Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, Il Femminismo secondo la Depressa Sobria, R-Esistenze, Violenza

Errori di comunicazione nelle campagne contro la violenza di genere

Uno degli errori più frequenti che vedo realizzati in campagna contro la violenza di genere è quello di rappresentare un’immagine in cui c’è una donna a capo chino o con la mano pronta a parare colpi, in una situazione di difesa. L’immagine presenta la vulnerabilità di una donna piuttosto che la sua forza nel percorso di fuoriuscita da una situazione di violenza. Quel che bisognerebbe rappresentare invece è l’urlo di una donna che manifesta rabbia, potenza, coraggio, forza. 

L’immagine su descritta normalmente sollecita l’intervento paternalista di tutori che si assumeranno la responsabilità di salvare la vittima. Invece una campagna contro la violenza di genere dovrebbe far emergere la forza di una donna che si salva da sola. 

Continua a leggere “Errori di comunicazione nelle campagne contro la violenza di genere”
Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Critica femminista, Il Femminismo secondo la Depressa Sobria, R-Esistenze, Violenza

Mai forzare una vittima a uscire dalla violenza

Prima bisogna metabolizzare il distacco, poi imparare a scindere la dipendenza, infine bisogna superare l’idea di poter ancora riparare qualcosa. Non è semplice uscire dalla violenza. Non lo è affatto. Se si trattasse semplicemente di fare una denuncia non ci sarebbe bisogno di assistenza psicologica. Perché se non hai concluso dentro di te quel rapporto, se non hai finito di analizzare e rivedere possibili altre vie, non si può andare avanti. C’è un percorso di guarigione interiore che viene prima di qualunque possibile via di fuoriuscita dalla violenza e quella guarigione è dolorosa, implica un bilancio di un fallimento che vuoi o non vuoi pesa sulle tue spalle perché tu c’eri ma non te ne sei accorta e ti senti in colpa. Quando smetti di sentirti in colpa forse recuperi coraggio.

Il percorso di fuori uscita dalla violenza non è così semplice come si può pensare. Non è semplice cancellare la dipendenza da un giorno all’altro o fare una denuncia. E’ un insieme di soluzioni che chi si occupa di questo sceglie con la donna che vuole sottrarsi alla violenza in modo graduale, a partire dalle questioni principali, la sicurezza della vittima, la sua possibilità di sostentamento, il reinserimento nel lavoro se non ha lavorato per lungo tempo. Serve anche un’analisi psicologica per comprendere i tempi e i modi in cui tutto ciò possa avvenire senza che la vittima abbia la possibilità o l’idea di voler tornare indietro alle certezze del suo vecchio rapporto violento, immaginando ancora di poter avere il controllo su qualcosa quando di controllo non ne ha affatto. Obbligare una vittima alla denuncia, per esempio, senza aver prima compiuto alcuni passi necessari che la aiutino a separarsi dalla vecchia vita è come dire che dovrai aspettarti che quella denuncia sia ritirata. Succede più spesso di quel che si crede perché il distacco avviene prima in termini psicologici e poi attraverso strumenti differenti. Se la vittima ritiene di sentirsi legata al carnefice non sarà semplice che lei denunci. Più semplice è indurla a farsi domande su quel che vuole per sé, se è felice adesso o cosa vorrebbe per il suo futuro, cosa potrebbe servire per costruirlo. Di mezzo ci sono sempre soldi, lavoro, reddito e casa, perché se una donna non ha scelta rimarrà col suo carnefice anche a costo della propria vita. E nessuno ti offre una casa e un lavoro su due piedi, dandoti certezza del futuro. Nessuno riuscirà a scindere una co-dipendenza con la forza. Ecco perché serve pazienza.  

Continua a leggere “Mai forzare una vittima a uscire dalla violenza”
Antisessismo, Autodeterminazione, R-Esistenze, Violenza

Terrorismo domestico. Terrorismo patriarcale

Qualche suggerimento per capire come aiutare una donna maltrattata:

Molte donne maltrattate non sanno a chi rivolgersi per ottenere aiuto. 
Il tuo desiderio di aiutare è importante, ma occorre essere preparati per affrontare una situazione di maltrattamento e offrire il tipo di aiuto adeguato.
Possibili indicatori di violenza domestica

Gli effetti della violenza domestica possono emergere in molti modi diversi. 
Saperli riconoscere ti aiuterà a identificare le donne maltrattate e a capire meglio la loro esperienza.
Lesioni fisiche visibili
Contusioni, lacerazioni, bruciature, segni di morsi e fratture – specialmente nella zona degli occhi, naso, denti e mascelleFerite durante la gravidanza, aborti “spontanei”, nascite prematureInspiegabile ritardo nel cercare assistenza medica per feriteFerite multiple a diversi stadi di guarigione
Malattie che possono insorgere in situazioni di maltrattamento
Malattie da stress come mal di testa, mal di schiena, dolori cronici, disordini gastrointestinali, disordini del sonno, disordini alimentari e affaticamentoCondizioni legate a stati d’ansia: come palpitazioni cardiache, iperventilazione e attacchi di panico. Meno frequentemente: depressione, pensieri e tentativi di suicidio, uso di alcool e altre droghe
Effetti sul posto di lavoro
Perdita di produttività, assenteismo cronico o ritardi molto frequenti, eccessive richieste di tempo liberoIncursioni e molestie sul lavoro da parte del maltrattante, di persona o per telefonoCambio frequente di mansioni nel curriculum lavorativo della donna, o perdita dei lavori precedenti
Richieste di aiuto
Per problemi di “coppia” o “familiari”Per dipendenza da alcool e da droghePer consulenze legaliPer problemi relativi alla “salute mentale”
Molte richieste di aiuto mascherano in realtà problemi di violenza domestica.
Come faccio a sapere se una donna viene maltrattata?
L’unico modo di sapere se una donna viene maltrattata è CHIEDERE.  
Non è vero che le donne maltrattate non vogliono parlare della loro situazione. Molte nascondono i maltrattamenti perché temono il compagno; perché temono di sentirsi a disagio, di essere colpevolizzate o di non essere credute.
Per comunicarle il tuo desidero di aiutarla e sostenerla, puoi:  
– Chiedere a lei in modo semplice e diretto, IN PRIVATO
– Avere un atteggiamento NON giudicante, 
– Non spingerla a fare niente,  
– Non pretendere che abbia subito FIDUCIA totale in te 
– Se ci sono dei fatti che ti hanno insospettito puoi dire: “Ho notato x, y e z e mi preoccupo per te. Posso fare qualcosa per aiutarti?”. Oppure “Mi sembra che tu sia sotto pressione e infelice. Se hai bisogno di qualcuno con cui parlarne io sono sempre a disposizione, sarà una cosa riservata fra noi due”.
Spesso si esita nell’aiutare una donna in difficoltà perché si ha l’impressione che “non sono fatti miei”. Questa falsa idea ha contribuito notevolmente a costruire l’isolamento delle donne e ad accrescere le difficoltà di prestare aiuto e supporto. 
Se decidete di chiedere, preparatevi a rispondere in modo supportivo.
Cosa prepararsi ad offrire supporto
Ci sono molte cose che puoi fare per prepararti ad offrire sostegno, incoraggiamento aiuto ad una donna maltrattata
Preparati sul tema della violenza domestica, leggi, parla con operatrici dei centri anti-violenza
Comincia la conversazione in privato e quando hai abbastanza tempo per parlare a lungo
Abbandona le aspettative di trovare una soluzione  “pronta e veloce” Sforzati di capire che la passività della donna può essere la sua strategia di sicurezza 
Verifica la correttezza dei tuoi atteggiamenti e opinioni sul maltrattamento e se necessario modificale.
Le donne maltrattate non subiscono maltrattamenti per una loro mancanza. Sono donne intrappolate in relazioni coercitive a causa dellíuso della violenza e del controllo da parte dei loro partner. 
Atteggiamenti positivi per fornire sostegno e incoraggiamento
Credile. Diglielo apertamente. Se conosci il suo compagno considera che molti maltrattanti si comportano in pubblico in modo molto diverso da come sono in privato
Ascoltala attivamente, falle domande ma evita di dare giudizi e consigli. Sarà lei stessa a dirti ciò di cui ha bisogno
Alleati con i suoi aspetti forti. Sulla base delle informazioni che vi fornisce e delle vostre osservazioni, individuate attivamente le modalità con cui ha sviluppato strategie per gestire la difficoltà della situazione; come ha risolto problemi e mostrato coraggio e determinazione, anche se gli sforzi non sono riusciti completamente. Aiutatela a costruire su questa forza.
Sostieni i suoi sentimenti. E’ comune per le donne in situazioni di maltrattamento di avere sentimenti ambivalenti – amore, paura, colpa e rabbia, speranza e tristezza. Dille che quello che prova è normali e ragionevole.
Evita di colpevolizzarla. Ditele che il maltrattamento non è colpa sua. Rinforzate il fatto che il maltrattamento è responsabilità del maltrattante e che è contro la legge, evitate di parlare male del maltrattante.
Prendi sul serio le sue paure. Se sei preoccupata per la sua sicurezza, dillo senza giudizio, “La tua situazione sembra pericolosa e sono preoccupata per la tua sicurezza”.
Offriti di aiutarla. Se ti chiede di fare qualcosa che puoi e vuoi fare, fallo. Se non puoi o non vuoi diglielo e aiutala a trovare altri modi per affrontare il bisogno, magari mettendola in contatto con chi può effettivamente aiutarla in quello che chiede.
Usa creatività nell’aiutare la donna ad elaborare strategie di sicurezza. La chiave alla pianificazione della sicurezza è analizzare il problema, considerare tutte le possibilità e le alternative a disposizione, valutare i rischi ed i benefici e le diverse opinioni e trovare dei modi per ridurre i rischi. Offri idee, informazioni e punti di riferimento.
Sostieni le sue decisioni. Ricordati sempre che ci sono sempre rischi legati ad ogni decisione presa da una donna maltrattata. Se vuoi davvero aiutarla devi essere paziente e avere rispetto per le sue decisioni, anche se non sei d’accordo.
Continua a leggere “Terrorismo domestico. Terrorismo patriarcale”
Antisessismo, Autodeterminazione, R-Esistenze, Sessualità, Violenza

In Italia lo stealthing non è reato: serve una legge!

Tra le altre storie pubblicate sulla pagina facebook di Abbatto i Muri per la Campagna #TuttaColpaMia oggi ce n’è stata una che ha suscitato abbastanza clamore ed è questa:

Sostanzialmente c’è un tale che si è tolto il preservativo all’insaputa della ragazza che quando se ne è accorta ha cacciato via a pedate il tizio e ha dovuto affrontare anche l’ostruzionismo del farmacista obiettore di coscienza che le ha dato la pillola del giorno dopo solo perché lei ha minacciato di denunciarlo. Togliere il preservativo senza il consenso della ragazza in altri Stati si chiama “stealthing” ed è un reato pari allo stupro. In qualche caso si parla di sanzione in altri di reato penale vero e proprio.

Continua a leggere “In Italia lo stealthing non è reato: serve una legge!”
Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Culture, R-Esistenze, Sessualità, Strega, Violenza

Perché la verginità è un valore maschilista

Cintura di castità

Strega vede tante donne dolersi per aver consegnato la verginità ad uno stupratore prima che per aver subito l’orrore di uno stupro. Vede anche tante donne dolersi di non essere sufficientemente vergini da impedire uno stupro an4le a colui il quale intende esser nominato re delle prime volte.

Vi racconto una storia: è la storia del primo uomo e della donna appresso a lui che aveva interiorizzato la bibbia dell’uomo. Costui doveva assicurarsi che le fanciulle non la dessero via solo per mero desiderio sessuale. Essendo le donne oggetti e mai soggetti sessuali la scelta su quando, a chi, come darla non spettava a loro. Spettava ai padri e alle madri sorveglianti del buon onore delle figlie. Sull’onore si sono fatte leggi in difesa del quale all’uomo era perfino concesso di ammazzare le donne della sua famiglia (delitto d’onore abolito nel 1981). Per ogni fanciulla la cui verginità veniva meno si usava non solo il termine “onore”, riferendosi all’onore del padre o del fratello, comunque dell’uomo custode della ragazza. Si usava anche il termine “morale”. Colei che la dava via era una creatura immorale, se cedeva al proprio desiderio sessuale era perfino definita una strega. Tutte le volte che la sessualità della donna sfuggiva al controllo maschile c’era una parola adatta a criminalizzarla.

Continua a leggere “Perché la verginità è un valore maschilista”
Antiautoritarismo, Autodeterminazione, R-Esistenze, Violenza

Il Consenso appreso da chi dice che lo fa per il tuo bene

Mentre rivedo e faccio l’impaginazione in un unico file delle storie della campagna #tuttacolpamia mi viene in mente che la parola che contraddistingue tutte le storie è “consenso”. Ma non parlo del fatto che se dici No nessuno, e dico nessuno, potrà mai toccarti. Non parlo del fatto che quel consenso può essere a volte dato e poi ritirato in qualunque momento, in tal caso lui dovrà fermarsi o si chiama stupro. Parlo del fatto che la parola Consenso viene utilizzata in molti modi e richiesta sempre e comunque per il tuo bene.

Si parla, per esempio, di consenso in caso di intervento chirurgico. Si parla di consenso in caso di interruzione di gravidanza o di procedure per il parto. Si parla di consenso quando ti ricoverano in un reparto psichiatrico e il tuo consenso è dato nel matrimonio. Nessuno spiega effettivamente a cosa stai acconsentendo in realtà. E tutto ciò per cui neghi il consenso devi chiarirlo volta per volta e con molta fatica.

Continua a leggere “Il Consenso appreso da chi dice che lo fa per il tuo bene”
Antiautoritarismo, Antisessismo, R-Esistenze, Violenza

La guerra in casa nostra

In questo periodo si parla di guerra e io sono scesa in piazza tante volte contro la guerra. Sono scesa in piazza contro le basi nato e i missili. Sono scesa in piazza contro le occupazioni di pace In Kosovo. Contro la guerra in Afghanistan e in qualunque altro posto del mondo in cui si parlava di esportazione dei valori occidentali. 

Ma le guerre che mi hanno riguardato più da vicino e che forse hanno riguardato anche molti di voi sono guerre invisibili che combattiamo tutti i giorni. C’è la guerra contro la violenza di genere. Il Regno del terrore imposto dal padre padrone in casa. Sono quei momenti in cui metti l’indice sulle labbra per incutere silenzio quando il maschio parla. Il momento in cui ricopri la testa con le coperte sperando che lui non capisca che sei ancora sveglia. Il momento in cui fai finta di dormire quando lui ti tocca e speri che finisca in fretta.

Sono i momenti in cui non dormi la notte perché lui deve sfogarsi e ti lancia di tutto addosso. E poi ti colpisce ovunque con pugni e calci lasciando tracce e lividi dappertutto sul tuo corpo. Sono i momenti in cui cammini per strada e hai paura che qualcuno ti segua e ti bracchi e poi ti catturi per fare di te quello che vuole. 

Continua a leggere “La guerra in casa nostra”
Autodeterminazione, Pensieri Liberi, Personale/Politico, Precarietà, R-Esistenze, Violenza

Cronache postpsichiatriche: ptsd e depressione

Un altro pezzo di me. Prima del tentato suicidio e della depressione ci sono i traumi, io credo. Ho spesso chiesto agli psichiatri con i quali sono stata in contatto se lo stress post traumatico fosse causa di qualcosa, se dovevo considerare la possibilità che essere sopravvissuta a più tentati omicidi non poteva farmi benissimo. Mi hanno detto che no, non c’entra. C’entra come affronti le cose e non come sono cominciate. Ma il punto è che io sono andata avanti per spirito di sopravvivenza, per puro istinto ed è diventata il mio metodo di vita al punto che in una dimensione di pseudo stabilità mi deprimo. Ma mi deprimo anche prima di un appuntamento, prima di svolgere un compito importante, avviene un blocco, autosabotaggio, che mi impedisce di arrivare ad un appuntamento in orario, di finire un incarico, di portare avanti un progetto. Questo negli ultimi anni è andato un po’ meglio perché c’erano persone che mi hanno dato una mano ma non so se sono in grado di farcela, non lo so ancora.

Sopravvissuta, dicevo: da bambina sono sopravvissuta all’abbandono dei miei che per seguire emergenze sanitarie mi hanno lasciato in una famiglia di schizzati (non come me, io sono pazza ma loro di più); sono sopravvissuta alle molestie del vecchio vicino, alle legnate di mia madre e alle botte di mio padre, allo strangolamento di mio padre (perché avevo osato prendere la sua automobile per fare un giro non appena presa la patente). Sono sopravvissuta a molestie sessuali e psicologiche in luoghi di lavoro e poi alle violenze del mio ex marito che mi picchiava, ha tentato di strangolarmi (devo averci fatto il callo) mi ha sodomizzata perché non gradivo quella posizione e me ne ha fatte passare di tutti i colori. In più sono sopravvissuta alle violenze psicologiche di una famiglia disfunzionale e questo è solo il principio. Dunque perché mai tutto ciò non dovrebbe c’entrarci con la depressione, con i miei blocchi, con la mia scarsa autostima, con l’autosabotaggio che mi impedisce di fare quel che vorrei, come se avessi sempre bisogno di qualcuno che mi tiene per mano e mi incoraggia.

Continua a leggere “Cronache postpsichiatriche: ptsd e depressione”
La posta di Eretica, Personale/Politico, Violenza

Il mio ragazzo mi picchiava. Io costretta con lui per il Corona Virus

Lei scrive:

Cara Eretica, credo di non dire niente di nuovo quando descrivo la trappola in cui mi sono trovata per mesi per via del Corona Virus. Il mio (ora ex) ragazzo è venuto a trovarmi dalla città in cui vive (abitiamo a chilometri di distanza) e poi tutto è stato bloccato e io mi sono trovata a vivere in un incubo. Capisco che la situazione creata poteva essere claustrofobica ma lo era per entrambi, eppure ad essere violento era solo lui. Lo conoscevo ma non avevamo mai passato insieme più di due giorni.  Ci vedevamo nei week end, io andavo da lui o viceversa, e tutto sembrava magnifico. Così mi sono ritrovata assieme ad un uomo geloso, insicuro, narcisista e violento.

Continua a leggere “Il mio ragazzo mi picchiava. Io costretta con lui per il Corona Virus”

Antisessismo, Autodeterminazione, Personale/Politico, R-Esistenze, Violenza

Quando le donne sono complici dei violenti

Quando la mia coscienza femminista si stava ancora formando attraversavo il post separazione dal padre manesco di mia figlia. Per lavoro facevo quel che capitava e a quell’epoca mi capitò di fare il censimento in una zona della città. Quel che non sapevo era che proprio nella zona che mi avevano assegnato viveva il mio ex con la nuova compagna e le sue figlie, credo fossero un paio, se non ricordo male.

Trovai la donna seduta a fare curtigghio con altre vicine di casa che subito si strinsero attorno a lei come per proteggerla. Solidarietà tra comari, mi dissi, ma in realtà c’era qualcosa di più. Lei, forte di quell’alleanza, mi accolse con aria di sfida, come se io fossi stata lì per mia volontà e non per puro caso.

Continua a leggere “Quando le donne sono complici dei violenti”

Critica femminista, R-Esistenze, Violenza

Lo stupro commesso anche da donne

Abbiamo pubblicato un post di una persona che racconta, a modo suo, il perché non esista lo stupro commesso da una donna su un uomo. Tra le righe una critica, non dovutamente argomentata, su quello che i maschilisti intendono ogni volta che danno delle bugiarde alle donne o ogni volta che tirano fuori lo stupro subito da un uomo come pretesto per negare la violenza di genere. Una sorta di parità che a loro serve per dire che la violenza non avrebbe sesso e che la violenza di genere non esiste. Questi argomenti triti e ritriti vengono usati soprattutto da chi ritiene che le donne mentano quando denunciano di aver subito uno stupro avvenuto senza tracce e ferite evidenti, come se lo stupro fosse ritenuto tale solo se lei resta menomata o uccisa.

Continua a leggere “Lo stupro commesso anche da donne”