Personale/Politico, R-Esistenze, Recensioni

“Non riuscivo a trovare famiglie LGBTI in situazioni normali nei libri per bambini, e così ne ho scritto uno”.

Articolo in lingua originale QUI. Traduzione di Cecilia del gruppo Abbatto i Muri.

Mark Loewen non trovava libri per bambini che rappresentassero nella vita di tutti i giorni le famiglie arcobaleno.

Continua a leggere ““Non riuscivo a trovare famiglie LGBTI in situazioni normali nei libri per bambini, e così ne ho scritto uno”.”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Contributi Critici, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

Di un viaggio meraviglioso e difficile e della solitudine: risposta ad un ragazzo FtM

Di Ethan Bonali

Ciao, non so come ti chiami ma ti ringrazio per la tua lettera e spero, al termine di questo mio intervento, che tu sia felice di averci scritto e di aiutarti a trovare la tua comunità. Perché è questo un po’ il centro del problema.

Cresciamo in micromondi che definiscono la nostra realtà, il modo di pensare, sentire, innamorarci, e la capacità di immaginare alternative e giudicare le cose.

Continua a leggere “Di un viaggio meraviglioso e difficile e della solitudine: risposta ad un ragazzo FtM”

Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

GPA: gestazione per altr* e pensieri in ordine sparso

di Lea Fiorentini

La discussione sulla GPA è sempre più insopportabile, perché non è una discussione ma è diventata una sterile polemica con posizioni che si scontrano come se fosse una partita di calcio e con tifoserie avversarie. In questo clima il vero problema è che scompaiono le analisi sui nodi focali della GPA, forse non risolvibili, ma almeno si potrebbe provare a discutere e a produrre pensiero, approfondire e sviscerare tutti gli aspetti che questa pratica mette in moto.

Continua a leggere “GPA: gestazione per altr* e pensieri in ordine sparso”

Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

La sentenza di #Trento è una prova di autentica civiltà

Da I Meme di Una Manu
Da I Meme di Una Manu

 

di Angela Azzaro (da qui)

Ho appena ricevuto un appello delirante di Daniela Danna in cui mi si chiede di firmare contro la sentenza di Trento [QUI le parole dell’avvocato che se ne è occupato e della sentenza depositata] che riconosce la doppia paternità a una coppia gay, genitori di due gemelli grazie alla gestazione per altri. Quell’appello è, secondo me, delirante per una serie di motivi

Continua a leggere “La sentenza di #Trento è una prova di autentica civiltà”

Affetti Liberi, Antiautoritarismo, Autodeterminazione, R-Esistenze

Festa del Papà: auguri ai padri di bambini nati con la GpA

genitorigay_00

Leggo della scelta manettara di Alfano, Lorenzin, Binetti, improvvisamente in difesa dei corpi delle donne, che prevedono carcere e sanzioni se vuoi diventare genitore usando la GpA e poi, in quanto antiabortisti, hanno dei problemi quando tu, donna, non vuoi diventarlo. Mi chiedo come facciano, alcune femministe, a dire poi che non è vera la cosa di cui parlo sempre: quando c’è da opporre divieti alle donne, per “salvarle” malgrado siano perfettamente in grado di “salvarsi” da sole, quelle femministe smettono di essere quelle che rispettano l’autodeterminazione delle donne e diventano delle fondamentaliste del cavolo. Stiamo parlando sempre della Gestazione per Altri, volgarmente intesa, a torto, “utero in affitto”.

Continua a leggere “Festa del Papà: auguri ai padri di bambini nati con la GpA”

Affetti Liberi, Antiautoritarismo, Autodeterminazione, La posta di Eretica, R-Esistenze, Storie

L’amore segreto ai tempi della “famiglia tradizionale”

f97e47229cdc66de2e2af52f3b41cdd6

Quando Angela si sposò non aveva neppure sedici anni. Lui ne aveva trenta, e già era una fortuna che non ne avesse quaranta. A quei tempi capitava di frequente vedere matrimoni tra uomini adulti e donne-bambine. La storia che sto per raccontarvi è passata di bocca in bocca, da una generazione all’altra, e risale ai primi anni del ‘900. Siamo in Sicilia, a quei tempi un’isola dura, con i campi aridi pieni di pietre pesanti e i contadini sfruttati dai feudatari. Angela sposò il fratello di una guaritrice. Una di quelle che a quei tempi aggiustavano le ossa e curavano certe malattie con la magia buona. Riti per togliere i “vermi” dalla pancia, per guarire il torcicollo, per alleviare dolori e pruriti. Se c’era di mezzo una malattia la gente chiamava il medico e la guaritrice, e non necessariamente in quest’ordine. Poi la premiavano con qualche uovo, un bicchiere di farina, a volte con niente.

Continua a leggere “L’amore segreto ai tempi della “famiglia tradizionale””

Autodeterminazione, La posta di Eretica, R-Esistenze, Storie

Genitori gay: condannati ad essere perfetti?

UnknownUna riflessione di Alice che ci invita alla discussione:

“Cara Eretica, ti scrivo per una riflessione sulle recenti questioni di matrimonio e genitorialità omosessuale, perché parlando con amici sono emersi molti punti di vista (…). Quando il matrimonio omosessuale è stato annunciato come approvato in tutti gli Stati Uniti, il punto su cui si è posto l’accento è l’amore. L’amore uguale per tutti, il volersi bene come fondamento dell’istituto matrimoniale.

Lo stesso argomento è tra i più radicati, o perlomeno più mediaticamente citati, in relazione alle adozioni e ai figli di genitori omosessuali: famiglia è dove c’è amore. A me, però, questa sembra una estremizzazione ideologica. Dal mio punto di vista gli omosessuali, esattamente come tutti gli altri, hanno il diritto di essere genitori perché cittadini e persone. Di conseguenza, hanno anche il diritto di essere cattivi genitori, genitori assenti, annoiati, recalcitranti.

Non che questa, per me, sia ovviamente la situazione ideale: un figlio e una figlia dovrebbero davvero nascere in un contesto che assicura amore, protezione, stima e sostegno durante la loro vita. Ma se questo non accade per madri e padri etero, perché dovrebbe essere un requisito fondamentale delle famiglie arcobaleno? Mi pare che, puntando tutte le “fishes” sulla casella dell’amore, si metta una nuova gabbia e nuove aspettative irrealistiche sui figli di omosessuali.

Ogniqualvolta una coppia omosessuale si mostrerà come una cattiva coppia di genitori, così, sarà un pretesto per mettere in discussione la bontà del diritto genitoriale omo tout court. Ogni volta che un bambino di madri o padri omo sarà maltrattato o subirà trattamenti violenti, umilianti o dolorosi, la colpa sarà attribuita all’orientamento sessuale di chi l’ha cresciuto, invece che alle sue scelte e comportamenti quotidiani.

In sintesi, quello che mi chiedo è se l’amore, che per me è, in tutte le sue forme, una vera benzina di vita, sia l’argomentazione più adatta e completa per sostenere il diritto gay alla famiglia, o se non si stia rischiando di chiudere queste persone in un nuovo recinto, dove saranno costrette ad essere per sempre felici e contente, pena lo shaming in pubblica piazza. Tu/voi che ne pensate?”

Continua a leggere “Genitori gay: condannati ad essere perfetti?”

'SteFike, Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Comunicazione, R-Esistenze, Satira

Ideologia Gender: il pericolo del terzo millennio

Comitato per la depilazione obbligata: Chiunque porti i tacchi non ci deve avere il pelo!
Comitato per la depilazione obbligata: Chiunque porti i tacchi non ci deve avere il pelo!

+++Oggi semino Paura+++

+++Questo post è pieno di false informazioni+++

Vorrei mettere tutte le donne in guardia dall’ideologia gender. Ci sono brutte persone in giro che vi mettono in testa cose strane. Innanzitutto vi lasciano pensare che voi siete persone, non madri o mogli, e questo già dovrebbe farvi capire quanta disonestà c’è nel mondo. Poi vi dicono che alla nascita voi siete biologicamente donne ma potete scegliere di essere chiunque vogliate. Questa cosa della scelta è atroce. Tutti quanti sappiamo com’è finita con il libero arbitrio. Eva ha mangiato la mela e Adamo, minchione, le è andato dietro. Se diciamo alle donne che possono scegliere quel che vorranno potrebbero, un giorno, pensare di poter indossare i pantaloni, chiedere dei cunnilingus o voler fare sesso tra di loro (puach!). Poi magari vorranno fare figli con il seme in donazione e senza un uomo accanto o vorranno affittare l’utero per quelli che non possono generare figli.

Continua a leggere “Ideologia Gender: il pericolo del terzo millennio”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze, Recensioni, Storie, Violenza

La mia bambina è figlia di uno stupro

Foto da Riotclitshave
Foto da Riotclitshave

Mia figlia è arrivata dopo uno stupro. So che altre avrebbero abortito al posto mio ma io non me la sono sentita. Ho preferito trasformare una cosa brutta in qualcosa che fosse veramente mio. La mia gravidanza, quello che succedeva al mio corpo, mia figlia, il mio dolore, le mie doglie, la mia scelta. Volevo almeno determinare un pezzo del mio percorso dopo aver subito una violenza.

Continua a leggere “La mia bambina è figlia di uno stupro”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

Oddio, arriva l’eterologa: e ora chi ferma le coppie lesbiche e gay?

Non é stato semplice resistere fino alla fine alla trasmissione di Porta a Porta dedicata alla fecondazione eterologa. Non sono una scienziata e ho avuto una figlia alla maniera classica ma non per questo mi reputo una creatura eletta né mi permetto di giudicare e impedire i desideri di quelle, e quelli, che hanno voglia e necessità di usare la procreazione medicalmente assistita.

Mentre guardavo i volti di Anna Paola Concia, di Rosaria Iardino e Francesca Vecchioni, chiamate, immagino a rappresentare il punto di vista “lesbico” su quel che è la famiglia omogenitoriale, mentre ascoltavo montagne di banalità, pregiudizi, l’elogio dell’ostruzionismo istituzionale da parte del governo per impedire che le regioni proseguano il cammino segnato dalla Corte Costituzionale, mentre stavo a sentire chi affermava che bisogna fissare regole, il registro per i gameti, non sia mai che venissero dall’estero, a corrompere la nostra purezza della razza, poi i rappresentanti uomini in difesa della famiglia biologica, etero, patriarcale, che insistono nell’affermare che il diritto “naturale” deve coincidere con il diritto giuridico e costituzionale quando si parla di famiglie, intenti, questi ultimi, a mostrare una pelosa preoccupazione per le donne del paesi “poveri” i cui uteri sarebbero in vendita per orde di coppie gay che invaderanno il pianeta, dunque mentre stavo a sentire tutto questo mi veniva in mente il tempo in cui battagliavamo contro la legge 40, quando stranamente, o prevedibilmente, alcune posizioni di certe femministe coincidevano con quelle dei giovanardi & company.

Continua a leggere “Oddio, arriva l’eterologa: e ora chi ferma le coppie lesbiche e gay?”