Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, R-Esistenze, Violenza

Comunicato di SWAI (Sex Workers’ Alliance Ireland) sull’approvazione della legge sui crimini sessuali

45242_518860441519643_1156379894_n

La legge che è passata in Irlanda a proposito della criminalizzazione dell’acquisto dei servizi sessuali, quella sul modello abolizionista “nordico”, e della criminalizzazione del lavoro collettivo, ciascun@ a mantenimento della sicurezza dell’altr@, non è piaciuta affatto ai/alle sex workers irlandesi che giustamente parlano di “crociata moralista” e rispondono con un loro comunicato. QUI in lingua originale (traduzione di Antonella):

>>>^^^<<<

Oggi è un giorno terribile in Irlanda per chi lavora nel sex work. Questa legge è pericolosa.

Continua a leggere “Comunicato di SWAI (Sex Workers’ Alliance Ireland) sull’approvazione della legge sui crimini sessuali”

Annunci
Affido condiviso, Genitori separati, La posta di Eretica, Storie, Violenza

Se la mia ex moglie è violenta perché deve essere colpa mia?

Ho trascorso con mia moglie sette anni della mia vita. Ho sopportato le sue urla, il suo carattere di merda, le prepotenze e la violenza psicologica. L’ho fatto per mio figlio, che poi è il motivo per cui ci siamo sposati. Ci amavamo, certo, ma quando è arrivato il bambino lei per me è diventata un’estranea. All’inizio ho pensato che fosse per la storia degli ormoni. Mi sono messo lì paziente ad aspettare. L’ho aiutata, in casa, col bambino. Poi sono passati due anni, poi tre, poi sette.

Continua a leggere “Se la mia ex moglie è violenta perché deve essere colpa mia?”

Antiautoritarismo, Antifascismo, Critica femminista, Violenza

#StigmaKills: a Porto Sant’Elpidio va di moda il pestaggio della prostituta!

65247_10151588314483635_1174433428_n

Un mese fa a Roma e in molte altre città del mondo tantissime persone, sex workers, presidiavano le zone antistanti i consolati svedese e turco per dire No alla violenza sulle Sex Workers. Oggi leggo di un pestaggio contro una prostituta rumena. Picchiata a sangue non si sa se dal pappone, dal cliente, da un fascista. Accade a Porto Sant’Elpidio ed è un posto che non mi è per niente nuovo.

Qualche tempo fa – giusto in quel posto – quattro fascisti, armati di tanica di gasolio e urlando “viva il duce” hanno aggredito un gruppo di prostitute rumene e di trans lasciando a terra un bel po’ di contusi. Si ipotizza che i tizi siano all’origine di un’altra aggressione dello stesso tipo avvenuta l’anno ancora prima.

Continua a leggere “#StigmaKills: a Porto Sant’Elpidio va di moda il pestaggio della prostituta!”