Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

Donne politiche che criminalizzano e rubano la scena alle militanti femministe

Qualcuna scrive che il femminismo si dà la zappa sui piedi perché non ammette che le proprie istanze siano oggetto di normalizzata istituzionalizzazione. Beh, non è il femminismo che tenta di smantellare il diritto alll’ivg ma un certo gruppo di donne in politica che usa alcune delle istanze femministe come brand per riaffermarsi quando perdono consensi. Le stesse donne in politica che poi si oppongono al ddl zan, all’identità di genere, all’inclusione trans e ai diritti delle sex workers.

Queste donne sono le stesse che si intrufolano in manifestazioni di movimento per cavalcarle e trarne utilità normalizzando e spostando sempre più a destra il discorso politico femminista. Le donne non sono tutte uguali, non sono tutte femministe. Si concentrano sul diritto all’aborto oggi? Perché mai nelle amministrazioni a guida pd hanno approvato l’istituzione i cimiteri per embrioni obbligando le donne a scegliere tra scarto e sepoltura con tanto di nome all’embrione abortito? Perché mai le amministratrici dei comuni a guida pd hanno votato delibere per il decoro che penalizzano e sanzionano la presenza di sex workers in strada respingendole ai margini dove è più facile fare loro del male? Perché nelle amministrazioni a guida pd si sono discusse mozioni contro l’identità di genere appoggiando le deliranti e offensive teorie di transfobe che vorrebbero un femminismo solo per donne di nascita? Perché certe parlamentari pd hanno fatto strenua opposizione al ddl zan e non consentono che si parli di identità di genere e di violenza di genere?

Lo sdoganamento di certi destrismi l’hanno fatto loro dunque cosa vorrebbero dal movimento femminista adesso? Conviene si rivolgano ai contesti da cui pare traggano voti, quelli che permettono la pubblicazione dei loro articoli si Avvenire e Famiglia cristiana. Facciano fiaccolate con gente di chiesa, com’è naturale che sia a questo punto. E smettano di fare le vittime e descrivere le femministe che lottano per tutte come estremiste e cattive. Lo hanno già fatto, tentando di prendersi il merito per una grande manifestazione anni fa, presentandosi per essere intervistate e quando furono cacciate dissero che le femministe erano violente. Non è così. Io c’ero. Violenza è quella di chi tenta di accreditarsi come femminista quando in parlamento porta avanti istanze totalmente opposte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.