Antiautoritarismo, Antifascismo, Antirazzismo, Questa Donna No, R-Esistenze

#CharlottesVille: La verità sulle donne e la supremazia bianca

KKK women blinded from burning crosses in 1956. Photo: Bettmann/Bettmann Archive

Articolo originale qui. Traduzione militante di Isabella.

Scritto da Laura Smith

Quando la foto segnaletica di James Alex Fields Jr. fu divulgata dopo che egli aveva guidato il suo Dodge Challenger attraverso una contro protesta a Charlottesville, nessuno rimase sorpreso da ciò che l’immagine rivelò: un giovane uomo bianco con un taglio neo-fascista. Figure di “estrema destra” come Richard Spencer attiravano quasi tutti i riflettori dei media interessati a dare risalto al nazionalismo bianco, creando l’impressione che si trattasse di un movimento per soli uomini e, come molti sottolinearono, i suprematisti bianchi che si radunarono quel sabato erano principalmente uomini.

Continua a leggere “#CharlottesVille: La verità sulle donne e la supremazia bianca”

Critica femminista, Questa Donna No, R-Esistenze, Violenza

E’ la cultura patriarcale che assolve le madri assassine

il_340x270-1066024080_t2qkUna donna ha ucciso in modo orribile, facendo ingerire candeggina, le due figlie e poi ha tentato il suicidio. Il marito dice che avevano parlato di separazione e che lei non voleva accettarla. In alcuni casi è l’uomo a fare più o meno la stessa cosa. Uccidere i figli perché non si accetta la separazione, i figli usati come strumento di ricatto, schiavi di una cultura del possesso che dice “miei o di nessun altro”.

Ne parlo perché è necessario fare chiarezza su questo punto, tentando lucidamente di fornire argomentazioni che disinneschino la padre/fobia e che contrastino l’esaltazione del materno. Le madri non sono buone per natura, non sono beddamatresantissime, non è detto che amino i figli e non è detto che siano martiri e madonne come invece si vorrebbe fare credere. Generalmente si attribuisce agli uomini il fatto di essere violenti pur di ottenere l’affido dei figli “per vendetta”.

Continua a leggere “E’ la cultura patriarcale che assolve le madri assassine”

Antisessismo, Critica femminista, La posta di Eretica, Personale/Politico, Questa Donna No, R-Esistenze, Storie, Violenza

Mia madre: femminista fuori e sessista dentro casa

Lei scrive:

Ciao!

Mia mamma è sempre stata una di quelle femministe assidue e combattive. Fa volontariato presso un’associazione che supporta le donne che hanno subìto uno stupro, e in generale si batte per tutte le questioni al riguardo, anche per esempio i diritti LGBT. Sarebbe tutto molto bello, se non fosse che fuori è una cosa e in casa tutto l’opposto. Con me e mio fratello ha sempre avuto due comportamenti diversissimi, del tipo che quando mi veniva a prendere a casa di amici e per caso c’erano dei ragazzi, mi chiedeva ‘be? Cosa ci fai con tutti quei ragazzi?’, mentre invece se lui usciva con più di una ragazza alla volta lo sosteneva in ogni caso e lo consolava.

Continua a leggere “Mia madre: femminista fuori e sessista dentro casa”

Comunicazione, Questa Donna No, R-Esistenze

Il conservatorio di Bari prende le distanze dalla ex docente Ciliento

nicoletta

Avrete sentito della ex docente del conservatorio di Bari che ha scritto “ai 50 gay uccisi e ai 53 feriti in Usa. per un atto terroristico. tale atto è sicuramente condannabile, ma io penso anche a quanti banbini si sono salvati da molestie sessuali“.

Continua a leggere “Il conservatorio di Bari prende le distanze dalla ex docente Ciliento”

Autodeterminazione, La posta di Eretica, Pensieri Liberi, Personale/Politico, Questa Donna No, R-Esistenze, Storie, Violenza

Non voglio essere oggetto dell’ossessione di una depressa

Lei scrive:

Cara Eretica,

sto seguendo il diario della depressa consapevole e sono favorevolmente colpita dall’abilità con la quale lei riesce a raccontare quello che vive con ironia e senza angosciare chi vuole leggerla. Ma le persone depresse non sono tutte così e io posso dirlo perché sono vittima di una di loro, depressa, paranoica, molto sola, ossessivamente concentrata a stalkerizzarmi pensando che sia io a volerle fare male quando in realtà non la cago proprio. Vive da sola, è grassa, e non lo dico per disprezzare lei e il suo corpo, ma voglio descrivere qual è la situazione per capire se c’è chi è passato attraverso la mia esperienza e come fare a liberarmi di lei senza subire ancora le sue aggressioni.

Continua a leggere “Non voglio essere oggetto dell’ossessione di una depressa”

Antisessismo, La posta di Eretica, Personale/Politico, Questa Donna No, R-Esistenze, Storie

Sulle donne che molestano il personal trainer

Lei scrive:

“Ciao amiche di abbatto i muri, (…) mi permetto di scrivervi (…) un pochino compiaciuta perchè vedo che state trattando già l’argomento delle molestie al femminile. Ecco la mia riflessione, vi abbraccio forte :

Continua a leggere “Sulle donne che molestano il personal trainer”

Antiautoritarismo, Autodeterminazione, Critica femminista, Femministese, Questa Donna No, R-Esistenze

Utero in prestito: se non sei madre la tua opinione non vale!

Oggi ho avuto il (dis)piacere di leggere questa intervista alla Comencini, che, forte del documento autoritario redatto a Parigi, e con il residuo minimo di Snoq, separato dai comitati territoriali al seguito della sorella (con Snoq Factory) sta conducendo una crociata contro quello che chiama “utero in affitto”. Su una pagina facebook l’intervista viene così introdotta:

12735520_1021372594575192_1706213125_n

Vi sintetizzo un po’ della discussione tra madri, non madri, a proposito di queste ultime sparate che certamente danno spessore al dibattito.

Continua a leggere “Utero in prestito: se non sei madre la tua opinione non vale!”

Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, La posta di Eretica, Personale/Politico, Questa Donna No, R-Esistenze, Storie, Violenza

Femministe radicali: quelle che si sono autoelette più donne delle donne

228ebc138fc30fa8d747ddfb62f75b26

Mi chiamo Libera e nel corso della mia vita ho incontrato tante donne che dicevano di volermi liberare ma in realtà facevano a meno di ascoltare la mia idea in proposito. Volevano soltanto addomesticarmi, dirigermi verso la luce, si comportavano come sacerdotesse a guardia del tempio, operando scomuniche nei confronti di quelle che avevano un’opinione diversa dalla loro. Io, per esempio, sono stata usata finché non ho osato alzare la testa e parlare, nel tentativo di esprimere la mia opinione. Allora mi hanno etichettato come complice del patriarcato e hanno disconosciuto me, come persona, come donna, come soggetto autodeterminato.

Continua a leggere “Femministe radicali: quelle che si sono autoelette più donne delle donne”