Annunci

Reato di solidarietà: leghisti e m5s disumani

Foto da MeltingPot

 

Niente. Nessuno dice nulla per opporsi. Troppo impegnati a fare altro? E la presunta opposizione dove sta? E il famoso contratto di governo? Bello sapere che l’accordo Lega M5S si sia fondamentalmente basato sulla costruzione di una cultura che premia l’egoismo e massacra la solidarietà. Chissà quanto staranno bene le persone migranti che in questi giorni restano appese ad un filo prima di vedersi rifilata una sentenza di esclusione dagli umani per il proprio colore della pelle o per la propria religione. Sarebbe opportuno sottolineare ancora quello che sta succedendo e quel che non può assolutamente essere tollerato.

Stanno stilando una carta della negazione dei diritti di assistenza e aiuto alle persone più deboli e tutto ciò nell’indifferenza più totale mentre la Lega guadagna consensi contando sull’effetto dell’arma della paura e del revisionismo più bieco applicato a chiunque. C’è una enorme fascia fascista e razzista in Italia. Gente che non ricorda, che è ignorante e non capisce quanto grave sia quello che sta succedendo. Sarebbe opportuno ribadire allora alcuni concetti chiari sui quali non si può scherzare. Non possiamo tacere e non possiamo temere che ci condannino per il reato di solidarietà perché anche se fosse sarebbe comunque giusto combattere e resistere accanto a persone che vengono considerate meno che esseri umani.

  • basta tollerare la mancata assistenza alle persone che non vengono soccorse in mare
  • basta pensare che il soccorso sia considerato favoreggiamento
  • basta chiamare le persone migranti “clandestini”. La clandestinità resa reato da chi vuole decidere chi merita il titolo di essere umano e chi no determina conseguenze gravi, morte inclusa, ai danni di moltissime persone
  • basta considerare le persone migranti dei criminali perché migranti
  • basta ripiegare sulla retorica fascista che chiama buonismo la solidarietà e agevola la perfidia che discrimina le persone sulla base dell’etnia
  • basta costruire lager per migranti e costruirli con le nostre tasse. basta carceri e reclusioni
  • basta pensare che alla legalità fascista, quella ottenuta con leggi approvate da fascisti, non sia possibile opporre la disobbedienza civile. quando le leggi sono criminali la resistenza è un dovere
  • basta giocare sul ricatto della cittadinanza da concedere e togliere a seconda del parere dell’elettorato formato da picchiatori razzisti e fascisti
  • basta usare la stronzata del nero che stupra la donna bianca perché siete ridicoli quanto ridicola era la politica colonialista di chi criminalizzava l’uomo nero e poi andava a stuprare minorenni nelle colonie italiche
  • basta alla strumentalizzazione delle vittime di violenza di genere perché quella violenza non ha passaporto. il 90% delle violenze viene commessa da italiani, mariti, padri, parenti e amici, inclusi uomini in divisa che grazie al porto d’armi possono sparare a moglie e figli senza problemi
  • basta alla retorica della natalità a rischio perché quello che ogni governo razzista vuole fare è convincerci a generare figli bianchi da battezzare per votarli al cattolicesimo giusto per garantire la prevalenza di una razza sull’altra. di una religione sull’altra
  • basta pensare che le persone migranti siano parassiti che non lavorano per vivere. i criminali sono quelli che istigano all’odio contro persone che i fascisti non considerano tali
  • basta far passare criteri di selezione su quale italiano proteggere in quanto italiano nonostante commetta stupri, femminicidi, crimini di ogni tipo
  • basta pensare che le donne sia stupide e credano alla favola dell’uomo migrante cattivo. noi sappiamo che il vero nemico spesso sta a casa nostra, sotto il nostro stesso tetto e probabilmente odia i migranti esattamente come odia le donne
  • basta negare ospitalità a chi fugge da guerre e povertà che gli europei imperialisti hanno causato
  • basta con l’ipocrisia di una italia che realizza profitto con la vendita di armi alle guerriglie che usano bambini come soldati e che stuprano bambine per il sollazzo dei capibanda
  • basta con la regola del libero commercio e libero scambio economico che facilita i ricchi e indebolisce i poveri. basta spezzare la dignità di chi ha bisogno favorendo omertosamente trafficanti che giocano sulla mancanza di libertà per la circolazione degli esseri umani per arricchirsi

Noi vi conosciamo e sappiamo che siete i primi a difendere stupratori quando la loro nazionalità è italiana. Sappiamo che volete persone straniere con i soldi e scartate la povera gente che non riempie le vostre tasche. Sappiamo che le galere e la “sicurezza” per voi sono un business come per qualunque affare nutrito dall’emergenzialità. Se dite che il migrante è un pericolo si arricchiscono quelli che costruiscono mura e reti che imprigionano loro e anche noi. Come per i terremoti e qualunque applicazione pratica della shock economy.

Noi vi leggiamo e sappiamo quanto sia fragile ogni vostro argomento e tuttavia conosciamo la forza dei vostri picchiatori che fanno strage di coloro i quali vengono discriminati per ceto, razza e genere. Sappiamo quanto siete sessisti e omofobi e sappiamo che quello che intendete fare riguarda tutti e dunque anche noi. Noi vi vediamo e dovessimo crepare nel tentativo difenderemo il nostro diritto a dare solidarietà a chi ne ha bisogno. Non potete fermarci, tanto più che siamo donne e dunque tra le persone più discriminate al mondo.

Ed eccolo il maschio italico che non conosce la storia e non sa che l’unificazione è solo il prodotto osceno di una colonizzazione che ha impoverito il sud per arricchire il nord italia. Ci avete chiamati terroni, ci chiamate troie “che vogliono il cazzo nero” ogni volta che osiamo dire la nostra sulla disumanità che vi caratterizza. Avete strumentalizzato altre donne che parlano di emergenze le quali mettono in secondo piano la vera e grande emergenza di questo tempo. Perché la discriminazione è il segno di una grande involuzione politica, economica e sociale e non ci convincerete a definirla in altro modo perché sappiamo ciò che state facendo e non intendiamo nasconderci e temere di dire quello che pensiamo perché ci ricattate e minacciate ogni giorno.

E’ minacciosa la vostra esistenza. Pericolosi siete voi e i vostri fanatismi. Pericolosi sono quelli che dicono di proteggerci ma vogliono il controllo dei nostri corpi dei quali poi si vorranno servire per generare figli bianchi, possibilmente etero e fanatici come loro. Da tutta l’estate non si fa altro che brindare al naufragio di mille barconi pieni di migranti. Continuate a oltraggiare il comune buon senso dicendo che non è colpa vostra e se non lo è allora chi si assumerà la responsabilità di questa guerra senza fine? Continuate a sottoscrivere cazzate in cui il “prima gli itagliani” gioca sulle paure e sulla povertà delle persone, invece che usare il tempo per costruire edifici da abitare e politiche migliori sul reddito e asili nido che liberino i genitori affinché possano, entrambi, lavorare. Tutto questo non può essere sopportato.

Leggete il testo del decreto governativo. Leggete quanto odio è espresso in ogni riga. Opponetevi, perché il problema esiste e chi mina alcune libertà in realtà le mina tutte. Non pensate di essere fuori dal mirino perché avete la cittadinanza in mano. Perché in realtà così vi nascondono il fatto che quella cittadinanza non conta un cazzo: perché la sanità costa, l’istruzione costa, la vita costa, e voi non potete permettervi nulla di più che una passeggiata al centro commerciale di domenica. Siete il popolo degli imbecilli che ritiene i fascisti coloro i quali vi proteggeranno. Protetti da cosa? Non avete niente ma continuano a derubarvi della vostra coscienza di classe che dovrebbe spingervi alla ribellione per esigere diritto al lavoro, alla casa, all’istruzione, alla sanità gratuite. Non avete niente ma continuate a difendere i ricchi che vogliono il potere di ammazzarvi se oltrepassate il cancello delle loro ville.

Non avete niente e non vi rendete conto che le leggi razziali tutelano i ricchi italioti e non voi, noi, tutte le persone che di certo non perdono il lavoro perché esistono i migranti che vendono fazzolettini al semaforo. Vi stanno derubando di tutto e ogni volta che viene fuori il discorso economico, quello che ci riguarda per davvero, vi fate prendere per il culo e digerite pretesti che li aiutano a non darvi mai risposte. Siete poveri, come quelli che si danno fuoco o che vengono licenziati da ricchi criminali che non danno valore alla forza lavoro ma prediligono solo il profitto. Ignorate che le destre continuano a favorire gli affari di ricchi imprenditori senza scrupoli. Ignorate il fatto che non è vero che costoro difendono i diritti della gente. Pericolosi sono gli speculatori e non i migranti.

La questione da mettere al centro delle nostre lotte è economica. Siamo precarie e precari, di qualunque nazionalità e genere. Vogliamo casa, lavoro, diritti. Vogliamo che tutti siano considerati persone e non strumenti per distogliere l’attenzione dalle cose importanti. Vogliamo chiarire che chi dice queste cose viene considerato criminale e terrorista come i poveri che arrivano da altri paesi. Perché loro temono la verità e hanno paura di perdere privilegi. Ecco perché vi pigliano per il culo. In questo paese terrorista è chi resiste e non chi pratica la politica del terrore come il governo. Altro che “sicurezza”.

In quanto alle donne dovremmo dire forte che pisciamo sulla loro promessa di sicurezza e protezione perché il protettore non ci garba e perché sicurezza è sinonimo di sorveglianza, violazione della privacy e controllo. E a noi non piace essere sorvegliate da chi vuole decidere di vietare aborto, libera scelta sulla sessualità e sulle relazioni e vuole avere l’esclusiva sugli stupri di italiani contro italiane e straniere. Perché questo è. Non siete d’accordo?

Leggi anche:

Annunci

Comments

  1. Non dimentichiamo poi il fenomeno dell’ “immigrato di Schrödinger” : vengono qui a non fare niente e a farsi mantenere e, nello stesso tempo, ci rubano il lavoro.

  2. L’ha ribloggato su Luca's Blog.

  3. Basta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: