Annunci

Stupro e femminicidio, per Desirée: Appello alle sorelle femministe di tutto il mondo

Dopo la feroce vicenda di Desirée, senza dimenticare le strumentalizzazioni conseguenti, il gruppo di lavoro di Abbatto i Muri ha deciso di scrivere un appello, in più lingue, da rivolgere alle compagne, alle sorelle, alle femministe di tutto il mondo, affinché tutte noi – inclusi voi che leggete – potessimo diffondere notizie non filtrate dai media mainstream sulla situazione orribile in cui le donne si trovano in Italia. Già alcune si sono mosse con la lettura radiofonica dell’appello in altre lingue e con la sua condivisione attraverso mailing list, forum, gruppi sui social, perché si sappia quello che stiamo vivendo e che ci troviamo ad affrontare. L’invito alla diffusione ovviamente è rivolto a tutt* voi. Così vi postiamo qui di seguito l’appello in lingua italiana e poi le traduzioni in più lingue da diffondere alle reti sociali, femministe, di tutto il mondo. Grazie a chi ci aiuterà a compiere questa azione di contro-informazione.

Ps: Alle traduzioni allegate se ne aggiungeranno altre. Se c’è chi conosce altre lingue scriva pure a abbattoimuri@gmail.com

>>>^^^<<<

 

ALLE SORELLE FEMMINISTE DI TUTTO IL MONDO

 

Care amiche,

siamo la comunità di Abbatto i Muri, un collettivo che si occupa di sensibilizzare e informare sulla violenza di genere, cultura dello stupro e femminicidio in Italia. Vi scriviamo perché in questi giorni ci troviamo a vivere una specie di incubo dal quale vorremmo uscire.

Nella notte tra il 25 e il 26 di ottobre è stato ritrovato il corpo senza vita di una ragazzina di 16 anni, Desirée, nel quartiere di San Lorenzo a Roma. Dopo l’autopsia si apprese che la giovane aveva assunto una overdose di eroina ed era stata stuprata da un gruppo di uomini. Come se non bastasse il dolore causato dalla vicenda, si aggiunge la rabbia nel vedere come il nostro Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, esponente del partito razzista, machista, omofobo e xenofobo Lega Nord, si sia precipitato sulla scena del crimine per usare questo tipo di delitti per portare avanti la sua campagna contro gli immigrati.

Vogliamo sottolineare che dall’inizio del 2018, si sono registrati 71 casi di femminicidio in Italia, e come potete immaginare, la quasi totalità è stata perpetrata da mariti, ex-mariti, fidanzati, ex-fidanzati, compagni, ex-compagni, padri o altri familiari della vittima. Tuttavia, quando una ragazza viene stuprata e uccisa da italiani, il Ministro Salvini non ha mai nulla da dire.

Stiamo tentando di difendere l’ultima vittima di stupro e femminicidio, Desirée Mariottini, da chiunque tenti di usare il suo cadavere per portare avanti le proprie politiche razziste. Il ministro e altri esponenti di partiti di estrema destra stanno inoltre usando questa terribile vicenda per disporre una militarizzazione del territorio. Questi sono parte dei provvedimenti fascisti che non hanno nulla a che fare con il benessere delle donne, basti pensare ai loro continui attacchi e progetti di cancellazione della Legge 194, la quale ci consente di avere assistenza per l’aborto. Il governo composto da questi partiti non dà importanza a nessuna delle richieste delle donne e tutto quello che stanno tentando di fare è screditare le lotte femministe per riportarci indietro di almeno 50 anni.

Stiamo urlando forte il nostro dolore per quello che è avvenuto a Desirée e a molte altre prima di lei e stiamo dicendo che non abbiamo bisogno di militari ma di politiche di prevenzione contro la violenza di genere e la cultura dello stupro. Chi dice che la violenza dipenderebbe solo dagli immigrati sta solo cercando di spostare l’attenzione, perché si tratta di persone che di fatto negano l’esistenza della violenza di genere e ci chiamano nazifemministe.

Abbiamo bisogno che la nostra voce arrivi il più lontano possibile affinché non sia cancellata da chi non ha a cuore la salute e la felicità delle donne. Abbiamo la necessità di spiegare che la cultura dello stupro ci accompagna ogni giorno, in qualunque momento, ogni volta che una ragazza viene stuprata da un “italiano” e qui si dice che se l’è cercata. Non ne possiamo più di vedere cancellati i nostri diritti e di essere totalmente ignorate quando diciamo che non è la minigonna o l’immigrato o una birra a stuprarci. Sono gli uomini, essi stuprano e da essi dobbiamo difenderci.

Siamo certe che le testate giornalistiche italiane più famose non diranno tutto questo e allora ci rivolgiamo direttamente a voi, sorelle femministe, affinché la nostra verità arrivi più lontano.

Un grande abbraccio dalla community femminista

di Abbatto i Muri

abbattoimuri.wordpress.com

>>>^^^<<<





La lettera è stata pubblicata anche su:

http://lenumerozero.lautre.net/Sordides-nouvelles-de-l-Italie-de-Matteo-Salvini-suite-au-meurtre-de-Desiree

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: