La posta di Eretica, R-Esistenze, Storie

Se anche la malattia è tutta colpa mia

Lei scrive:

ti seguo con interesse da anni. Vorrei condividere la mia storia, se avrai la pazienza di leggerla. Perché so che forse, almeno tu, non mi giudicherai. Ho provato a farlo con un’altra persona prima di te, ma lei mi ha giudicata eccome.

Mi viene sempre in mente un proverbio giapponese che dice: se cadi sette volte, rialzati otto. Vorrei chiedere all’antico saggio giapponese dopo quante volte sia lecito non rialzarsi più.
Nessuno sembra chiedersi cosa succede da grande a una persona che subisce abusi fin da piccola. Evidentemente le persone guardano troppi film hollywoodiani col lieto fine, dove basta un po’ di caparbietà e resilienza per ottenere qualsiasi cosa e per cambiare la propria vita. La realtà è ben diversa. Mio padre è una persona violenta e profondamente disturbata. Mia madre era una persona fragile. Non mi ha mai difeso nei confronti degli abusi di mio padre. Forse perché non ne era in grado. O forse perchè, anche se in maniera diversa, era un po’ abusante anche lei. I miei parenti, sia da una parte che dall’altra, hanno sempre fatto finta di non vedere. Anche se, silenziosamente, disprezzavano mio padre. Ma non era affar loro. Non erano affar loro le sue offese, le sue urla, i suoi schiaffi, le sue palpatine al sedere. Chissà perché la vergogna invece di essere del violento, ricade sulla vittima. Ero io quella che si doveva vergognare. Era mia la colpa di tutto.

Continua a leggere “Se anche la malattia è tutta colpa mia”
Antisessismo, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze, Storie

La mia vita è più importante dei miei capelli

Nella foto Leyah Shanks.
Nella foto Leyah Shanks.

 

Cara Eretica, ciao!
Mi chiamo Adele, ho ventun’anni e sono una vostra fan molto accanita, in quanto mi ritengo femminista fino al midollo osseo.
Ho sempre desiderato scriverti, poiché vivo quotidianamente delle condizioni “sociali” che mandano in bestia il mio animo da attivista; mi limito a dirti che io sono una ragazza affetta da diverse malattie autoimmuni invalidanti, e mia sorella è disabile in sedia a rotelle, ed ogni giorno le lotte sembrano sempre e solo aumentare – fortunatamente possiamo dire di avere una famiglia meravigliosa che ci supporta sempre, motivo per cui ci riteniamo ugualmente molto fortunate.

Continua a leggere “La mia vita è più importante dei miei capelli”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Critica femminista, Personale/Politico, R-Esistenze

Teoria della donna malata

Photos by Pamila Payne; Styling, hair and makeup: Myrrhia Rodriguez; Art Direction: Johanna Hedva
Photos by Pamila Payne; Styling, hair and makeup: Myrrhia Rodriguez; Art Direction: Johanna Hedva

 

Da LesBitches:

Testo di Johanna Hedva, pubblicato in originale su Mask Magazine. Traduzione di LesBitches. Grazie a Silvia Rigon per i preziosi consigli.

1.

Continua a leggere “Teoria della donna malata”

Comunicazione, Contributi Critici, Critica femminista

Sinead O’Connor: I corpi delle donne tra rivoluzione, libertà e malattia

Screen Shot 2015-12-03 at 11.45.26 AM

di Ina Macina

Precisazione: l’articolo è stato scritto all’indomani della pubblicazione di un post su Facebook di Sinead O’Connor, il 29 novembre 2015, in cui la cantante annunciava di essere isolata in un albergo, sotto falso nome, e in overdose. Dopo aver ripercorso gli ultimi avvenimenti della sua vita personale (un’operazione chirurgica e la scoperta di una grave malattia del figlio), l’artista si  è lamentata alacremente di essere stata abbandonata da tutti e specie nel momento del bisogno, non risparmiando nessuno nel suo accorato j’accuse.

Continua a leggere “Sinead O’Connor: I corpi delle donne tra rivoluzione, libertà e malattia”