Personale/Politico

Farmi inghiottire dall’universo o resistere?

Quello che succede quando ti manca il terreno sotto i piedi è che ti rendi conto di non saper volare. Perciò cerchi un appiglio, uno qualunque, per restare ancorata il più possibile prima di svanire in un universo vasto e pieno di incognite che giammai vorresti visitare e mai vorresti ti inghiottisse. Invece l’universo incombe su di me e devo abituarmi a osservarlo da vicino immaginandomi ora esploratrice e ora semplicemente una donna che tenta di sopravvivere ai grossi colpi inferti dalla vita. Senza certezze mi accingo a gestire l’ingestibile, sapendo di contare su pochi aiuti e su me stessa soprattutto, nonostante io sia piena di difficoltà e non sappia come fare a percorrere più di cento metri senza aiuto per l’agorafobia o non possa essere puntuale al mattino per i farmaci per la depressione. Com’è possibile che in questi casi nessuno abbia approntato un servizio che possa tenere l’ancora ben salda per impedire che l’universo prenda tutto quello che di me è rimasto.

Com’è possibile che io da sola devo fare mille telefonate per sapere se ho il diritto di esistere e vivere oppure no. Smetto di sentirmi in colpa per aver pesato su di una persona e comincio a sentirmi in colpa per il fatto di diventare un peso della società. E’ questo il destino di quelle come me? Mi sento così sola al punto che arranco cercando ad occhi chiusi un briciolo di calore attorno a me senza trovarlo. Il mondo è coinvolto in scontri epocali e tutti hanno i propri problemi da risolvere e io sono qui sola e non so bene se lasciarmi inghiottire dall’universo o resistere ancora un altro po’. E’ questo essere vivi? Essere svegli? Forse stavo meglio quando non mi rendevo conto di quanto accadeva intorno a me. Forse era meglio essere un vegetale imbottito di farmaci che non mi permettevano di pensare. Eppure sento l’urgenza di respirare e non credo sia solo una questione fisiologica. Sento l’urgenza di toccare e di capire in che situazione mi trovo. Completamente sola, per il momento. Senza nessuna sicurezza. L’universo forse potrà indicarmi nuove e infinitamente più interessanti destinazioni. Per ora taccio. Di più non riesco a dire. Solo dolore. 

Una tantum
Mensile
Annuale

Donazione una tantum

Donazione mensile

Donazione annuale

Scegli un importo

€1,00
€5,00
€10,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

O inserisci un importo personalizzato


Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*
‘Abbatto i muri’ is a blog and an online platform run by a volunteer called Eretica. It aims to raise awareness of Intersectional feminism. It also tries to support the LGBT community in Italy and victims of domestic violence and many other issues which occur in Italy.
Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.