Annunci

Intolleranza e mistificazioni delle “femministe” abolizioniste (della prostituzione)

Illustrazione di Moira Murphy Fonte.

 

Ancora su femministe radicali sex workers escludenti (Swerf) e sex workers autodeterminate, che scelgono di vendere servizi sessuali, che vengono disconosciute e insultate. Una recente discussione ha attivato uno strascico in cui l’intolleranza prosegue via social, per bocca delle – più o meno – stesse persone che volano di pagina in pagina per dettare il verbo abolizionista – guai se non la pensi come loro – con disinformazione, mistificazione, violenza “argomentativa” e disonestà intellettuale senza eguali. In particolare la discussione alla quale mi riferisco, che potete trovare per intero sulla pagina di Maschile Plurale, da tempo ormai colonia tiranneggiata da abolizionist* intolleranti, parte da quel che è successo a Roma e insiste sugli stessi argomenti di sempre.

[Read more…]

Annunci

La ‘lobby pimp’ all’Amnesty AGM? E’ una calunnia delle abolizioniste

[Articolo in lingua originale qui – traduzione di Baba Yaga]

L’insulto ‘pimp lobby’, lobby di papponi, lanciato nei confronti di chi si batte per una completa decriminalizzazione scredita il movimento delle sex workers. Il report di Frankie Mullin sull’Amnesty UK Annual General Meeting.

Frankie Mullinn è una giornalista freelance che si occupa di questioni sociali con un interesse particolare per le sex work politics.
[Read more…]

Dicono di Eretica (di tutto e di più): parlando di sex working e attacchi personali

La domenica dovrebbe essere un momento di relax. Per me lo è stato. Per altre invece. Per l’appunto mi avvisano che sulla bacheca (pubblica) di una abolizionista si svolge un siparietto che si ripete da anni (su varie bacheche facebook), ai miei danni, con attacchi personali, giacché gli argomenti evidentemente scarseggiano.

[Read more…]

Lettera alle abolizioniste della prostituzione (da parte di una sex worker)

woman_writing

Care voi, o dovrei dire che care non mi siete proprio, innanzitutto dico che mi avete rotto sinceramente le ovaie con la vostra morale da supermarket delle tradizioni patriarcali svendute come fossero espressioni di alto femminismo. Ne ho abbastanza di sentirmi dire che se la do tanto perderò il rispetto di me stessa, perché il rispetto per me non si realizza a seconda di quante volte allargo le cosce. Quella concezione di rispetto è vecchia quanto il mondo, perfino più vecchia di quanto siete voi. Perciò, spiace dirlo, ma siete diventate volontariamente veicoli di maschilismo. Come certi guardiani del buon costume. Siete responsabili per aver imposto stigmi negativi che pesano sulla nostra testa, come quello che ricalca le vostre parole che fingono di rappresentare il nostro bene. Noi che non comprendiamo quel che le madri pretendono di insegnarci, come la storia del rispetto a misura di consumazione della figa. Me lo diceva mia nonna e anche mia madre, che se la davo di frequente e senza amore perdevo la dignità. E questo è un altro dei vostri perenni insulti nei miei confronti. La mia dignità non corre alcun pericolo. Pensate piuttosto alla vostra. A pesarmi è lo stigma che voi attaccate alla mia pelle, attribuendo al sesso qualcosa che non mi appartiene, come se mi riteneste malata, pazza, cinica o disincantata, comunque anormale, perché non ritengo il sesso quella espressione di intimo calore familiare che a voi piace descrivere alle vostre figlie per indurle a tenere le gambe ben serrate fino all’incontro con il “vero” amore.

[Read more…]

Perché le femministe dovrebbero ascoltare le/i sex workers

image

Tradotto da Feminoska (Grazie!):

“I/Le sex worker si trovano spesso di fronte a preconcetti radicati, per via dei quali se non divulghiamo le nostre storie tragiche e le esperienze umilianti che abbiamo affrontato, corriamo il rischio di non essere credut* da molte persone appartenenti al movimento femminista. E’ ora di finirla, perché non vogliamo mettere in scena il nostro ‘porno tragico’ a vostro beneficio”, scrive Elena Jeffreys.

Discorso tenuto da Elena Jeffreys, Presidente Nazionale di Scarlet Alliance, alla conferenza Feminist Future organizzata a Melbourne, Australia, il 28-29 maggio 2011, nell’ambito della discussione “L’importanza del femminismo”.

[Read more…]