Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Critica femminista, Femministese, R-Esistenze

Guarda chi si rivede: le Snoq che parlano di Gpa e anticapitalismo (ah ah!)

Mio il corpo, mia la scelta

 

Ieri a Roma si è svolto un convegno del movimento per la vita contro la gestazione per altri organizzato da Se Non Ora Quando Libere, ovvero quel che di peggio resta (ovvero il nulla) di Snoq dopo la scissione tra i comitati cittadini con Snoq Factory e il comitato centrale formato da Vip e Diessine e non solo, con quella trasversalità politica donnista fatta di aventi figa la cui democraticità è nota soprattutto alle ex snoq le quali si vedevano piovere di tanto in tanto, con apparizioni simil madonnesche, comunicati sulla posizione nazionale decisa dall’alto sui temi più svariati.

Continua a leggere “Guarda chi si rivede: le Snoq che parlano di Gpa e anticapitalismo (ah ah!)”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, R-Esistenze

Surrogacy come reato universale? E Saturno che ne pensa?

Madri surrogate paragonate agli stupratori. Per le quali lui vorrebbe la galera. E per fortuna che c'è la stampa straniera a capire quanto sono orribili le affermazioni del ministro.
Madri surrogate paragonate agli stupratori. Per le quali lui vorrebbe la galera. E per fortuna che c’è la stampa straniera a capire quanto sono orribili le affermazioni del ministro. 

 

Il ministro sceriffo, quello che spara bordate in difesa delle donne come soggetti deboli, colui che ha sempre portato avanti una politica paternalista di repressione e controllo tutoriale sui percorsi delle donne, oggi paragona le madri surrogate agli stupratori – per le quali vorrebbe la galera – e dichiara che la surrogacy dovrebbe essere dichiarata reato “universale”. Probabilmente si riferisce solo al pianeta terra e non a tutto il sistema solare, ma stiano attenti gli abitanti di marte e saturno perché non si sa mai a quali altezze potrà mai arrivare il braccio armato della legge immaginata dal ministro.

Continua a leggere “Surrogacy come reato universale? E Saturno che ne pensa?”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Contributi Critici, Critica femminista, R-Esistenze

L’indignazione prêt-à-porter: sulla maternità surrogata

Da LavoroCulturale.org:

«Noi rifiutiamo di considerare la “maternità surrogata” un atto di libertà o di amore». Inizia così l’appello perché il bando italiano alla maternità surrogata sia esteso al resto d’Europa, promosso da SeNonOraQuando – Libere.

Buon per loro: ognuna ha il diritto di avere le proprie opinioni, fondate o meno. Quello che risulta un po’ meno chiaro è per quale motivo le promotrici (e i promotori) dell’appello ritengano di potere arrogare per sé la posizione di chi decide del corpo e delle capacità riproduttive altrui. E peraltro sulla base di una serie di opinioni la cui fondatezza è tutta da dimostrare – nonostante il tono perentorio con cui vengono proclamate –, e la cui coerenza fa acqua da tutte le parti. Ma andiamo con ordine e proviamo ad analizzare queste opinioni e contraddizioni una per una.

Continua a leggere “L’indignazione prêt-à-porter: sulla maternità surrogata”

Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, R-Esistenze

StepChildAdoption rinviata a mai. Complimenti alle “femministe”!

In questi giorni si svolge una discussione che coinvolge femministe, coppie omosessuali, cattolic* integralist*, omofob*, quell* che “natura viene prima di cultura”. Tutto inizia da un allarme che arriva da quei cattolici i quali, per bloccare il disegno di legge sulle unioni gay, che fa riferimento anche alla stepchildadoption, hanno urlato forte “dove stanno le femministe?”.

Continua a leggere “StepChildAdoption rinviata a mai. Complimenti alle “femministe”!”

'SteFike, Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, Femministese, R-Esistenze, Satira

Se Non Ora Quando mi fa sculacciare da un paternalista

tumblr_mcb9otGHmk1rpf5u8o1_500

Update: c’è stata anche una discussione su Twitter. Tutto riportato QUI.

>>>^^^<<<

E’ andata così. Avevo scritto un pezzo per amore di sintesi, chiarezza e analisi critica politica. Era al contempo un attestato di stima nei confronti di donne che leggo, con cui ragiono, e che, a prescindere da alcune diversità, io stimo. Nel pezzo si parlava di una spaccatura politica, motivata, e del fatto che alcune vanno via dal movimento e semplicemente l’hanno esplicitato. Apriti cielo. In un gruppo di altre Snoq si è aperta una discussione alla quale ho partecipato, perché se ho modo di prendervi parte io non mi sottraggo mai al confronto seppure tra tante diversità. E’ nota la mia opposizione politica, nel merito delle iniziative e delle pratiche di Se Non Ora Quando ma, perdio, siamo persone e io rispetto tutte e sono aperta a qualunque confronto. Così, dopo aver incassato toni decisamente ostili ho semplicemente lasciato lì la mia disponibilità a starle a sentire, ascoltarle e scrivere qualcosa che parlasse anche del loro punto di vista. La mia porta è aperta e la mia disponibilità c’è tutta. Purché non si pretenda di dettarmi le opinioni. Così sono fatta io.

Continua a leggere “Se Non Ora Quando mi fa sculacciare da un paternalista”

Attivismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

#Snoq appoggia il governo #Renzi. Alcune lasciano il Movimento!

Le Se Non Ora Quando non sono tutte uguali. Dopo l’entusiasmo iniziale in tante dall’esterno, sempre lì a tifare rivolta, guardavamo questa rete lacerarsi, con difficoltà, così come difficile è in qualche modo rinunciare a un sogno, forse un bisogno, di guardarsi insieme e progettare impiegando energia e intelligenza in un progetto. Un progetto che però, purtroppo, troppo spesso ha rivelato una natura ambigua e strettamente funzionale alla vita di partiti e/o governi rispetto ai quali bisognava porsi non da sostenitrici acritiche, quanto piuttosto da stimolo, per chi ritiene che le istituzioni siano i propri riferimenti, da pungolo, ponendo anche conflitti, se è il caso, com’è giusto fare quando ti anima un obiettivo che collettivamente ti fa società civile.

In varie fasi ho visto emergere dissidenze e sempre più spesso la discussione, reciprocamente sofferta, con queste donne assumeva contorni d’urgenza. Da un lato chi aveva bisogno di sperare ancora, sedimentare, provare a mediare, e dall’altro chi, come me e molte altre, sempre dall’esterno non potevano comunque sospendere il giudizio pur sapendo che ogni parola e ogni chiaro segno di conflitto politico non le avrebbe lasciate indifferenti.

Continua a leggere “#Snoq appoggia il governo #Renzi. Alcune lasciano il Movimento!”

Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, Femministese, R-Esistenze

Riesumazioni: lettera (disinteressata) alle grilline!

Tra le tante riesumazioni di questi giorni, mentre c’è chi impone ai cattivissimi grillini, tutti, nessuno escluso, di battersi il petto e prostrarsi a chiedere scusa all’universo mondo, c’è anche la retorica della vecchia Snoq che speravamo defunta. Quella retorica che si lascia ospitare da paternalisti alla Lerner, utilizzando gli uomini per fargli dire quel che queste donne vogliono sentirsi dire, sollecitando un cavalierato che speravamo, anch’esso, estinto, il patriarcato buono, quello che ci tutela, noi fragili fanciulle, e poi ci salva. Dal vittimismo sfruttato ad arte dalle navigate donne del Pd si passa subito a riprendersi lo spazio perso, perché di questo ormai si tratta. Approfittare della posizione di forza che l’essere considerata vittima ti dà, a partire dalla quale puoi chiedere tutto, e dunque ecco la raffica di inversioni semantiche e i revisionismi attraverso i quali il femminismo borghese, neoliberista, carcerario, impone la sua prospettiva che certo in tante non condividiamo.

L’appello è offerto alle donne del Movimento Cinque Stelle, ché se non gliela spiegano le piddine la disobbedienza e la libertà ovviamente quelle sono da considerarsi schiave, prive di una propria mente, pensiero, punto di vista. Da brave colonizzatrici le piddine descrivono le donne del Movimento Cinque Stelle come succubi di uomini cattivissimi e sessisti e dunque sono lì a soccorrerle, perché è chiaro che le donne in ogni caso sono sempre vittime e tali vanno considerate all’infinito.

Continua a leggere “Riesumazioni: lettera (disinteressata) alle grilline!”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, Violenza

Snoq appoggia #DlFemminicidio? La rivolta interna contro Comencini & Co!

BXFfoX0IAAAi0iYTra i comitati di Se Non Ora Quando c’è un grande malumore. Non è passato molto tempo dal momento in cui scrivevo su Il Fatto Quotidiano di due posizioni differenti. Una divulgata dal sito nazionale di Snoq, coincidente a quella di parlamentari del Pd che hanno sollecitato e rivendicano l’approvazione del decreto #femminicidio e l’altra di ben 42 comitati che hanno espresso e continuano ad esprimere una posizione autonoma e diversa. Non è passato neppure molto tempo da che Angela Azzaro su Gli Altri scriveva delle grandi responsabilità politiche e culturali di Snoq a proposito dell’approvazione del decreto.

C’è malumore perché, come si evince con chiarezza dalle pagine di discussione facebook del comitato fiorentino e quelle di altri, numerosi, comitati di Snoq, quello che sembrerebbe mancare è un minimo di democrazia nel processo decisionale. Chi parla a nome di chi? Quando il gruppo di un solo comitato, che vale, da ciò che leggo, 15 persone, rilascia una intervista sul Corriere, utilizzando la pesante artiglieria mediatica di cui dispone, chi rappresenta? E può parlare a nome di tutta Snoq o in questo c’è una prevaricazione enorme e l’intenzione di invisibilizzare la posizione di tantissime che non la pensano allo stesso modo?

Continua a leggere “Snoq appoggia #DlFemminicidio? La rivolta interna contro Comencini & Co!”