Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze

A proposito di madri Vs ChildFree

Lei scrive:

Cara Eretica, qualche tempo fa si parlava dell’annosa questione “mamme vs childfree”.

È da un po’ che rifletto su questo e sono convinta che fare la guerra alle madri non ci aiuterà mai nell’essere accettati come cf, perché tanto loro quanto noi siamo frutto della stessa mentalità maschilista.
Non è contro le madri che dobbiamo alzare la voce, non è con loro che dobbiamo prendercela.

Di recente ho avuto una conversazione inaspettata e, a parer mio, molto interessante con una mia collega.
Lei ha due bambini, è una donna che si impegna nel suo lavoro e che sta cercando di crescere i figli al meglio delle sue possibilità.

Premetto che conosce le mie posizioni cf e che non mi ha mai giudicata per questo.
Quel giorno stavamo lavorando su un articolo da pubblicare (ci occupiamo di linguistica) in cui si indagano le spie del maschilismo viste attraverso la lente della lingua italiana, che ovviamente riflette la società che l’ha generata e che la usa, come qualsiasi altra lingua del mondo.

Io stavo valutando la possibilità di tradurre l’articolo anche in inglese e lei mi ha detto di non avere il tempo di farlo.
Le ho risposto che non era assolutamente un problema perché avrei potuto occuparmene io insieme ai nostri colleghi di lingua inglese e lei ha ribattuto, con tono seccato:
“Bello avere tanto tempo a disposizione, vero?”.

Continua a leggere “A proposito di madri Vs ChildFree”

Affetti Liberi, Autodeterminazione, Critica femminista, Personale/Politico, R-Esistenze

Childfree by choice e lo stigma della donna a metà

di Federica Bufo

Bambole, biberon, carrozzine e tutto il corredo per giocare alla baby mamma.
Se mi sforzo riesco a ricordare anche Barbie Incinta, che ospitava in grembo un feto che si poteva rimuovere;doveva essere un giocattolo educativo,che trasmettesse il senso di maternità.
Io lo trovavo “creepy” anche da bambina.

Continua a leggere “Childfree by choice e lo stigma della donna a metà”

Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze, Storie

Non voglio figli e non cambierò idea

Lei scrive:

Ciao Eretica,

non ti seguo da moltissimo ma penso tu sia fantastica, fantastica ad esserti assunta l’impegno di gestire una pagina come questa, a gestire le ingiurie e gli insulti che sicuramente ogni giorno ti arrivano per messaggio privato da parte di persone grette, insoddisfatte ed ignoranti, a gestire il peso emotivo delle storie delicate che ti vengono raccontate ogni giorno e a difendere chi le scrive dai commenti delle persone di cui sopra.

Continua a leggere “Non voglio figli e non cambierò idea”

Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze, Storie

Non voglio figli e temo di diventare come quelle madri che detesto

Lei scrive:

“Ciao carissima, mi sento di dire qualcosa che non posso dire a nessuno perchè poi sarei giudicata (male). Io da anni sono maestra d’asilo, essendo mia la struttura sono una donna impegnata: una maestra per qualche ora al giorno, una titolare che ha a che fare con genitori per la maggior parte del tempo. I genitori mi chiedono se ho figli, rispondo di no. E’ vero, non ho figli, vivo da sola con un gatto e frequento un ragazzo di sette anni piu’ piccolo. E al momento non intendo proliferare perchè non ne ho bisogno, non sento quest’assurda voglia di maternità che dopo i 25 anni colpisce 9 donne su 10.

Io vivo bene cosi: la mattina mi alzo e penso a me stessa e dedico a me stessa quel poco tempo che rimane al di fuori del lavoro. Inoltre sai che ti dico? Noto che le mamme si dimenticano del resto del mondo, cominciano a fare ragionamenti dimenticandosi che possono essere donne senza sacrificare la loro vita. E soprattutto noto che i papa’ sono quasi degli estranei nel rapporto familiare e nel rapporto con i figli. Alcuni vengono a prenderli, ma di tutto ciò che accade intorno ai figli bisogna parlarne con mamma perchè loro non ne sanno.

Questi uomini sembrano quasi spinti all’estremo del rapporto familiare e vedo queste mamme che gestiscono avidamente i loro figli cercando di allontanare papà e sminuirlo perchè “lui non è capace”. Questi papa’ con la coda tra le gambe li vedo camminare sul perimetro della vita dei loro bambini. La mamma sa tutto, la mamma decide, la mamma allatta. Io queste donne non le voglio come amiche, purtroppo sono mie clienti e vado loro incontro come posso (pur non avendo figli!).

E un’ultima cosa: da educatrice (e titolare) posso dire che forse non voglio diventare mamma anche perchè ho paura di perdere quell’oggettività nell’educare i figli degli altri, ho paura di assomigliare a quelle madri che detesto e che si annientano. Grazie per l’ascolto”

Continua a leggere “Non voglio figli e temo di diventare come quelle madri che detesto”

Autodeterminazione, Critica femminista, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze, Storie

Contro la normalità: ode alle “solo donne”

Questo utero sovversivo partorirà solo se lo voglio
Questo utero sovversivo partorirà solo se lo voglio

 

Sara scrive:

A causa del mio lavoro ho vissuto in vari posti del mondo, molto lontani dall’Italia, sia geograficamente che culturalmente. E’ accaduto anche che vivessi in luoghi dove alle donne sono negate liberta’ fondamentali, e proprio pensando alle donne di questi luoghi non posso fare a meno di sentirmi immensamente fortunata. Fortunata perche’ sono nata in Italia sul finire degli anni settanta, in una famiglia semplice che pero’ mi ha dato tutto quello che serve per poter sviluppare, quasi indisturbata, una mia visione del mondo, per poter fare le mie scelte secondo la mia volonta’, e per poter intraprendere un cammino scelto da me.

Continua a leggere “Contro la normalità: ode alle “solo donne””