è quello di diminuire la domanda di prostituzione, riducendo così gli incentivi economici che sarebbero motivo della tratta di esseri umani. Questa cosa può suonare bene – in teoria .

Ahimè, c’è un problema. Gli esperti che dovevano contribuire a questa relazione sono contro questa stessa raccomandazione. Perché? Fa male a quelli che si intendono aiutare.

Alcuni retroscena sulla relazione

Cos’è che ha convinto il parlamento europeo che questa era una buona idea da promuovere? Nel dicembre 2012 La lobby europea delle donne (European Women’s Lobby) ha organizzato un convegno, volto a valutare i 10 anni di politiche sulla prostituzione in Svezia e nei Paesi Bassi. Più di 200 ONG si sono riunite (anche se non realmente rappresentate [ i] ), con lo slogan Insieme per un’Europa libera dalla prostituzione. Ad un pubblico composto da deputati e diversi ministri hanno parlato di come la prostituzione sia una forma di violenza contro le donne. (Questa posizione piuttosto radicale non è condivisa da tutta la lobby.)

Questi concetti suonavano come fosse musica nelle orecchie della commissione FEMM (Comitato per l’uguaglianza di genere e i diritti delle donne). Dopo molte pressioni del deputato Mary Honeyball, alla Commissione FEMM è stata assegnata la responsabilità per la preparazione di una relazione da consegnare alla Commissione UE. La loro influenza sarebbe diventata, perciò, considerevole.

Un boicottaggio professionale

Daniela Danna è un sociologo che lavora presso l’Università Statale di Milano. La sua tesi di dottorato ha esaminato la situazione delle prostitute nei paesi dell’UE , con un focus sulla legislazione e sulle prassi. In qualità di esperta in materia di politica prostituzione e la violenza contro le donne, è stata la scelta naturale alla quale assegnare il ruolo di coordinatore esperto per la relazione da effettuare .

Questo è quello che lei ha da dire sul percorso vissuto:

– Sono diventato coordinatore, con un contratto legale, per eseguire il lavoro sulla relazione. Il preludio fu che il parlamento europeo, su iniziativa del deputato Honeyball, voleva che la Commissione europea stabilisse disposizioni di legge a guidare le politiche sulla prostituzione. Ciò era dovuto al fatto che la prostituzione, secondo il punto di vista della Honeyball, riguardasse la questione della parità di genere. Perciò doveva essere impedita dalla legge.

Secondo il trattato sull’Unione europea, il Parlamento o il Consiglio può impartire direttive legalmente vincolanti agli Stati membri che dovranno attuarli in relazione ad alcune tipologie di reati. Uno dei quali è la tratta degli esseri umani e lo sfruttamento sessuale di donne e bambini ( articolo 83) . Il problema è che la tratta, lo sfruttamento della prostituzione, è confusa, o equiparata al sex work consensuale.

– La posizione della Honeyball è che la tratta e la prostituzione sono la stessa cosa, e che la prostituzione è sempre violenza contro le donne. Questo non è solo sbagliato, infatti – che dire delle transessuali? Che dire sui prostituti di sesso maschile?

Lavorando insieme con un gruppo di altri esperti, il loro lavoro iniziò a marzo dello scorso anno.

– Mi è stato fatto siglare il contratto a febbraio/marzo. Con l’aiuto e i contributi di altri esperti che si occupano di politiche del diritto nei paesi dell’UE abbiamo realizzato parte della relazione. Il piano era che quella sarebbe stata la prima parte della relazione finale da inviare alla Commissione europea. Una relazione finale che mai poi fu conclusa.

Cosa è successo?

– Una qualunque collaborazione professionale con il committente era assolutamente impossibile, a causa della posizione pre-concetta abolizionista. I problemi sono iniziati nel mese di giugno quando il nostro studio non fu approvato dal committente. Ciò era dovuto principalmente al fatto che per il committente separare la tratta delle prostitute dal sex working per libera scelta era semplicemente incompatibile con la loro particolare visione di ciò che per loro rappresenterebbe la parità di genere. E fu la parità di genere, secondo l’indirizzo del committente, poi l’argomento principale della relazione .

– Erano fanatiche. Questo è stato qualcosa che ho sperimentato personalmente durante l’unica riunione ( ! ) in cui in realtà abbiamo avuto contatti con il committente. Loro non potevano semplicemente approvare una ricerca che dimostrava che non tutta la prostituzione è, infatti, violenza contro le donne, e che diceva che la tratta e la prostituzione (per scelta) sono qualcosa di essenzialmente diverso.

Allora si è ritirata?

– Sì , non avevo scelta. Questo è in violazione del più elementare pensiero scientifico. In conformità con la tabella etica della nostra Associazione Italiana di Sociologia (AIS), qualsiasi conclusione di ricerca influenzata dalla richiesta di chi la commissiona, è severamente proibita. Naturalmente! Ed era abbastanza ovvio che il nostro ruolo consisteva solo in una cosa, e che doveva giustificare la criminalizzazione dei clienti. Come abbiano ottenuto il potere di influire sulla stesura di un documento che è stato commissionato e dovrebbe essere presentato alla Commissione europea, io non lo so .

– Non sembri convinta che l’approccio corretto della politica sulla prostituzione debba essere la criminalizzazione dei clienti. Quale approccio diresti più appropriato, politicamente e giuridicamente, alla questione della prostituzione?

– Fondamentalmente , io nutro la stessa convinzione di Cesare Beccaria [giurista italiano, filosofo e politico nel 18 ° secolo] . Beccaria sostenne la depenalizzazione della prostituzione, perché in quel caso la prostituzione rappresentava una violazione di legge dove non c’era una vittima, un crimine senza vittime. E come la Corte di giustizia dell’Unione Europea ha espresso, la prostituzione è un’attività economica e deve essere regolamentata in quanto tale. Ci deve essere spazio giuridico per lo scambio di sesso per denaro, e non un divieto, come in Svezia. Il divieto peggiora solo le condizioni per le prostitute – non solo nella pratica, ma anche simbolicamente. Questa è l’ultima cosa di cui hanno bisogno, giusto loro che sono già ingiustamente stigmatizzate.

Questa è la sintesi su come la collaborazione si è conclusa.

Chi dobbiamo ascoltare?

Non importa quale sia la vostra opinione in merito al modello svedese, un report che poteva essere approvato dall’UE dice che non si fonda su prove certe di efficacia. Chi ha messo in discussione quel modello è stato tagliato fuori già nella fase di preparazione della relazione.

Dopo aver ascoltato quanto la coordinatrice professionista aveva da dire, dovrebbe essere chiaro quali sono le persone che non dobbiamo ascoltare.

Daniela Danna non è in ogni caso sola ad affermare ciò. Ormai oltre 560 organizzazioni non governative (di cui 12 ONG antitratta) e 70 docenti universitari hanno firmato un appello (QUI in italiano) contro la raccomandazione che vorrebbero imporre. Speriamo il parlamento europeo abbia il buon senso di ascoltare.

Pubblicato con il consenso della rivista internet Norwegian Minerva.

[ i] Questa posizione della EWL non è la politica discussa e approvata ‘ dal basso ‘. In Italia, ad esempio, sul sito del gruppo, è consigliata una posizione contraria alla criminalizzazione dei clienti, a causa del fatto che la  lotta contro la tratta subirebbe della grandi sconfitte a seguito della criminalizzazione dei clienti.

Leggi anche:

Organizzazioni in difesa di #sexworkers diffamate da abolizionist*

I parlamentari europei ascoltino i/le #sexworkers invece che le abolizioniste

Tutti i post, le traduzioni, le news sul sex working a partire dalla tag Sex Workers

3 pensieri riguardo “Commissione EU rigettò ricerca sulla prostituzione. Daniela Danna: “fanatiche!””

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.