Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

Nessuno ascolta le sex workers? (Icone mute o calunniate dalle abolizioniste)

soho sex workers protest

E’ un pezzo di Melissa Gira Grant pubblicato su The Guardian. Tradotto da Alice, revisionato da Martina, della mailing list traduzioni militanti di supporto alle sex workers, eccovi il testo dell’articolo. Buona lettura!

>>>^^^<<<

Nessuno ascolta le lavoratrici del sesso?

con Melissa Gira Grant

Il dibattito sulla prostituzione non porterà a niente finché le donne che vendono servizi sessuali verranno viste come vittime da “salvare” e verrà ignorato il loro punto di vista, spiega un’ex sex worker in questo estratto dal suo nuovo libro.

Il dibattito sul lavoro sessuale è uno spettacolo, non importa quanto pacati o bendisposti si dichiarino coloro che vi partecipano. Attrae il pubblico con l’esca di un’emergenza -la prostituzione travolge la nazione!- e la promessa di far del bene sentendosi malissimo. Vengono offerte storie tristi di lavoro sessuale come lustrini luccicanti, mostrate per essere ammirate e poi spazzate via dal palco quando il numero è finito. Come ciliegina sulla torta, gli organizzatori possono anche invitare una puttana simbolo a esibirsi. E queste sono le domande per lei:

Continua a leggere “Nessuno ascolta le sex workers? (Icone mute o calunniate dalle abolizioniste)”