Antifascismo, Antirazzismo, Comunicazione, Contributi Critici, R-Esistenze

La matrice omofoba e razzista di certi delitti non può essere relativizzata

Edoardo McKenna regala un commento critico a proposito del post tradotto e pubblicato ieri sulle politiche identitarie in UK. Ricordo, per chi non l’avesse letto che Edoardo ha scritto un interessantissimo post sul voto favorevole alla Brexit. Vi lascio alla lettura del suo punto di vista.

>>>^^^<<<

Articolo complesso, comprendo la necessità di una postilla. Temo tuttavia di non condividere granché di questa analisi, per tutta una serie di ragioni.

Intanto, partiamo dal dato storico. A sentire Barnett, parrebbe che la sinistra “storica” abbia perso la propria anima nel corso degli anni 80 e 90 così, quasi per caso, come se avesse preso un’infezione dovuta a “varie ragioni”. Questa è vigliaccheria nella migliore delle ipotesi, e smemoratezza da demenza senile nella peggiore. La sinistra britannica perse il contatto con le classi deboli perché la sua dirigenza fu incapace di proteggerle allorché la Thatcher iniziò la sua guerra contro i minatori ed i sindacati che avevano fatto crollare il precedente governo conservatore di Edward Heath. Certamente il crollo dell’Unione Sovietica, l’evoluzione della società da industrializzata pesante ad IT furono ulteriori fattori: ma la perdita di prestigio e di fiducia che i Labour subirono tra i lavoratori in seguito alla loro incapacità di arginare il fenomeno Thatcher fu senza ombra di dubbio la causa principale del “riciclo” labour in salsa borghese.

Continua a leggere “La matrice omofoba e razzista di certi delitti non può essere relativizzata”