Annunci

I figli devono stare sempre con le madri? Io, della mia “mamma” avrei fatto a meno

Lei scrive:

Cara Eretica,

sono impantanata in una discussione che c’entra con il rifiuto di certe donne a cedere parte del ruolo di cura nei confronti dei figli. Capisco alcune priorità ma non riesco proprio a capire come quelle donne, dopo anni di lotte femministe, possano affermare che i figli debbano restare sempre e solo con le madri, come se solo e sempre dalle madri dipendesse il benessere dei figli. Non lo dico ricorrendo a generalizzazioni ma partendo dalla mia esperienza che spero possa essere ascoltata almeno su questo spazio dato che altrove mi hanno già bannata dicendomi, tra l’altro, che sicuramente sono “amica” di Eretica e perciò devo essere buttata fuori da qualunque ambito di discussione. Premetto che essere tua amica mi farebbe davvero onore e che me ne frego di quello che dicono le mie bannatrici, calunniandoti.

La mia esperienza è questa: mia madre mi ha sempre trattata male, mi ha fatto violenza e mi ha privata del sostegno che un genitore vero può dare. Sono stata accudita più che altro dalla madre di mio padre il quale, purtroppo, è venuto a mancare quando io avevo solo dieci anni. So che una donna sola deve subire il peso di tante responsabilità e capisco le sue mancanze nel suo periodo più critico. Poi, però, si è risposata e io avevo 14 anni e mezzo. Il suo atteggiamento non è cambiato per niente. Ancora una volta ho potuto contare sull’aiuto esterno di insegnanti, amici, genitori dei miei amici e perfino il nuovo marito di mia madre. Perciò contavo su tutti meno che su di lei.

Sono sempre stata abbastanza robusta di corporatura, come mio padre e, lei non ha mai mancato di farmi notare che lo ero, esibendo il suo corpo magro e facendomi intendere che mai e poi mai qualcuno avrebbe potuto amarmi. “Fai la dieta”, “muoviti di più” e cose di questo tipo mi venivano dette più volte al giorno, tutti i giorni, al punto che, dato che in realtà mangiavo poco e mi muovevo tanto (andavo a piedi ovunque, da casa a scuola, lontana un paio di chilometri, e poi dalle amiche, a fare commissioni), mi sono ammalata di depressione. A quel punto sapete lei cosa ha detto? Che sicuramente avevo ereditato sintomi di pazzia dalla famiglia di mio padre, cosa non assolutamente vera.

Oggi ho 39 anni, un compagno che mi ama e che amo, un figlio di cinque anni che mia madre fa di tutto per mettermi contro, facendo ogni cosa che le regole di noi genitori non permettono e sfidandomi apertamente dicendo che se il bambino crescesse con lei starebbe meglio. Non ha mai smesso di infondermi insicurezza e ha demolito la mia autostima in una costante azione di violenza psicologica che, dato che lei si ritiene la “Madre” per antonomasia, non ho mai potuto superare del tutto. Ho perciò deciso che mia madre non sarà mai più nella mia vita. L’ho detto a lei la quale mi ha di nuovo insultata dandomi della pazza e dicendomi che non mi avrebbe dato aiuto neanche se stessi per crepare. Come se prima d’ora lei mi abbia sostenuta. Da non crederci quanto lei abbia una faccia tosta inverosimile e quanto sia capace di mentire a se stessa autoassolvendosi senza nessuno scrupolo di coscienza.

Quando ho scelto, assieme al mio compagno, di fare un figlio ero già grande e perciò in grado di capire che se volevo fargli da genitrice avrei dovuto liberarmi dei residui della cattiva influenza di mia madre. Ho cercato di vivere per conto mio ma appena mio figlio è nato lei è diventata una stalker che si presentava a casa senza preavviso. Prendendo in giro il mio compagno si faceva consegnare il bambino e lo riportava tardi senza neppure dirmi dove lo aveva portato. Il mio più grande timore era quello di vedere la sicurezza del bambino demolita tanto quanto demolita era stata la mia.

Con il mio compagno abbiamo sempre fatto tutto insieme e quando mia madre gli disse che io ero una stronza incapace, che lasciava fare a lui cose che avrei dovuto fare io, lui per fortuna fu pronto a dirle di farsi i cazzi suoi. Da quel momento anche lui, che lei cercava di arruffianarsi, facendomi passare sempre per una demente, fu fuori dalla sua influenza. Il mio bambino cresce bene, è seguito ed è felice di stare con i suoi genitori. Io non ho problemi a lasciare che il mio compagno di occupi di nostro figlio e quando leggo che i figli dovrebbero stare solo con le madri io, inevitabilmente, penso alla mia e mi sento decisamente al di fuori dalla narrazione consentita per regole che non conosco.

Si dice che il nuovo femminismo opti per questo pensiero che a me sembra molto vecchio in realtà. Da te invece ho imparato che le storie come la mia non devono essere censurate e possono avere spazio. Sul tuo blog ho letto altre storie, raccontate dai figli, di madri pessime o di padri orrendi, ma tutto senza pregiudizi e stereotipi. Perciò a quelle storie aggiungo la mia e sfido chi è femminista a dirmi se alcuni figli dovrebbero stare con madri simili alla mia. Tutto ciò per sfatare un luogo comune che pensavo non servisse più sfatare. Le madri non sono tutte buone e brave e pensare nel 2018 che non sia così mi pare davvero molto poco femminista.

Un abbraccio a te e al gruppo di Abbatto i Muri, sperando un giorno di avere abbastanza tempo (per ora non posso proprio) per contribuire al vostro lavoro.

L.

>>>^^^<<<

Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*

Donate Now Button
Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: