Del contenuto della “Bibbia 3.0” si dice che sia una vera merda!

Inizia così: abbiamo parlato di foto sottratte a ragazze che le hanno consegnate a persone conosciute in rete o a fidanzati ora diventati ex. Le foto finiscono dritte in gruppi in cui le ragazze, bene che gli vada, vengono raggruppate sotto il thread #cagne o #troie. Come se fosse orribile di per se’ che queste […]

Scambiarsi foto online non è negativo: lo è la violazione della privacy!

lei scrive: cara eretica, ho conosciuto un ragazzo online. ci siamo scambiati foto delle nostre parti intime. abbiamo giocato ad eccitarci e nel farlo non ci è venuto in mente di essere in pericolo. io sono diffidente. non passo le foto a chiunque. deve esserci un’intesa, una corrispondenza d’amorosi sensi. un’amicizia che diventa desiderio a […]

A proposito della Bibbia 3.0 (revenge porn e altri abusi online)

Lei scrive: Ciao Eretica, ti scrivo a proposito della cartella di foto (parla del revenge porn ndb.) di ragazze online. Sono una di loro. Ho voluto dire la mia, perchè leggendo il post mi sono salite le sopracciglia fino all’attaccatura dei capelli e nonostante la temperatura polare, hanno iniziato a fumare il cervello e il cuore. Vorrei ringraziare […]

Di Elena Ferrante e dello scoop dello Sherlock Holmes de noiantri

Io non la capisco questa mania di fare scoop alla ricerca della “vera identità” della persona che si “nasconde” (ed è bene sottolineare l’uso delle parole, come se avesse di che vergognarsi) dietro lo pseudonimo di Elena Ferrante. Ci provano da anni, a violare la sua privacy, in tempi diversi e con diverse ipotesi che […]

Relazioni, tra violazione della privacy e possessività

Lei scrive: Penso che lo spazio virtuale che gestisci sia uno dei rari, preziosi esempi di luogo dove si possa ragionare con la mente totalmente aperta e scevra da sovrastrutture imposte da chicchessia. Sono proprio queste sovrastrutture che ultimamente mi fanno crucciare e vorrei chiedere pareri a chiunque passi di qui e a chiunque voglia […]

Terrorismo, privacy, sorveglianza: siamo tutti presunti colpevoli!

1984 di Orwell è vicino. C’è un potere maggiore che sorveglia ogni vostra casa, a partire dalle vostre identità informatiche e lo fa con lo stesso sistema di sempre: dicendo che vi sorveglia e vi controlla e vi censura e viola la vostra privacy per la vostra sicurezza. Da un lato si preme sulla molla […]

Il Tg1 viola la privacy delle sex workers

Servizio al Tg1 qualche sera fa. Non lo linko per evitare che siano ancora veicolate quelle immagini. Si parla di “degrado” a Genova e di un blitz delle forze dell’ordine in pieno centro dove avrebbero beccato una famiglia che affittava appartamenti a migranti e prostitute. Per la famiglia c’è stato il sequestro degli appartamenti e […]

Corso di screenshot-taggio (advanced) (e manuale di autodifesa per le persone screenshottate)

Dopo il corso per segnalare su Facebook bisogna proprio farne uno che parla di screenshot. Qualcuno le deve pur raccontare queste cronache dall’inferno. La screenshot dei messaggi facebook è quella cosa che quando non hai un cazzo da fare ti vesti come rambo con la fascia in testa per fare il giustiziere o la giustiziera […]

L’inquisizione antisessista

Lo dicevo qui e qui. Quello che fa audience in questo momento è qualunque cosa susciti indignazione e solleciti al linciaggio. Commento le notizie per svelarne gli stereotipi sessisti anch’io da tanto tempo ma francamente ora ho veramente paura nel vedermi accerchiata da sedicenti antisessisti/e armati/e di forcone che sono lì, per dirla come ha […]

Ronde virtuali antisessiste

Come è successo che dal monitoraggio antisessista, quello che consente di realizzare una critica, un commento diretto all’articolo o all’immagine che si intende criticare, poi si è deciso di passare alla richiesta di censura, allo squadrismo, al cyberstalking, all’insulto, l’ingiuria, la diffamazione, la calunnia e l’ossessione di chi non si cheta fintanto che non ha […]

Rapporti liquidi ed empatie proiettive

Conoscete Bauman? All’ultimo Festival della Filosofia ha parlato di amicizie liquide. Basta un click per cancellarle. Così dice. Sostiene lui che internet crei “rapporti facili e superficiali“. La chiama società liquida che poi sarebbe quella in cui le identità, i rapporti, le relazioni, come le merci, sono oggetti di consumo. Aggiungerei io anche i sentimenti, […]