Antiautoritarismo, Antifascismo, Antirazzismo, Autodeterminazione, R-Esistenze

Liberate Carola Rackete. Criminale è chi vuole arrestare la solidarietà!

Carola è stata arrestata. Non senza il coro di razzisti che dicono “Spero ti violentino questi negri“. E’ stata arrestata con grande felicità di Salvini e di tutti gli ignoranti che continuano a sparare slogan di merda senza senso logico. Solita retorica: come quelli dei centri sociali, radical chic, figlia di papà, addirittura definita “negriera” quando i veri negrieri sono coloro i quali nella tratta degli schiavi hanno incatenato e venduto esseri umani per il profitto dei bianchi.

Carola ha restituito alla terra persone libere e soprattutto vive e sarà ricordata per questo da tutte le persone che chiedono già di liberarla. La solidarietà non si arresta, ma qui non si tratta soltanto di questo. E’ una donna e ha tenuto testa ad uno dei più grandi maschilisti italiani.

Incarcerata per aver sfidato l’autorità dei razzisti, suprematisti, fascisti. Incarcerata perché il maschio bianco, il patriarca che si erge a tutore delle “nostre donne”, solo quando dicono di essere state stuprate da un nero, non ha trovato sponda per la sua propaganda razzista. Il maschio che si è sentito leso dalla donna disobbediente.

Carola, come Rosa Parks, come tante eroine che fosse per il ministro italico sarebbero ancora in carcere. La solidarietà va a chi quella solidarietà la gestisce per salvare vite umane e non per chi cerca di impedirlo.

Liberate Carola, dicono in tanti che in piazza oggi, anche durante i Pride, sfileranno con cartelli in sua difesa.

Lei e le altre donne della nave della Sea Watch sono le nostre eroine e noi le difenderemo e le ricorderemo sempre. E ora che si facciano da parte i razzisti. C’è una battaglia da combattere. Quella per far prevalere i valori umani.

Grazie Carola per l’enorme lezione di coraggio che ci hai dato. Grazie davvero. Siamo con te.

Illustrazione di Mauro Biani per Il Manifesto

 

Leggi anche:

Carola è una donna coraggiosa a cui sui social augurano lo stupro

Ricordate gli ebrei: la delazione, il reato di soccorso. Erano leggi dello Stato. Qualcuno fece bene a disobbedire!

Solidarietà a Carola di Sea Watch: lei è l’unica Capitana degna di questo nome!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.