Autodeterminazione, La posta di Eretica, News & Sorellanze, Personale/Politico, R-Esistenze

Notizie da Alice, la ragazza bolognese maltrattata dalla famiglia

Ancora aggiornamenti dalla categoria News & Sorellanze che raccoglie notizie di quelle persone che dopo aver scritto le proprie storie e aver seguito consigli dalla community ora stanno seguendo un percorso di fuoriuscita dalla violenza o da disagi e problemi, come l’agorafobia, la depressione, i disturbi alimentari. E un modo ulteriore per dare spazio a chi può riceverne giovamento, grazie agli incoraggiamenti e consigli che coinvolgono gran parte della community di Abbatto i Muri.

Oggi parliamo di Alice, ve la ricorderete, ragazza di Bologna con problemi di violenza intrafamiliare che dopo aver parlato con noi e aver ascoltato le persone che hanno commentato, tante disponibili a darle una mano, si è rivolta ad un centro antiviolenza e così ci aggiorna:

“Ciao Eretica,

sono la 30enne bolognese che subisce maltrattamenti in famiglia.

Innanzitutto, volevo ringraziare tutti per l’interesse nei miei confronti. Ho letto di qualcuno, che voleva ci fosse dedicata una pagina per me e per la ragazza agorafobica. Vi ringrazio davvero per l’interesse e per essere dalla mia parte.

Quando ho scritto la prima mail, con le lacrime agli occhi e un profondo dolore allo stomaco, per tutte le ingiustizie che mi hanno inferto, non immaginavo che a qualcuno potesse davvero interessare la mia situazione o che fossi considerata finalmente “una vittima” di una famiglia malata.

Ogni qual volta, provavo ad aprirmi con qualcuno, mi dicevano che mi comportavo da vittima, perchè non ho voglia di fare niente e quando dicevo che la colpa di tutte queste mie ansie e preoccupazioni, derivano da una famiglia anaffettiva e bigotta, la risposta era sempre la stessa: ” Smetti di fare la vittima e cresci”.

Io non facevo la vittima. Mi sentivo e mi sento tuttora una vittima e grazie a questo gruppo, alla casa delle donne, alla pagina “I have a voice”, ho capito che non mi sbagliavo.

Oggi ho avuto il primo incontro con una psicologa che si è offerta di aiutarmi gratuitamente nel mio percorso.

Le ho parlato con estrema disinvoltura, anche se nel mio racconto, sono scese parecchie lacrime e mi ha detto una frase che mi ha estremamente rafforzato: ” Ho notato che durante tutte questi brutti avvenimenti, nessuno è stato capace di scalfire fino in fondo, ciò che sei realmente. Il fatto di esserti sempre ribellata e di aver sempre capito che quello che ti facevano era ingiusto, ha tenuto vivo dentro di te, questa forza di lottare ed è lì che dobbiamo fare leva”.

Io prima di oggi, non mi sono mai resa conto di poter avere una forza simile. Anzi, mi sono sempre considerata, fin troppo una pappamolle, perchè ho comunque aspettato tanto prima di chiedere aiuto e forse questo non me lo perdonerò mai.

La psicologa, mi ha dato anche un indirizzo di un’altra associazione, che oltre a fare assistenza psicologica, ti aiuta a cercare lavoro, che è proprio l’obiettivo cui devo puntare, oltre a ristabilirmi ed essere più forte.

Vi ringrazio ulteriormente e se qualcuno vuole parlare con me, può benissimo commentare. Io gli scriverò in privato.

Buon pomeriggio a tutti :)”

Ecco le sue puntate precedenti:

>>>^^^<<<

Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*


Donate Now Button

Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!

1 pensiero su “Notizie da Alice, la ragazza bolognese maltrattata dalla famiglia”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.