Antisessismo, Attivismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

Due ragazze rumene assassinate: ecco le lotte delle donne in Romania

In Romania l’omicidio di due ragazze ha sconvolto la popolazione. Questo articolo parla della condizione femminile in Romania e del movimento femminista rumeno e internazionale.
Se cade una cadiamo tutte! Qual é il prezzo della (in)sicurezza?

2 agosto 2019 Adina Marincea
La lotta del femminismo in Romania, alla ricerca di una risposta

La protesta “Se cade una, cadiamo tutte!”, che ha avuto luogo davanti al ministero interno a Bucarest domenica 28 luglio, è stata una reazione al sospetto omicidio di due adolescenti della città di Caracal – Luiza Melencu e Alexandra Măceşanu, e contro la circoscrizione del discorso pubblico sull’argomento a problemi di corruzione e disordine istituzionale, nonché contro la diffusione delle armi per guadagni politici. “Non é la corruzione, ma il patriarcato ad uccidere!” È uno dei messaggi centrali delle manifestanti, che hanno parlato della violenza strutturale contro le donne. Nonostante i dati dimostrino che la Romania ha un problema reale con la violenza contro le donne, questo rimane un argomento ampiamente ignorato. Messaggi come “Il sessismo uccide!” E “La polizia uccide!” si oppongono alla normalizzazione dell’abuso e della violenza contro le donne, che spesso inizia a casa.

Le statistiche mostrano che un omicidio basato sul genere su quattro ha avuto luogo nella famiglia della vittima. L’81% dei casi di violenza domestica si verifica nel posto di insediamento, sia nelle zone rurali (53% dei casi) che urbane (47% dei casi).

Le donne sono vittime nell’81% dei casi di violenza di genere e nel 92% dei casi gli uomini sono gli aggressori. Una donna rumena su quattro è stata abusata fisicamente o sessualmente dal suo partner, ma solo il 4% dei casi arriva in tribunale.

La violenza contro le donne è implicitamente ed esplicitamente accettata dalla società – attraverso umorismo sessista, l’accusa delle vittime, le molestie di strada e le pubblicità, immagini e canzoni che riducono le donne a oggetti delle fantasie maschili. Queste forme di aggressione degradano e promuovono ulteriormente la violenza contro le donne, incluso il livello istituzionale dove c’é una mancanza di adeguati meccanismi di protezione per le vittime di violenza fisica e sessuale. ciò accade anche attraverso l’atteggiamento delle autorità – attraverso poliziotti che ti insultano, ti fanno sentire in colpa, fanno battute sulle donne che presentano reclami e consigliano a quelle donne di “tenerlo in famiglia” , attraverso i pubblici ministeri che respingono i reclami e gli ordini di protezione ( per le donne maltrattate), attraverso i giudici che criticano e denigrano le vittime della violenza e proteggono gli aggressori e attraverso la complicità delle autorità in caso di tratta di esseri umani.

La critica contro il patriarcato, che è quasi un’eccentricità nel dibattito rumeno mainstream, mira a decostruire la cultura misogina, una cultura che cresce rapidamente dai primi anni di educazione a casa (“i ragazzi non piangono”, “le donne sono destinate ad ascoltare”) e in classe (nei libri di testo, che insegnano ai bambini che la maggior parte delle figure storiche erano uomini e costruiscono ruoli di genere stereotipati – la donna che si prende cura della casa e l’uomo che è indipendente e un imprenditore). Lo stesso viene fatto nella cultura pop e dalla sottorappresentazione delle donne in posizioni di potere, sia nel settore pubblico sia nel privato.

La resistenza alla violenza sistematica, una violenza sia nata sia sostenuta da questa cultura e che minimizza il potere, l’autonomia, la sofferenza e le capacità delle donne, non è qualcosa di nuovo e non é limitata alla società rumena. C’è un’intera storia di movimenti femministi, che riprendono questa lotta, ma non è questo l’argomento di questo testo. Farò riferimento solo a uno dei recenti movimenti globali, con i quali la protesta “Se cade una cadiamo tutte!”, condivide somiglianze e solidarietà, come mostrano il nome, gli slogan e gli approcci alle questioni:

“Sopravviveremo insieme! Neanche una di meno!”,“Il patriarcato e lo stato sono la stessa m*rda!”,“Basta alla violenza contro le donne!”,“Il patriarcato uccide”e #cadeundacademtoate (#se cade una cadiamo tutte) #niunamenos (#nonunadimeno) #sexismulucide (#ilsessismouccide)

La protesta del 28 luglio 2019 si unisce alla scena di un più ampio movimento intersezionale femminista – Ni una menos (Non una di meno).

Questo movimento ha la sua origine in Argentina nel 2015 come reazione all’omicidio di un’ adolescente di 14 anni, la cui morte è stata vista come un sintomo della violenza di genere ampiamente presente nella società. Si estese poi attraverso la regione al Perù , al Cile e all’Uruguay e divenne un simbolo dell’alleanza contro il femminicidio in America Latina (il femminicidio è spesso il risultato della violenza domestica e della violenza del partner – proprio come lo è in Romania), contro la cultura misogina, che sostiene la violenza di genere, l’oggettivazione delle donne e le molestie sessuali. Si estese ulteriormente in Europa, dove esempi recenti sono state le proteste di Non Una di Meno in Italia nel 2018 e nel 2019 e le mobilitazioni di massa in Spagna di Ni Una Menos . In Spagna, il movimento è stato amplificato dalle proteste YoSiTeCreo (“Io sì ti credo”) nell’aprile 2018, che sono state una reazione contro la condanna leggera della corte di 5 uomini, che si sono definiti “la manada” (la banda), accusati di stupro di gruppo di una ragazza adolescente.

Tutti questi movimenti condividono tratti comuni e un programma simile, che non é limitato alla violenza di genere. Stabiliscono come obiettivo più alto la decostruzione del patriarcato e la narrativa comune attraverso cui è giustificata la violenza di genere, come: l’importanza della “moralità” e dei “valori” della vittima (come si veste, quale occupazione ha, se ha “provocato” gli aggressori) o la patologia individuale degli aggressori (“questo è un caso a parte/ è pazzo”). Questi movimenti suggeriscono che per spiegare questa violenza devono essere fatte connessioni causali, spostando l’attenzione dalla vittima al sistema che alimenta la violenza. Propongono un’analisi e una decostruzione più approfondita delle relazioni di potere all’interno della società, dei modi in cui queste relazioni supportano la violenza strutturale contro i più vulnerabili, dal punto di vista dell’identità di genere, dell’etnia, dello stato socioeconomico, dell’età e dell’orientamento sessuale. Questi sono movimenti contro ogni forma di abuso individuale e sistemico, sia esso fisico, sessuale, economico o autoritario.

Questi principi si riflettono nel modo in cui questi movimenti sono organizzati e nel modo in cui funzionano come strutture non gerarchiche e inclusive, transnazionali e intersezionali.

Ciò è visibile nei manifesti e negli appelli alla solidarietà internazionale, lanciati da movimenti come Ni Una Menos in particolare nell’organizzazione delle proteste l’8 marzo – la Giornata internazionale della donna. Questo è un esempio delle proteste “Se cade una cadiamo tutte”, che non hanno assunto leader, ma sono state realizzate da attiviste che lottano per i diritti delle donne, Rom e comunità LGBTQ+ all’interno e all’esterno del movimento.

Inoltre, il messaggio “La polizia uccide” sul muro dell’edificio del ministero interno, trasmette le paure degli attivisti per il rafforzamento dell’apparato repressivo di Stato e la distruzione dei servizi sociali. La palese repressione del dibattito sugli omicidi delle due adolescenti praticata mettendo in rilievo il discorso anticorruzione fa parte della stessa lotta: una lotta contro l’abuso da parte del braccio finanziario e del braccio armato delle strutture patriarcali. In questo momento, la protesta ha dato vita a una grande disussione, quando le persone gridano: “Vogliamo la sicurezza nelle strade e in casa!”: Chi e come garantirà la sicurezza e a quale costo?

In questo momento di tensione, il rischio è che le persone siano motivate dall’indignazione e dalle forti emozioni per trovare soluzioni immediate e che queste soluzioni rafforzino l’apparato repressivo – aumentando il numero di poliziotti in strada e il raggio del loro potere, intensificando lo stato sorveglianza, calcando sulla punizione anziché sulla prevenzione, ecc. Oppure la società potrebbe scivolare in un momento, perdere completamente la fiducia nelle persone e nelle istituzioni, verso assetti di estrema destra e un’erosione ancora più profonda del sostegno sociale attraverso misure neoliberali promosse da “nuove persone” con grandi parole come “cambiamento”. Il rischio è che tutto il prezzo venga avvertito più profondamente dalle persone più vulnerabili, che noi cerchiamo di proteggere.

Concludo con un verso di una poesia di Medeea Iancu, letto durante la protesta:

E’ Il paradiso l’unico posto dove le donne possono sentirsi sicure?

Articolo scritto dalla compagna Adina Marincea per la rivista online Baricada
Traduzione: Laura Bugianesi (Non Una Di Meno Maceratese) @Adina Marincea
@Baricada.org
Articolo originale:  QUI

>>>^^^<<<

Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*


Donate Now Button

Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!

Annunci

Un pensiero riguardo “Due ragazze rumene assassinate: ecco le lotte delle donne in Romania”

  1. “Ecco perché il patriarcato, il maschio potere finora più o meno raziocinante di ogni sistema (a) e quindi la dominazione proprietaria maschile sulla femmina riproduttrice, ha voluto degradare la mestruazione a impurità. La donna impura durante il ciclo mestruale. Estromessa fin dalle prime tappe storiche d’appropriazione maschile dei beni comuni e dall’erezione della famiglia patriarcale più o meno monogamica. Femmina mestruante persino esclusa da abituali mansioni (b) come insegnano del resto vari libri cosiddetti sacri. Quelle bibbie patriarcali che sanciscono un dominio divino e paterno anche se mimetizzato del pene su impuri uteri e vulve riproduttrici. Rifiutando la bella tonda fresca mela della conoscenza della natura che la femmina originaria ci porge ripetutamente…”
    Come ben dice K. Raveli in ‘Mestruazione: liberazione’ (Sinistrasinrete) !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.