Antiautoritarismo, Antifascismo, Antirazzismo, Antisessismo, Attivismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

Le gogne sessiste e razziste di Salvini (ministro?) – Solidarietà ad una grande donna!

Questa ragazza ha sfilato in corteo antirazzista con questo slogan che riprende gli insulti che solitamente gli elettori di Salvini rivolgono alle donne antirazziste che non votano di certo Lega. Salvini, come fa spesso, pubblica quell’immagine dandola in pasto ai suoi commentatori e alle sue commentatrici. Scatta la gogna. Decine di migliaia di insulti per la ragazza e ovviamente per tutte le donne antirazziste come lei. Nell’ordine saremmo tutte troie, puttane, brutte, zecche, buone solo per i neri, i bianchi non ci scoperebbero, ecco perché vogliamo il pene nero, e via di questo passo.

Abbiamo già pubblicato esempi di sintassi cyberbullista degli elettori salviniani – li trovate linkati in fondo a questo post – e quello che viene fuori è un quadro sconcertante ma anche parecchio patetico. Ecco quello che si può intuire a partire dai commenti della pagina di Salvini. L’identikit del perfetto salviniano dice che:

  • è razzista e sessista
  • ha il complesso del pene piccolo e perciò teme l’ingresso di uomini neri con il cazzo grosso (è quanto dicono loro)
  • considerano le donne italiane come loro proprietà. nel caso in cui queste donne non mostrano interesse per quei salviniani esempi di virilità, se vogliamo chiamarla così, allora sono zoccole cui si augura come minimo uno stupro di gruppo compiuto da neri
  • sono ignoranti da fare schifo. se sapessero qualcosa su come è nato il culto della bianchezza e il mito razzista dello stupratore nero forse si renderebbero conto di essere ridicoli. forse.
  • le donne salviniane fanno a gara a chi per prima chiama zoccola ogni altra donna che non sia d’accordo con loro. loro sono quelle perbene. noi siamo orgogliosamente quelle per male. tiè.
  • quelle stesse donne mostrano l’orgoglio fascio/patrio/razzista delle signore che nel ventennio marciavano al cospetto di mussolini. amano il leader forte. stanno lì in adorazione di quella sottospecie di Dio dei razzisti. così lo considerano loro per lo meno.

Questo identikit sicuramente non è completo ma aiuta a intravedere quel che l’Italia salviniana è in questo momento storico. Salvini è un politico che riesce a tirare fuori il peggio delle persone. E’ un politico al servizio del capitalismo perché aiuta i poveri a farsi guerra tra di loro mentre i padroni si arricchiscono sfruttando tutti. E’ un politico che pesca nel torbido e avrà appreso i suoi metodi in Alabama o nell’area del Mississippi dei primi anni del novecento. Il fatto che voglia istituire il diritto alla “legittima difesa”, licenza di uccidere un uomo (ipotizzo: straniero?) forse perfino disarmato, dice che non ha timore che si possano verificare linciaggi per puro razzismo. Al cappio l’uomo nero e con la testa rasata le femmine “infedeli”. Sarebbe bene sapere che nell’era della lotta abolizionista (della schiavitù) molte donne, anche quelle bianche, venivano stuprate da elementi del Ku Klux Klan per dare loro una lezione sulla fedeltà alla razza. Lo stupro di branco in termini reali non so quanto sia diverso da questo linciaggio e da questo stupro di branco virtuale.

Pubblicare ogni giorno commenti contro uomini stranieri che commettono o anche no dei crimini la dice lunga su quanto si voglia salvaguardare l’orgoglio suprematista bianco e patriarcale. Quello che il ministro fa è una guerra aperta di classe, razza e genere, data l’insistenza dei commenti sessisti dei suoi seguaci. Il nostro ministro della Paura, con delega alla gestione dell’Odio, ha scelto questa strategia di comunicazione per ottenere consensi e potere. Nulla di più semplice da capire. Dunque, cara ragazza, non ti arrabbiare più di tanto ma considera che sei una di noi, una grande donna, una che in uno slogan ha descritto tutto ciò che io ho raccontato con moltissime parole. Ecco perché ti insultano. Hanno paura di te, della tua fierezza, del fatto che tu non sei di proprietà dell’uomo bianco italico leghista e che non ti presti ai loro giochi di potere in cui il corpo delle donne viene usato solo per fare propaganda razzista. Sei una grandissima donna, sii fiera di esserlo. ❤ ❤ ❤

—>>>QUI quello che hanno scritto I Sentinelli di Milano (sul cui carro stava la ragazza) per raccontare cosa sta succedendo.

Ecco qualche esempio di insulto che lei ha ricevuto.

 

Leggi anche:

>>>^^^<<<

Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*


Donate Now Button

Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!

 

3 pensieri su “Le gogne sessiste e razziste di Salvini (ministro?) – Solidarietà ad una grande donna!”

  1. “Lo stupro di branco in termini reali non so quanto sia diverso da questo linciaggio e da questo stupro di branco virtuale.”

    Per quel che mi riguarda è uguale. Solidarietà alla ragazza, disgusto per quello che è stato fatto diventare l’Istituzione. Quasi non riconosco il mio paese.

  2. Sta gente da il voltastomaco per quanto sia squallida ed il loro capo ancora di più. Si credono superiori, pensano di essere degli eletti col compito di riportare in gloria il paese e non si rendono conto che lo stanno affondando senza speranza ogni giorno di più. La cosa veramente triste e preoccupante è che sono non solo maggioranza ma anche in aumento…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.