La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

La famiglia tradizionale? Io avrei preferito non nascere

Lei scrive:

Ciao a tutta la redazione di abbatto i muri.
Desidererei rimanere anonima, vi ringrazio.

Oggi vi racconterò il perché l’aborto è un importante diritto che le donne devono essere libere di utilizzare quando non vogliono il figlio che hanno concepito.
Io ho 23 anni, ho sofferto per 20 di questi e oggi mi porto ancora dietro i problemi di quei 20 anni passati a soffrire.
La mia mente è a soqquadro, il mio cervello mi sembra una viscida poltiglia nera che mi cola amara giù per la gola quando ricordo tutto il male che ho subito, solo per il fatto di esistere. Solo per il fatto di essere nata contro la volontà di mia madre.

Continua a leggere “La famiglia tradizionale? Io avrei preferito non nascere”

Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

Mio padre ha molestato la mia amica. A qualcuno importa come sto io?

Lei scrive:

Una mia cara amica ha accusato mio padre di molestie sessuali ripetute nel corso del tempo. Io non sono rimasta troppo stupita dalla dichiarazione, in fondo a me stessa sapevo che poteva fare cose del genere. Sono stata molto male, ho pianto, urlato, non dormivo, avevo la nausea e un nodo allo stomaco che non passava mai. Ho litigato con mio padre.

Ho litigato con tutti, ho allontanato la mia cara amica. Mi sentivo malissimo, non riuscivo a pensare a niente altro. Mio padre disperato piangeva e tra le lacrime diceva non è vero niente, non è vero niente, almeno tu che sei mia figlia aiutami, difendimi dalle accuse.

Continua a leggere “Mio padre ha molestato la mia amica. A qualcuno importa come sto io?”

Autodeterminazione, La posta di Eretica, News & Sorellanze, Personale/Politico, R-Esistenze

Notizie da Alice, la ragazza bolognese maltrattata dalla famiglia

Ancora aggiornamenti dalla categoria News & Sorellanze che raccoglie notizie di quelle persone che dopo aver scritto le proprie storie e aver seguito consigli dalla community ora stanno seguendo un percorso di fuoriuscita dalla violenza o da disagi e problemi, come l’agorafobia, la depressione, i disturbi alimentari. E un modo ulteriore per dare spazio a chi può riceverne giovamento, grazie agli incoraggiamenti e consigli che coinvolgono gran parte della community di Abbatto i Muri.

Oggi parliamo di Alice, ve la ricorderete, ragazza di Bologna con problemi di violenza intrafamiliare che dopo aver parlato con noi e aver ascoltato le persone che hanno commentato, tante disponibili a darle una mano, si è rivolta ad un centro antiviolenza e così ci aggiorna:

Continua a leggere “Notizie da Alice, la ragazza bolognese maltrattata dalla famiglia”

Autodeterminazione, Critica femminista, Culture, R-Esistenze, Recensioni

Contro i figli, Pamphlet di Lina Meruane

recensione di Virginia

Meruane descrive con tono brillante ma intessuto di partecipazione le violente pressioni cui ogni donna è sottoposta nel sistema patriarcale e capitalista occidentale per costringerla a procreare. Il pamphlet è punteggiato da preziosi rimandi e citazioni di scrittrici, soprattutto sudamericane (ma non solo). Ogni capitolo si muove attorno ad un tema ed ogni capitolo lascia qualche ricordo felice, perciò vorrei brevemente annotare quello che mi piace di più di ciascun capitolo.

Nel primo capitolo “La macchina sfornafigli”, da diverse angolazioni e con toni anche divertenti – i ragazzini del piano di sopra che ballano il tip tap – emerge la posizione indiscutibilmente “dovuta”, contro ogni logica razionale, che il Figlio ha assunto nell’immaginario collettivo odierno: “l’insistente ticchettio del dettame sociale: ormoni e sermoni sulla riproduzione si sommano, facendo sì che la maternità come obbligo diventi difficile da evitare”. E’ contro i Figli e non contro le bambine e bambini che disserta Meruane, non contro i tanti piccoli che arrivano dai luoghi più martoriati del pianeta, piccoli (o grandi) che potrebbero essere accolti in relazioni familiari: questa è un’altra storia e altri libri e il pamphlet si scaglia invece contro la figura del Figlio-Di-Sangue, contro il “destino materno normalizzato e naturalizzato”.

Continua a leggere “Contro i figli, Pamphlet di Lina Meruane”

La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

Come devo chiamare mio padre? Morboso pedofilo?

Lei scrive:

Ciao a tutt*. Vorrei porvi delle domande su una mia situazione molto personale per avere un riscontro esterno. Vi prego di avere sensibilità e usare toni consoni perché è un tema delicato e mi è molto difficile parlarne.

Continua a leggere “Come devo chiamare mio padre? Morboso pedofilo?”

Personale/Politico, R-Esistenze, Recensioni

“Non riuscivo a trovare famiglie LGBTI in situazioni normali nei libri per bambini, e così ne ho scritto uno”.

Articolo in lingua originale QUI. Traduzione di Cecilia del gruppo Abbatto i Muri.

Mark Loewen non trovava libri per bambini che rappresentassero nella vita di tutti i giorni le famiglie arcobaleno.

Continua a leggere ““Non riuscivo a trovare famiglie LGBTI in situazioni normali nei libri per bambini, e così ne ho scritto uno”.”

La posta di Eretica, Personale/Politico

E sì che avevo re-imparato ad abbracciarti

Lui scrive:

“Vorrei che il treno si fermasse lì, in mezzo alla campagna marchigiana. Che quella stazioncina non arrivasse mai. Nonostante sia il periodo dell’anno che preferisco questo per andare da mamma e papà. Con gli alberi in fiore, le fave e i carciofi da cogliere e il canto dell’usignolo la notte. Ma no, questa primavera vorrei essere altrove, In qualsiasi altrove. Non questa volta che ci sei anche tu, non questa te. Quella te che è di nuovo in crisi, quella te che ha perso di nuovo le misure del mondo, quella te che mi ha obbligato non più di una settimana fa ad andare a raccogliere i cocci che hai lasciato in un’altra città, a scusarmi, a vergognarmi.

Continua a leggere “E sì che avevo re-imparato ad abbracciarti”