'SteFike, Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

Manifestazione #26N: uomini in fondo al corteo? Sbagliato e sessista!

banner-nonunadimeno-1

Come sempre ogni volta che si parla di cortei nazionali contro la violenza di genere si assiste ad una discussione ridicola che poi assume toni ancor più incredibili se ad autonominarsi portavoce della manifestazione sono nomi di “femministe” che rappresentano lo “0,1”, forse, tra le femministe italiche.

L’appello diffuso e i documenti approvati dall’assemblea organizzativa del corteo del 26 novembre non parlano affatto di posizioni, latitudini, longitudini, dedicate ai maschi. Si parla di analisi e valutazioni, si tenta una mediazione su intenti e ragioni, battaglie e progetti futuri da realizzarsi in rete. E’ sempre così e si apre alla partecipazione di spezzoni ciascuno dei quali, come per esempio quello transfemminista, racconta un proprio perché. Continua a leggere “Manifestazione #26N: uomini in fondo al corteo? Sbagliato e sessista!”

'SteFike, Antisessismo, Autodeterminazione, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze, Storie

Se ti piace il macho devi rispettare le “procedure”

Lei scrive:

Cara Eretica,
ho conosciuto un ragazzo e dopo un paio di occasioni in cui ci vedevamo e parlavamo ho pensato che dirgli semplicemente mi piaci fosse la cosa più sincera da fare.
E così una sera, vedendolo andare via, mi sono fatta coraggio e mi sono lanciata. E’ stato molto bello e molto forte per me.
Dire mi piaci può sembrare una banalità, ma farlo è stata una piccola impresa. Ed ero molto felice al di là di quello che sarebbe potuto accadere poi.
Bene, questo il risultato:

io ho la tua mail e se, come credo, hai uno smartphone sicuramente potrai leggere più o meno in tempo reale. Dunque ti scrivo due righe come se fosse un messaggio o un whatsappino. Ero molto orgoglioso di come ero riuscito a resistere al tuo ‘attacco’; mi sentivo forte per il fatto che avevo messo in contatto e in comunicazione tutte le parti del mio essere e come UNO avevo preso una decisione: non farò nulla con questa ragazza, nonostante l’attrazione … No, sono troppo stanco, devo proseguire domani. Anche perché qui la cosa va per le lunghe… So che non hai bisogno di nulla, che nessuna spiegazione è necessaria, che sei adulta ecc., ma visto che ti ho vista sotto casa mia (!), seguo l’istinto e ti scrivo. Quindi domani troverò un momento per farlo. Per ora buonanotte, begli occhi.

Continua a leggere “Se ti piace il macho devi rispettare le “procedure””

'SteFike, Antiautoritarismo, Antifascismo, Comunicazione, R-Esistenze

#MeinKampf #EdicolanteResistente: Il grande fratello è quello fascista!

13407203_1018974901503003_4204958349510011286_n

Quelli che se non vendi il mein kampf violi la libertà di opinione e poi se dici che dare del malato a un gay è omofobia ti dicono che è un’opinione. Come quella di chi dice che bisogna passare la ruspa sulla pelle degli immigrati, o bisogna censurare i libri che parlano di rispetto dei generi contro il bullismo omofobico e sessista.
Continua a leggere “#MeinKampf #EdicolanteResistente: Il grande fratello è quello fascista!”

'SteFike, Antisessismo, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, R-Esistenze, Sessualità

Non vado in soccorso al “maschio in crisi”

Su LInchiesta, sito che in genere non leggo, è stato pubblicato un pezzo rivolto al “maschio“. Nulla di strano ma, se proprio dobbiamo dirla tutta, ci è stato segnalato affinché realizzassimo un’analisi da un punto di vista di genere. Dopo un attacco in cui si preannuncia la crisi della virilità, a seguito perdita della sacra fregna, si parla del danno causato dal porno gratuito e di una presunta confusione dei generi sessuali (ahhh, il Giiienderrrr). La crisi parrebbe generale e toccherebbe tutti. Si descrivono una serie di attitudini generalizzandone la portata e poi si pronuncia il fatidico “noi donne” per dichiarare che tanta presunta verità viene pronunciata da tutte noi o da una nostra riconosciutissima rappresentante.

Continua a leggere “Non vado in soccorso al “maschio in crisi””

'SteFike

Comunicazione di servizio per i/le naviganti

Questo non è un post ma un semplice messaggio agli utOnti e alle utOntesse. Dato che non siete in grado di automoderarvi nelle discussioni sulla Pagina di Abbatto i Muri, mentre io sono impegnata ad avere cura di me (che sto poco bene), per quanto chi mi sostituisce cerchi di fare del proprio meglio nel tentativo di fare ragionare 70.000 teste (non tutte, anzi, solo in minimissima parte non in grado di automoderarsi), sospendo la pagina per un po’ fino a che non mi ripiglio. Nel frattempo potete leggere i tanti post e le mille storie ospitate sul blog e potete scrivere, se lo volete, a abbattoimuri@grrlz.net senza però sperare che vi risponda subito. Lo farò non appena posso. Nel frattempo vi invito a riflettere sul fatto che ascoltare, senza darsi addosso, e discutere in modo rispettoso delle opinioni altrui, è la cifra del blog, della pagina e di ogni spazio che caratterizza Abbatto i Muri. E, ben inteso, faremo di tutto affinché rimanga questo: un luogo che le persone possono attraversare pur se non sempre troveranno opinioni che le rappresentino. Un abbraccio a tutt*, e a presto.

Eretica

ps: la pagina sarà sospesa nel pomeriggio, così avrete tempo per leggere l’avviso. Ancora un bacio. :* ❤

'SteFike, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, R-Esistenze

Abbatto i Muri e le aggiustatrici della narrazione sul materno

“Imperativo biologico”, “il più potente dei sentimenti”, “dovreste baciare i piedi a vostra madre”, e queste sono solo alcune delle affermazioni normative che da ieri scorrono sulla pagina fb di Abbatto i Muri perché abbiamo osato scrivere che ci sono donne che si sentono “complete” anche senza avere figli. Sappiamo che ci sono temi caldi per i quali le risse sono d’uso. Vietato pubblicare foto di donne in carne perché arriva lo squadrone di salutisti a fare diagnosi e prescrizioni mediche. Vietato pubblicare storie di donne che “tradiscono” il compagno, per così dire, perché al di là della complessità quel che suona male è che lei “non sa amare”, come se ci fosse una regola d’amore universale, e che lui ha le corna. Vietato anche discutere di maternità senza usare retoriche universalmente note e definibili secondo logiche patriarcali/matriarcali. Le aggiustatrici, con seguito di paternalisti, che non mancano mai di tuffarsi nelle risse quando c’è da dare alle donne una lezione di morale su ruoli di genere e doveri da adempiere, arrivano in massa, poi chiamano le colleghe, affermano perfino di essere discriminate, loro, poiché la storia dell’una dovrebbe rappresentare l’altra e se una non vuole figli si offende quella che i figli ce li ha.

Continua a leggere “Abbatto i Muri e le aggiustatrici della narrazione sul materno”

'SteFike, Antisessismo, Critica femminista, R-Esistenze, Sessualità, Storie

Dopo la menopausa le donne fanno sesso? Certo che si!

1476178_570606886339809_30811081_n

Mi è capitato di leggere una nota di una donna cinquantenne che consigliava alle ragazze di non seguire l’idea di una uguaglianza perché tanto, ella dice, uguali non saremo mai. Dunque perché provare? Il prezzo che si paga, dice ancora, è la solitudine, perché i “maschi”, così indistintamente descritti, invece sarebbero pieni così di donne che gliela danno. Mi spiace che dica questo così come mi spiace per i commenti che tante donne hanno dedicato a giudizio del corpo della moglie di Hugh Jackman, quasi a confermare il fatto che solo un certo tipo di donne può aspirare ad una relazione con un bell’uomo. Poi ricordo di un altro articolo in cui una donna in menopausa spiega invece come quel periodo per lei sia in realtà magnifico per fare sesso.

Continua a leggere “Dopo la menopausa le donne fanno sesso? Certo che si!”

'SteFike, Autodeterminazione, Comunicazione, Critica femminista, Culture, Recensioni

Lo chiamavano Jeeg Robot – recInZione

::Avviso Spoiler::

E niente. L’ho visto. Mi è piaciucchiato ma condivido con chi l’ha recensito prima di me il fatto che c’è qualcosa che spiace. L’arte non si critica. E’ arte e descrive una situazione che va presa per quel che è. Non penso che il film avesse intento pedagogico e non sono così assatanata da saltare sul carro delle viscere scoperte quando si parla di stupro, però inequivocabilmente la storia racconta di un tizio che supera la fase del delirio di onnipotenza dell’uomo forte, pronto a usare la forza per rubbbare, solamente passando attraverso uno stupro ai danni di una innocente la cui consensualità mi è sembrata assolutamente prevaricata.

Continua a leggere “Lo chiamavano Jeeg Robot – recInZione”