Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Precarietà, R-Esistenze, Violenza

#31O #StopSfratti #Roma – Vi presento i “violenti”!

BX5wYYpCQAIzfO1.jpg-largeSara ha un bambino piccolo. Gli agenti sono arrivati e l’hanno messo fuori dalla porta assieme alla culla che lo custodiva. Ora il bambino vede un cielo strano, fatto di divise e manganelli. Sara piange e il piccolo non capirà mai perché.

Giovanni ha un brutto carattere ma fa l’aggiusta tutto. In casa occupata ha messo a posto infissi e idraulica. Poi siede sui gradini dell’edificio e arrotola un po’ di tabacco. Guarda anche lui il cielo e aspetta.

Michele è uno del movimento che va ad aiutare e va anche a imparare. Incontra quel ragazzo scampato alla morte lì nel mediterraneo e che per quanto sia precario non ha proprio voglia di mollare. Ché certe volte impari la resistenza proprio da chi non vuol saperne di lasciarsi andare.

Francesca si è trovata a fare occupazione perché sfrattata. La sua famiglia senza un soldo. Suo padre che voleva suicidarsi. Mamma senza lavoro. Fratellino piccolo.

Continua a leggere “#31O #StopSfratti #Roma – Vi presento i “violenti”!”

Antiautoritarismo, Comunicazione, Precarietà, Satira

el #19O y la frustración del periodista del régimen

BW8BsxNIcAASn2u.jpg-large

Slavina, Victor e Paula hanno tradotto un mio testo. QUI sul blog di Slavina. Ringrazio tutt* e ripropongo anche su questo blog. QUESTO era il testo in italiano. Buona lettura!

>>>^^^<<<

(nota sobre la mani del #19O aparecida originalmente en Al di lá del buco y traducida por Victor y Paula)

Hay una manifestación. No es noticia.

Hay una multitud inmensa de gente  que se ríe, pasea, grita lemas. No es noticia.

Hay un pancarta magnífica, la síntesis es poética y cuenta la fuerza y la historia y la potencia de quien no se somete y lucha. No es noticia.

Continua a leggere “el #19O y la frustración del periodista del régimen”

Antiautoritarismo, Precarietà, R-Esistenze, Satira

#19o – La frustrazione del giornalista di regime

BW8BsxNIcAASn2u.jpg-large

C’è la manifestazione. Non è una notizia.

C’è una folla immensa di gente che ride, passeggia, racconta slogan. Non è una notizia.

C’è uno striscione magnifico, la sintesi è poetica e racconta la forza e la storia e la potenza di chi non si rassegna e lotta. Non è una notizia.

C’è un gruppo di ragazzi e ragazze che hanno fatto nottata per comporre dei cartelli in cui c’è scritta bellezza, tenacia, sogni, rivendicazioni. Non è una notizia.

C’è una donna che è arrivata con il passeggino e il bimbo e dice che ha lo sfratto e che non ha stipendio e abbraccia e bacia gli amici che guardano il bimbo e gli fanno le smorfie. Non è una notizia. Passa avanti.

Continua a leggere “#19o – La frustrazione del giornalista di regime”