Autodeterminazione, Il Femminismo secondo la Depressa Sobria, Sessualità

Sessualità: da oggetto a soggetto del desiderio

Sono stata stuprata quando avevo quindici anni. Ero andata a trovare una amica che mi disse Rimani! e io restai in un lettone che ospitava me, lei e il suo ragazzo. Lui scavalcò e mi stuprò. Il giorno dopo capii che la mia amica gli procurava le adolescenti per il suo sollazzo. Lei sapeva. Non ci vedemmo mai più. Io non capivo perché rimasi ferma, fingendo di dormire, quando era chiaro che non dormivo affatto dato che mi fece male. Era la mia prima volta e l’ho subita da oggetto del desiderio altrui. Non da soggetto. Non ero un soggetto desiderante e servì tempo per capire come difendermi da chi mi considerava oggetto e come esprimere la mia sessualità da soggetto.

Continua a leggere “Sessualità: da oggetto a soggetto del desiderio”
Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, Il Femminismo secondo la Depressa Sobria, R-Esistenze

Consenso Vs Cultura dello stupro

La Fontaine – Tales and Novels in verse – v2

Se volete sapere qual è in Italia l’età del consenso basta cercare un po’ e la troverete, sempre che vi interessi davvero. Che cos’è la cultura dello stupro? E’ quella cultura per cui viene minimizzata, incoraggiata, normalizzata la violenza sessuale. Di più: viene giustificata, al punto da colpevolizzare la vittima che denuncia di essere stata stuprata. La colpevolizzazione della vittima si chiama Victim Blaming, tanto per saperlo.

Se nasci con una vagina tutto quello che ci si aspetta da te è che tu sia sempre disponibile allo sguardo, alle attenzioni, alle molestie e al desiderio sessuale maschile. Nessuno si pone il problema di quello che tu voglia. Cosa desideri, con chi vuoi stare o non vuoi stare. Men che meno se hai 6 o 10 anni e non hai ancora raggiunto l’età per poter dare il tuo consenso a nessun tipo di attenzione che un pedofilo decide di dedicare al tuo corpo, violandolo.

Continua a leggere “Consenso Vs Cultura dello stupro”
Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Culture, R-Esistenze, Sessualità, Strega, Violenza

Perché la verginità è un valore maschilista

Cintura di castità

Strega vede tante donne dolersi per aver consegnato la verginità ad uno stupratore prima che per aver subito l’orrore di uno stupro. Vede anche tante donne dolersi di non essere sufficientemente vergini da impedire uno stupro an4le a colui il quale intende esser nominato re delle prime volte.

Vi racconto una storia: è la storia del primo uomo e della donna appresso a lui che aveva interiorizzato la bibbia dell’uomo. Costui doveva assicurarsi che le fanciulle non la dessero via solo per mero desiderio sessuale. Essendo le donne oggetti e mai soggetti sessuali la scelta su quando, a chi, come darla non spettava a loro. Spettava ai padri e alle madri sorveglianti del buon onore delle figlie. Sull’onore si sono fatte leggi in difesa del quale all’uomo era perfino concesso di ammazzare le donne della sua famiglia (delitto d’onore abolito nel 1981). Per ogni fanciulla la cui verginità veniva meno si usava non solo il termine “onore”, riferendosi all’onore del padre o del fratello, comunque dell’uomo custode della ragazza. Si usava anche il termine “morale”. Colei che la dava via era una creatura immorale, se cedeva al proprio desiderio sessuale era perfino definita una strega. Tutte le volte che la sessualità della donna sfuggiva al controllo maschile c’era una parola adatta a criminalizzarla.

Continua a leggere “Perché la verginità è un valore maschilista”
Antisessismo, Autodeterminazione, R-Esistenze, Satira, Sessualità

Il maschilismo dei fluidi corporei

Il sudore di un uomo è segno di grande virilità, perfino il suo moccio ha un alto significato intrinseco nella cultura popolare. Ma quel che più di tutto occupa l’alto grado di valore è lo spermatozoo, singolo o in comitiva va bene lo stesso, perché l’uomo che tende a offuscare il talento intellettivo di una donna farebbe di tutto per vendertelo. Lo commercia per estorcere consenso, lo brandisce tra le dita unte, al bisogno, per riaffermarne le proprietà artistiche. Con esso puoi dipingerci un murales alto tre metri per tre, senza dubbio. Deve esserci una enorme agenzia di marketing che ha pensato e ripensato alla maniera in cui si può convincere una donna a ingoiarlo. Migliora la pelle, ammorbidisce il palato, scaccia i batteri dal tratto esofageo? Non ci è dato saperlo. Tutto ciò che sappiamo è che tanta scienza sconsiglia l’introduzione del medesimo in luoghi altrimenti destinati, salvo la vagina. Ogni obiettore di coscienza che si rispetti dovrà per forza insegnare ai propri figli e ai figli dei figli che quel delicato e proficuo seme non può essere sprecato in tale modo. La direzione è quella, mira lì, spara veloce e avrai il concepimento assicurato. Non dovrebbe essere così?

Continua a leggere “Il maschilismo dei fluidi corporei”
Antiautoritarismo, Autodeterminazione, R-Esistenze, Violenza

Il Consenso appreso da chi dice che lo fa per il tuo bene

Mentre rivedo e faccio l’impaginazione in un unico file delle storie della campagna #tuttacolpamia mi viene in mente che la parola che contraddistingue tutte le storie è “consenso”. Ma non parlo del fatto che se dici No nessuno, e dico nessuno, potrà mai toccarti. Non parlo del fatto che quel consenso può essere a volte dato e poi ritirato in qualunque momento, in tal caso lui dovrà fermarsi o si chiama stupro. Parlo del fatto che la parola Consenso viene utilizzata in molti modi e richiesta sempre e comunque per il tuo bene.

Si parla, per esempio, di consenso in caso di intervento chirurgico. Si parla di consenso in caso di interruzione di gravidanza o di procedure per il parto. Si parla di consenso quando ti ricoverano in un reparto psichiatrico e il tuo consenso è dato nel matrimonio. Nessuno spiega effettivamente a cosa stai acconsentendo in realtà. E tutto ciò per cui neghi il consenso devi chiarirlo volta per volta e con molta fatica.

Continua a leggere “Il Consenso appreso da chi dice che lo fa per il tuo bene”
Autodeterminazione, R-Esistenze

Per vent’anni ho parlato di stupro a ragazzi adolescenti. Ci sono cose che ancora non sanno!

Di: LAURIE HALSE ANDERSON (15 Gennaio 2019)

Articolo in lingua originale QUI. Traduzione di Francesca e Giulia del gruppo Abbatto i Muri

Anderson è autrice di successo di numerosi libri per bambini e ragazzi, tra cui ‘Speak’ e ‘Chains’ (NdT: Nella versione italiana: ‘Speak- Le parole non dette e ‘Catene’, inedito in Italia), entrambi finalisti ai National Book Awards (NdT: Premio letterario statunitense). La sua autobiografia, SHOUT, sarà pubblicata a Marzo 2019.

Ho cominciato a visitare le scuole vent’anni fa. È stato dopo la pubblicazione del mio romanzo, ‘Speak’, che racconta la storia di un’adolescente che combatte contro le conseguenze emotive di uno stupro. Viene comunemente letto nelle scuole superiori e nei corsi di letteratura universitari, e si è dimostrato un utile trampolino di lancio per iniziare conversazioni sulla mitologia dello stupro, la violenza sessuale e il consenso.

Pensavo di aver compreso lo stupro. È successo a me quando avevo 13 anni. Immaginavo che il mio lavoro fosse quello di rappresentare un modello di sopravvivenza, e di mostrare ai lettori come parlare apertamente dopo essere stati abusati, molestati o aggrediti. Davo per scontato che avrei dovuto parlare alle ragazze.

Continua a leggere “Per vent’anni ho parlato di stupro a ragazzi adolescenti. Ci sono cose che ancora non sanno!”

Antisessismo, Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, Sessualità, Storie

L’immaginario erotico vissuto con senso di colpa

Attenzione, questo testo parla esplicitamente di stupro

[Teniamo a precisare che dare spazio a questa narrazione non significa minimamente legittimare chi strumentalizza un racconto come questo per dire che dunque alle donne piacerebbe essere stuprate. Non è così. I gusti sessuali di dominazione/sottomissione sono cosa consensuale e ancora di più le fantasie sono semplici fantasie. Se non vi piace leggerne passate oltre. Grazie.]

 

Lei scrive:

Ciao Eretica.
Ho già scritto alla pagina, ma per un argomento completamente differente. Quello di cui sto per parlare è un tema scomodo, a tratti vergognoso, ma che penso vada portato alla luce e sviscerato senza pregiudizi.

Continua a leggere “L’immaginario erotico vissuto con senso di colpa”

Antisessismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Precarietà, R-Esistenze, Sessualità, Welfare

Il potere dei soldi, tra autodeterminazione e oggettivizzazione

A proposito dell’eterno dibattito su quel che è autodeterminazione e oggettivizzazione, quando c’è di mezzo la dimensione sessuale delle donne, c’è un post sul sito EveryDayFeminism in cui si tenta di rappresentare la discussione e le contraddizioni in vignette che possono essere un buon punto di partenza, un perfetto spunto di discussione.

Il post descrive il fatto che, nell’ambito del lavoro – e io estenderei il discorso ad ogni lavoro possibile – parlare di libera scelta è complesso e per quanto sia chiara la distinzione rispetto al fatto che è il potere del denaro a farti fare scelte obbligate, il punto è capire quel che va fatto per rendere più semplice la vita a soggetti che altrimenti sarebbero senza diritti. Nel caso del sex work, per esempio, le sex workers affermano il diritto alla libera scelta o, in caso contrario, dicono che sicuramente lo fanno per soldi ma che come per qualunque altro lavoro vorrebbero godere di pari diritti rispetto a qualunque altro lavoratore. Diritti che non possono essere garantiti se si riduce in clandestinità un lavoro comunque esistente. Perché la pressione economica non si elimina vietando una professione ma decriminalizzandola, vale a dire consentendo di fare quel tale lavoro senza rischiare la prigione, e creando le condizioni sociali ed economiche affinché chi oggi sceglie il sex working per guadagnare domani potrà scegliere altro. Continua a leggere “Il potere dei soldi, tra autodeterminazione e oggettivizzazione”

Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, Sessualità, Storie, Violenza

No sesso di gruppo: non perché non si deve ma perché non mi piace!

imagesLei scrive:

Ho ventidue anni e credo che la cosa più importante per la vita di una persona sia la libertà. Per me il femminismo è questo. E’ libertà di amare, vestire, stirare, scopare, essere. Non credo che si debbano porre limiti alla vita degli altri, credo che i (pre)concetti di giusto e sbagliato ci annebbino e non facciano altro che renderci progressivamente più lontani. Ieri sera, due ragazze e tre ragazzi, la mia amica, un ragazzo che conosco un po’, uno che mi piace abbastanza e uno che non ho mai visto. Beviamo e parliamo in una taverna, c’è un camino.

Continua a leggere “No sesso di gruppo: non perché non si deve ma perché non mi piace!”

Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, Precarietà, R-Esistenze, Storie

Faccio lo spogliarelllista: nessuna crociata per l’uso del mio corpo?

Kyle+Efthemes+Men+Strip+Pose+NYC+RnmEyrzuCTzl

Sono Mike, ho 28 anni e faccio lo spogliarellista. Lavoro in un locale gestito da una donna. È lei la manager ed è lei che decide quel che dobbiamo fare. A volte lavoriamo in gruppo o uno alla volta. Possiamo sperimentare nuovi costumi di scena e nuove coreografie ma l’obiettivo è quello di eccitare le donne. Esistono anche gli spogliarellisti per locali gay ma io non ho mai lavorato lì.

Continua a leggere “Faccio lo spogliarelllista: nessuna crociata per l’uso del mio corpo?”

Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze, Sessualità, Storie

Il mio compagno ama essere picchiato da me

padrona

Odio restare umida. Subito dopo un rapporto sessuale ho la necessità di ripulirmi, asciugarmi, perché non ho voglia di sentire sulla pelle nulla di così appiccicaticcio. Così il mio partner dirige i suoi liquidi altrove. Il fatto che io non nutra una particolare passione per lo sperma ha offeso alcuni uomini con cui ho avuto storie in passato. Dicevano che era come se ne rifiutassi l’essenza. L’essenza di un uomo espressa con gli spermatozoi. Una visione ridotta di sé che meriterebbe una seria analisi sessuale e antropologica.

Continua a leggere “Il mio compagno ama essere picchiato da me”