Antiautoritarismo, Antifascismo, Antirazzismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze

Care amiche: non fate figli. La rivoluzione inizia da un rifiuto!

Da varie città d’Italia arriva segnalazione della presenza di manifesti con slogan omofobi e razzisti siglati da, indovinate un po’, nientemeno che quella organizzazione di buontemponi nostalgici fascisti di Forza N-Uova. In questi manifesti sono riuniti tre concetti chiave della loro propaganda da Dio/Patria/Famiglia: il controllo del corpo delle donne a scopo riproduttivo affinché diano figli alla patria, con relativo premio alla miglior partoriente secondo il Duce (immagino), affinché collaborino al progetto di pulizia etnica (figli italici, giammai figli di immigrati), affinché affermino che l’unico modello di famiglia esistente è quello etero basato su stereotipati ruoli imposti dalla croce biologica.

Inutile dire a loro che le donne non sono il tramite per la loro politica patriarcale e maschilista e che il progetto fascista ci sta sulle ovaie. Non capiscono. Quello che però va detto, a noi, è che la loro logica è condivisa anche nel centro sinistra, purtroppo, dove tutti parlano di natalizzazione-zero e mai di donne che vogliono solo essere persone e di fattori economici che rendono difficile fare figli a prescindere dal fatto che sei italiana, migrante, gay, lesbica, eccetera.

Continuare a strepitare sulla faccenda della natalità (evviva il fertility day?) quando il mondo sta esplodendo per l’enorme somma di immondizia, consumi di alimenti che presto o tardi finiranno, sottrazione di risorse energetiche e via di questo passo, è veramente sciocco e funzionale al capitalismo. Ma non solo. La politica pro/capitalista dei fascisti non rinuncia comunque al progetto di dominazione etero/ariano/maschilista. Allora in tutto questo gran casino che è la politica dei giorni nostri sarebbe davvero rivoluzionario smettere di fare figli e cominciare a promuovere la condivisione di risorse con chi ha meno.

Fa rabbia, lo capisco, orientarsi anche contro i propri stessi desideri, perché la maternità è desiderio e responsabilità e non un obbligo come dicono gli antiabortisti fascisti. Fa rabbia ma fa ancora più rabbia questa eterna propaganda fascista che parla di corpi delle donne solamente come mezzi per realizzare la dominazione bianca/etero/patriarcale. Ci usano per promuovere razzismo (i neri stuprano e i bianchi invece no, ma certo… figuriamoci), per promuovere omofobia, vietati i figli nelle famiglie omogenitoriali e idiote le pseudo femministe che vanno dietro a ‘sti concetti retrogradi e orrendi. Vietati i figli di gente di altra nazionalità, si partorisce solo entro i confini di una nazione dopo aver trombato con uno di cittadinanza italiana. La nazionalizzazione del sesso e il divieto di coppie miste è in confronto roba moderna.

Allora perché non scioperare attraverso i nostri corpi? Ma quali figli? Vogliamo godere, lavorare, essere indipendenti e vogliamo respirare ed essere libere di fare quello che ci pare. Perché fare figli? Perché questo accanimento antiabortista e le continue pressioni contro l’aborto? Perché l’eterna criminalizzazione delle donne che abortiscono o semplicemente usano contraccettivi? Perché continuare a pensare al sesso solo a scopo riproduttivo? E’ il 2019 e ancora stiamo a ripetere le stesse cose dette mille volte da decenni. Le donne non possono permettersi il lusso di fare figli neppure se li vogliono e alle coppie omosessuali – tra cui quelle che i figli li vogliono – ponete un divieto. Manca poi una bella legge fascista per limitare le nascite di figli di migranti, per dare un senso al progetto ariano, ché tanto in mare di figli migranti ne muoiono a centinaia e migliaia perché c’è chi ai figli altrui chiude i porti.

Però vogliono i nostri uteri asserviti al fascismo, alla patria, al patriarcato, alla bianchezza e al capitalismo. Fare un figlio in questo tempo e luogo è poi una scelta difficile e non basta l’elemosina per convincerci a sgravare figli italici. Ma guardate che mondo: pieno d’odio, intolleranza, razzismo,  omofobia, sessismo. E se faccio un figlio che un bel giorno dirà di essere gay? Che diritti potrò garantire gli siano riconosciuti? E si tratta anche di inquinamento totalitario. Non si tratta solo di immondizia comune ma di gente che potrebbe odiare i miei figli a meno di non farli maschi, etero, bianchi, privilegiati. Dunque perché?  E perché io devo considerarmi donna e Madonna al servizio del Dio uno e trino, quando sul mio corpo pesa ancora stigma, limitazione, pregiudizio sessista?

Sono importante perché sono una persona e non perché posso dare figli su richiesta di una qualunque Forza N.Uova. Care amiche, sorelle, non fate figli, seriamente, perché ci sono troppe persone che restano fuori dai nostri confini e hanno bisogno del nostro aiuto. Perché siamo molto più che uteri e madri. Perché Il reddito lo voglio per me e non perché faccio un figlio. Quel reddito mi serve in quanto persona e non in quanto partoriente. Mi sono stra-rotta di leggere e vedere campagne che esaltano la maternità e disprezzano chi non vuole figli. Eppure ciascuna deve poter fare quel che vuole incluso il fatto di non fare figli e rivendicarlo politicamente. Così la smettono con cazzate tipo “prima gli itagliani” (piuttosto l’estinzione!). Così smettono di usarci per i loro progetti colonialisti, di chi non ha mai smesso di colonizzare mondi, etnie,  territori e anche i nostri corpi.  Così forse cominceranno a considerarci persone.  Forse.

>>>^^^<<<

Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*

Donate Now Button
Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.