Comunicazione, Contributi Critici, Critica femminista, R-Esistenze

Privilegio 101: una guida veloce e “sporca”

Articolo in lingua originale QUI. Traduzione di Naomi del gruppo di lavoro Abbatto i Muri

scritto da Sian Ferguson

“Privilegio” è una parola che sentirai spesso negli spazi di giustizia sociale, sia offline che online. Alcune persone capiscono facilmente il concetto. Altri – ed io ero così – trovano il concetto confusionario e hanno bisogno di un po’ d’aiuto.

Se vuoi imparare qualcosa sui privilegi, ma non sai da dove iniziare, sei nel posto giusto! Prima di iniziare vorrei chiarire che questo articolo non è completamente esaustivo. Questo per dire che non spiegherà tutto ciò che c’è da sapere sul privilegio, ma ti darà una buona base. Pensa al privilegio non come una singola lezione ma come un campo di studio. Per capire veramente il privilegio abbiamo bisogno di continuare a leggere, studiare e pensare in modo critico.

  • DEFINIRE IL PRIVILEGIO

L’origine del termine “privilegio” risale al 1930, quando Web Dubois scrisse sul “salario psicologico” che permetteva ai bianchi di sentirsi superiori ai neri.  Nel 1988, Peggy McIntosh ha rafforzato l’idea del privilegio in un documento intitolato “Privilegio bianco e privilegio maschile: un resoconto personale di osservazione tra le due corrispondenze attraverso il lavoro negli studi delle donne”.

Possiamo definire il privilegio come una serie di benefici non dovuti, dati a persone di un determinato gruppo sociale.

La società garantisce privilegi a persone sulla base di certi aspetti della loro identità. Gli aspetti dell’identità di una persona possono includere razza, classe, genere, orientamento sessuale, lingua, luogo di provenienza, abilità e religione solo per citarne alcuni.

Ma grandi concetti come il privilegio sono molto più delle loro definizioni di base! Per molti,  questa definizione da sola solleva più domande di quante ne risponda. Quindi ecco alcune cose sui privilegi che tutti dovrebbero sapere.

  • IL PRIVILEGIO È L’ALTRO LATO DELL’OPPRESSIONE

Spesso è più facile notale l’oppressione che il privilegio.

È decisamente più facile notare l’oppressione che sperimenti personalmente rispetto ai privilegi che provi poiché è probabile che essere maltrattato ti lascerà un’impressione più grande che essere trattato equamente.

Quindi considera i modi in cui sei oppresso: come sei svantaggiato dal modo in cui la società tratta gli aspetti della tua identità? Sei una donna? Sei disabile? La tua sessualità rientra nella categoria queer? Sei povero? Hai una malattia mentale o una disabilità di apprendimento? Sei una persona di colore? Sei di genere non conforme?

Tutte queste cose potrebbero rendere la vita difficile, perché la società priva dei propri diritti le persone che rientrano in questi gruppi sociali. Noi definiamo questo oppressione.

Ma per quanto riguarda le persone che la società non discrimina? Che dire delle persone che la società rafforza*( to empower someone significa letteralmente mettere in grado qualcuno di fare qualcosa/ dare a qualcuno il potere di fare qualcosa.) a nostre spese? Noi definiamo questo privilegio.

Privilegio è semplicemente il contrario dell’oppressione.

  • DOBBIAMO CAPIRE IL PRIVILEGIO NEL CONTESTO DEI SISTEMI DI POTERE

La società è influenzata da diversi sistemi di potere: patriarcato, supremazia bianca, eterosessismo, cissessismo e classismo – solo per citarne alcuni. Questi sistemi interagiscono insieme in un sistema gigante chiamato Kiriarchia.

I gruppi privilegiati hanno il potere sui gruppi oppressi.

Le persone privilegiate hanno più probabilità di ricoprire posizioni di potere – ad esempio, hanno maggiori probabilità di dominare la politica, essere economicamente benestanti, avere influenza sui media e ricoprire posizioni dirigenziali nelle aziende.

Le persone privilegiate possono sfruttare le loro posizioni a beneficio di persone come loro – in altre parole, altre persone privilegiate. In una società patriarcale, le donne non hanno potere istituzionale (almeno, non basato sul loro genere). In una società di supremazia bianca, le persone di colore non hanno potere istituzionale basato sulla razza. E così via.

È importante tenerlo presente perché il privilegio non va in entrambe le direzioni. Il privilegio femminile non esiste perché le donne non hanno potere istituzionale. Allo stesso modo, il privilegio nero, il privilegio di transito e il privilegio scadente non esistono perché quei gruppi non hanno potere istituzionale.

È anche importante ricordare perché le persone spesso guardano ai privilegi individualmente anziché sistematicamente. Mentre le esperienze individuali sono importanti, dobbiamo cercare di comprendere il privilegio in termini di sistemi e modelli sociali. Stiamo osservando la regola, non l’eccezione della regola.

  • I PRIVILEGI E LE OPPRESSIONI SI INFLUENZANO, MA NON SI ANNULLANO A VICENDA

Io vivo la mia stranezza in relazione alla mia femminilità. Provo questi aspetti della mia identità in relazione alla mia esperienza di persona malata di mente, di persona bianca, di sudafricana, di abile, di cisgender.

Tutti gli aspetti delle nostre identità – siano essi oppressi o privilegiati dalla società –  interagiscono tra loro. Sperimentiamo gli aspetti delle nostre identità collettivamente e simultaneamente, non individualmente.

L’interazione tra diversi aspetti delle nostre identità viene spesso definita intersezione. Il termine intersezionalità è stato coniato da Kimberlé Crenshaw, che lo ha usato per descrivere le esperienze delle donne di colore, che vivono sia il sessismo che il razzismo. Mentre tutte le donne sperimentano il sessismo, il sessismo che vivono le donne nere è unico in quanto è prodotto dal razzismo.

Per illustrare con un altro esempio, la malattia mentale è spesso stigmatizzata. Come donna malata di mente, mi è stato detto che il mio disturbo post-traumatico da stress è “solo sindrome premestruale” e la mia colpa è “essere una donna troppo sensibile”. Questo è un incrocio tra abilismo(?) e misoginia.

Gli aspetti delle nostre identità che sono privilegiate possono anche influenzare gli aspetti che sono oppressi. Sì, privilegio e oppressione si intersecano, ma non si annullano a vicenda. Spesso, le persone credono di non poter godere del privilegio perché vivono anche l’oppressione. Un esempio comune è l’idea che i bianchi poveri non godano del privilegio dei bianchi perché sono poveri. Ma non è così.Essere poveri non nega il fatto che tu, come persona bianca, hai meno probabilità di diventare vittima della brutalità della polizia nella maggior parte dei paesi del mondo, ad esempio. Essere poveri è un’oppressione, sì, ma questo non annulla il fatto che puoi ancora beneficiare del privilegio bianco.

Come scrive Phoenix Calida:

“Il privilegio significa semplicemente nella stessa identica serie di circostanze in cui ti trovi, la vita sarebbe più difficile senza il tuo privilegio.

Essere poveri è difficile. Essere poveri e disabili è più difficile.

Essere una donna è difficile. Essere una donna trans è più difficile.

Essere una donna bianca è difficile, essere una donna di colore è più difficile.

Essere un uomo di colore è difficile, essere un uomo di colore gay è più difficile.

Diamo un’occhiata all’esempio di persone che sono sia povere che bianche. Essere bianchi significa che hai accesso a risorse che potrebbero aiutarti a sopravvivere. È più probabile che tu abbia una rete di supporto di persone relativamente benestanti. Puoi usare queste reti per cercare un lavoro.
Se vai a un colloquio di lavoro, è più probabile che tu sia intervistato da una persona bianca, poiché è più probabile che i bianchi ricoprano posizioni dirigenziali. Le persone in posizioni di potere di solito sono della tua stessa razza, quindi se sono prevenute dal punto di vista razziale, è probabile che vengano giudicate a tuo favore.

Una persona povera di colore, invece, non avrà accesso a tali risorse, è improbabile che appartenga alla stessa razza delle persone al potere ed è più probabile che sia danneggiata da pregiudizi razziali.

Quindi, ancora una volta: essere bianchi e poveri è difficile, ma essere neri e poveri è più difficile.

  • IL PRIVILEGIO DESCRIVE COSA TUTTI DOVREBBERO PROVARE

Quando usiamo la parola “privilegio” nel contesto della giustizia sociale, significa qualcosa di leggermente diverso dal modo in cui viene utilizzato dalla maggior parte delle persone nel loro ambiente quotidiano.

Spesso pensiamo al privilegio come a “vantaggi speciali”. Spesso sentiamo la frase “X è un privilegio, non un diritto”, che trasmette l’idea che X è qualcosa di speciale che non ci si dovrebbe aspettare. A causa del modo in cui utilizziamo il “privilegio” nelle nostre vite quotidiane, le persone spesso si arrabbiano quando altri sottolineano alcuni dei loro privilegi.

Una mia conoscenza maschile inizialmente ha faticato a comprendere il concetto di privilegio. Una volta mi disse: “Gli uomini spesso non subiscono molestie di strada, ma non è un privilegio. È qualcosa che tutti dovrebbero aspettarsi.”

Corretto. Tutti dovrebbero aspettarsi di essere trattati in questo modo. Ognuno ha il diritto di essere trattato in questo modo. Il problema è che alcune persone non sono trattate in quel modo.

Per illustrare: nessuno dovrebbe essere trattato come se fosse inaffidabile in base alla propria razza. Ma spesso, le persone di colore – in particolare le persone di colore – sono diffidenti a causa del pregiudizio nei confronti della loro razza. I bianchi, tuttavia, non sperimentano questo pregiudizio sistemico basato sulla razza. Noi chiamiamo questo “privilegio bianco” perché le persone bianche sono libere dall’oppressione razziale.

Non usiamo il termine “privilegio” perché non pensiamo che tutti meritino questo trattamento. Chiamiamo il privilegio “privilegio” perché riconosciamo che non tutti lo sperimentano.

  • PRIVILEGIO NON SIGNIFICA CHE NON LAVORI SODO

Le persone spesso si mettono sulla difensiva quando qualcuno gli fa notare che hanno dei privilegi. E capisco perfettamente perché – prima che capissi a pieno il privilegio, mi comportavo allo stesso modo.

Molte persone pensano che avere privilegi significa avere avuto una vita facile.

Per ciò si sentono attaccati personalmente quando le persone sottolineano il loro privilegio. Per loro, sembra che qualcuno stia dicendo che non hanno lavorato duramente o non hanno affrontato alcuna difficoltà.

Ma privilegio non significa questo.

Puoi essere privilegiato e avere una vita difficile. Privilegio non significa che la tua vita sia facile, ma piuttosto che sia più facile di altri.

Ho visto questa brillante analogia confrontando il privilegio bianco e il pendolarismo in bici in una città a misura di automobile, e mi ha ispirato ad ampliare l’analogia al privilegio in generale.

Quindi supponiamo che tu e il tuo amico decidiate di andare in bicicletta. Decidi di pedalare per la stessa distanza, ma segui percorsi diversi. Prendi un percorso un po’ accidentato. Più spesso, percorri strade in lieve discesa. Fa molto caldo, ma il vento è alle tue spalle. Alla fine arrivi a destinazione, ma sei bruciato dal sole, le gambe fanno male, sei senza fiato e hai un crampo.

Quando alla fine ti incontri con la tua amica,  dice che il viaggio è stato terribile per lei. Anche il suo percorso era accidentato. La strada che prendeva era in pendenza per tutto il tempo. Era ancora più bruciata dal sole di te perché non aveva la protezione solare. Ad un certo punto, una forte raffica di vento l’ha fatta cadere si è fatta male al piede. A metà corsa è rimasta senza acqua. Quando viene a conoscenza del tuo percorso, osserva che la tua esperienza sembrava più facile della sua.

Ciò significa che non hai pedalato al meglio delle tue capacità? Significa che non hai affrontato ostacoli? Significa che non hai lavorato duramente? No. Significa che non hai affrontato gli ostacoli che lei ha dovuto affrontare.

Il privilegio non significa che la tua vita sia facile o che non hai lavorato duramente. Significa semplicemente che non devi affrontare gli ostacoli che gli altri devono affrontare. Significa che la vita è più difficile per coloro che non hanno il privilegio sistemico che tu hai.

  • QUINDI ADESSO?

Spesso le persone pensano che le femministe e le attiviste per la giustizia sociale sottolineino il privilegio delle persone per farle sentire in colpa. Non è affatto così!

Noi non vogliamo che ti senta in colpa. Vogliamo che vi uniate a noi per sfidare i sistemi che privilegiano alcune persone e opprimono altre.

Il senso di colpa è un sentimento inutile: ci fa vergognare, il che ci impedisce di parlare apertamente e di provocare il cambiamento. Come osserva Jamie Utt, “Se la colpa del privilegio mi impedisce di agire contro l’oppressione, allora è semplicemente un altro strumento di oppressione”.

Non devi sentirti in colpa di avere privilegi, perché avercelo non è colpa tua: non è qualcosa che hai scelto. Ma ciò che puoi scegliere è respingere il tuo privilegio e usarlo in un modo che sfidi i sistemi oppressivi invece di assecondarli.

Quindi cosa puoi fare come persona che sperimenta il privilegio?

Comprendere il privilegio è un inizio, quindi hai già fatto la prima mossa! Sii!
Ci sono molte informazioni là fuori su Internet, quindi ti consiglio innanzitutto di leggere di più sui concetti di oppressione e privilegio al fine di ampliare la tua comprensione. I collegamenti in questo articolo sono un buon punto di partenza.

Ma la semplice comprensione del privilegio non è sufficiente. Dobbiamo agire.

Ascolta le persone che soffrono di oppressione. Scopri come puoi lavorare in solidarietà con i gruppi oppressi. Unisciti alle comunità femministe e attiviste per sostenere coloro su cui hai il privilegio. Concentrati nell’insegnare ad altre persone privilegiate del loro privilegio.
Soprattutto, tieni presente che il tuo privilegio esiste.

 

Sian Ferguson è una scrittrice collaboratrice di EverydayFeminism. È una femminista sudafricana che attualmente studia per una laurea in scienze sociali con specializzazione in lingua inglese e letteratura e studi di genere presso l’Università di Cape Town. È stata descritta come scrittrice ospite su siti Web come Women24 e Foxy Box, mentre scriveva anche per il suo blog personale. Nel suo tempo libero, twitta  @sianfergs, legge notizie di attualità e trascorre del tempo con il suo meraviglioso gruppo di amici.

 

>>>^^^<<<

Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*


Donate Now Button

Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.