Comunicazione, Critica femminista, R-Esistenze, Violenza

La Regione Liguria e il muro dell’orrore (con le bambole) dedicato alle vittime di femminicidio

untitled

Luisa scrive:

“Ci sono passata davanti piu’ volte da fine novembre e ogni volta ho fotografato con l’indignazione che mi faceva tremare la mano e le foto venivano mosse. oggi ce l’ho fatta e posso mostrare il muro delle bambole. l’horror wall voluto dalla Regione Liguria per il 25 novembre e che ahime’ sempre lì sta e stara’. Bambole, pupazze, icone di film dell’orrore di quart’ordine inanimate appese. vittime anonime disumanizzate infantilizzate con ferocia. Non in mio nome. in quel muro io non mi ci vedo e non vedo neanche le tante donne che ogni giorno combattono la violenza o la subiscono. Rimbocchiamoci le maniche c’e’ da lavorare e tanto.”

Continua a leggere “La Regione Liguria e il muro dell’orrore (con le bambole) dedicato alle vittime di femminicidio”

Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, La posta di Eretica, R-Esistenze, Violenza

#Antiviolenza #Brand: Wycon dona ricavato a un CAV

immagineCarlotta scrive:

Cara Eretica,

Seguo la tua pagina facebook da relativamente poco, e ti scrivo a seguito del post in cui chiedevi di tenere d’occhio iniziative di marketing che distorcono la lotta alla violenza di genere ai fini di vendita.
Ebbene, di recente io mi sono imbattuta nell’immagine che vedi (sopra).

Continua a leggere “#Antiviolenza #Brand: Wycon dona ricavato a un CAV”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, Femministese, R-Esistenze, Ricerche&Analisi, Violenza

#Femminicidio #Brand: no all’antiviolenza forcaiola, viscerale, emergenziale

Fashion-Victim1

In giro per l’Italia avviene l’ennesima catena di delitti imputabili alla violenza di genere. Lei lo lascia e lui la uccide. Lei vuole separarsi e lui la uccide e si suicida. I titoli dei quotidiani sono significativi. Qualcuno scrive che lui non ha saputo resistere, altri scrivono che si tratta della solita follia che arriva con la prima ondata di caldo. Le uccisioni sono imputate a qualunque cosa meno che alla cultura che li genera. Questo è fastidioso, per usare un eufemismo, quanto fastidioso è vedere la congregazione delle sorveglianti del sacro fuoco, la passione perenne che infiamma gli animi delle donne borghesi che attendono la conta dei cadaveri per dare fiato alla sete di linciaggio.

Continua a leggere “#Femminicidio #Brand: no all’antiviolenza forcaiola, viscerale, emergenziale”

Comunicazione, Contributi Critici

Iva al 4% su assorbenti: anche la strumentalizzazione delle donne è violenza!

Giacomo ha letto il mio post sulla riduzione dell’Iva al 4% per gli assorbenti e non è d’accordo su un po’ di cose. Molto volentieri pubblico qui la sua argomentata e bella critica. Buona lettura!

>>>^^^<<<

In questi giorni sta circolando la notizia di una proposta di legge avanzata da Civati, per ridurre l’Iva sugli assorbenti dal 22% al 4%, equiparandoli a beni di prima necessità. L’idea della proposta ricalca leggi simili già presenti in altri paesi occidentali, ma anche le iniziative lanciate diverso tempo fa da svariate realtà del panorama politico radicale e libertario.

Continua a leggere “Iva al 4% su assorbenti: anche la strumentalizzazione delle donne è violenza!”

Comunicazione, Critica femminista, Recensioni

Star Wars VII: come il marketing normalizzò il femminismo

stormtrooper-lou

Star Wars, il risveglio della forza, secondo me non è poi tutta sta gran cosa femminista. Anzi prende il femminismo e lo normalizza, lo norma, dirigendolo in una sola, unica, chiara, traiettoria. Ci sono delle novità rispetto alle puntate precedenti ma nulla che non sia già noto agli/alle amanti delle saghe fantascientifiche. Non lo è più di quanto lo sia stata la protagonista di Mad Max Fury Road. Proverò a non spoilerare e cerco di fare solo alcune considerazioni sul perché sia stato venduto come prodotto femminista (gran bella dose di pinkwashing targata Disney) anche se in realtà non introduce chissà quali novità.

Continua a leggere “Star Wars VII: come il marketing normalizzò il femminismo”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Critica femminista, Precarietà, R-Esistenze, Violenza

#25Novembre #IoMiSalvoDaSola: siamo tutt* Cappuccetto Rosso!

Siamo tutt* Cappuccetto Rosso
Siamo tutt* Cappuccetto Rosso

 

La giornata del 25 novembre volge al termine e io vorrei raccontarvi la storia di tre donne.

Barbara è una quarantacinquenne che è stata licenziata cinque anni fa a causa della “crisi”. Non ha più trovato lavoro ed è rimasta ad abitare con l’ex marito, da separati in casa. L’ex marito non è una persona violenta e anzi le è molto amico. Ma Barbara ha tante colleghe che sono disoccupate come lei e dice che una delle loro maggiori preoccupazioni, all’epoca del licenziamento, era il fatto di dover dipendere da mariti e genitori. Tre su 27 si sono separate senza possibilità di mantenersi da sole. Sono tornate a vivere con i genitori e a subire perciò situazioni di grande tensione. In qualche caso sono tornate dagli stessi genitori dai quali erano fuggite molti anni prima. Due su 27, a parte Barbara, sono state costrette a restare in casa con l’ex marito, per il bene dei figli, e dopo qualche tempo hanno confidato che pur volendo andare via non potevano farlo. Perciò la dipendenza economica, spesso, è causa di gravi conseguenze per le vittime di violenza. Tale dato viene trascurato da borghesi e teoriche della violenza da estirpare semplicemente estirpando l’uomo. Cosa certa è che tante di queste signore non hanno bisogno di un lavoro, hanno una casa e percepiscono un reddito. Ecco perché non gliene frega niente di proporre leggi a prevenzione della violenza, di genere, economica e sociale, che parta da una redistribuzione equa del reddito per tutt*. Meglio legittimare, all’insegna dell’emergenzialità, giocando con i numeri della violenza, esagerando, gonfiando, come oggi fa Repubblica contrariamente agli stessi dati diffusi dai Centri Antiviolenza che segnano un – 40 rispetto al dato fasullo del quotidiano online, leggi repressive, securitarie, che sono fedeli alla prassi di uno stato paternalista, di istituzioni patriarcali che esaltano le presunte operazioni di salvataggio a cura di tutori dell’ordine invece che esaltare le scelte autodeterminate delle donne. Più denunce non significa meno violenza. Chi lo afferma dice il falso. Se le donne restano sole e dipendenti dagli ex mariti dai quali, peraltro, continuano a dipendere economicamente (con assegno di mantenimento e varie), la denuncia non è una valida opzione. Prima devono realizzarsi le condizioni affinché le donne possano ricominciare a vivere altrove e poi, solo poi, si chiede alle donne se vogliono denunciare o meno. Ricordo, tra l’altro, che tutto il percorso che le istituzioni al momento seguono, dal percorso rosa negli ospedali all’impossibilità di ritirare la querela, tende a dimostrare che le donne non sono affidabili e che possono perfino essere considerate delle bambine non in grado di intendere e di volere al punto che le istituzioni insistano nel sostituirsi a loro in ogni decisione possibile.

Continua a leggere “#25Novembre #IoMiSalvoDaSola: siamo tutt* Cappuccetto Rosso!”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, R-Esistenze, Ricerche&Analisi, Violenza

Ancora una campagna antiviolenza che colpevolizza le donne

Fashion-Victim1

Gabriella mi segnala una terribile campagna contro la violenza sulle donne. Naturalmente è tutta colpa della donna, perché non confida nelle istituzioni, perché crede ancora che lui possa cambiare e inoltre è necessario presentare la donna piena di lividi non rispondendo alle stesse richieste che chi si occupa di comunicazione da tempo fa a chi promuove queste sbagliatissime campagne antiviolenza.

Continua a leggere “Ancora una campagna antiviolenza che colpevolizza le donne”

Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

Il brand antisessista che realizza altri stereotipi sessisti

10489769_10152492138791063_7985439350637314640_n

C’è stato un tempo in cui avremmo fatto carte false pur di leggere un ragionamento critico sui condizionamenti estetici che obbligavano le donne a ritoccarsi per adeguarsi al modello offerto dalle riviste patinate. Poi avvenne che ci si interessò, fino all’ossessione, di quel che il corpo delle donne doveva patire per guadagnare punti in paradiso. Qualcuna fu felice di veder scippate lotte antisessiste da chi ne realizzò un ulteriore business ed eccoci ad avere a che fare con il brand donne, antiviolenza, antisessismo, riprodotto in salsa glamour senza che sia minimamente messo in discussione nulla di quel che bisognerebbe far notare.

Continua a leggere “Il brand antisessista che realizza altri stereotipi sessisti”