Annunci

Quei pistoleri razzisti legittimati da una cultura razzista

Salvini vorrebbe dare il patentino per possedere un’arma agli itagliani che secondo lui avrebbero il diritto alla legittima difesa, ovvero alla giustizia fai da te. Una sorta di pena di morte in un paese che non prevede tale soluzione a nessun reato perseguibile. Ricordo che le armi sono state già usate da alcuni negozianti, ovviamente supportati coralmente dalla Lega, per ammazzare chi, immigrato, aveva semplicemente preso un pacco di biscotti. Ciò vuol dire che non si tratta di aggressioni e reazioni ma del privilegio di detenere il porto d’armi per poi usarlo contro chi osa mettere in discussione la proprietà. Di un pacco di biscotti o di una confezione di caramelle se vogliamo.

La questione del possesso di armi da fuoco, senza neppure tirare fuori la storia del legame con la lobby delle armi, un po’ alla Trump con conseguenti stragi in varie scuole e altri luoghi pubblici compiute ultimamente da suprematisti bianchi di ideologia nazista, va messa in discussione a partire dalla gara al tiro alla bambina Rom o al nero o immigrato in genere, non bianco sicuramente, che si propaga in Italia. Negli ultimi giorni sono venuti alla luce diversi episodi orribili che svelano la disumanità di quelli che poi pensano di avere il diritto di possedere un’arma.

Si giustificano dicendo che volevano ammazzare un piccione o provare l’arma, si potrebbe credergli pensando che chi prende il porto d’armi dalle nostre parti forse non deve neppure fare le prove per saper prendere la mira, ma è indubbiamente illegittimo e osceno che si pensi sia normale mettersi alla finestra o al balcone per tirare su vite in movimento, bambini, uomini, donne, la cui unica colpa è quella di stare antipatici ai razzisti.

Avevo già parlato del fatto che la responsabilità di aver creato un clima di legittimazione per simili atti razzisti è di quanti, politici o popolo del web, non fanno altro che sparare stronzate perfide sul fatto che sarebbe meglio fermare i migranti, lasciarli morire in mare, mancare al dovere solidale di accoglienza e quindi consolidare una abitudine alla totale assenza di empatia, proprio come avvenne nel periodo nazista.

Di contro viene delegittimato l’antifascismo, la rete antirazzista e viene criminalizzato chiunque osi aiutare i migranti in nome della solidarietà. Antifascisti e antirazzisti trattati come terroristi quando in realtà il vero terrore arriva proprio da chi legittima la caccia al nero e il tiro alla bimba Rom.

In tempi come questo, in cui l’umanità pare dissolta, è un dovere disobbedire ed essere partigiani. La storia ricorderà questo secolo come il continuo reiterarsi di atti fascisti mascherati da revisionismi vari e da criminalizzazione di quanti avvisano circa il fatto che viviamo in un tempo buio e per quanto possa essere difficile serve che tutti proviamo ad accendere una luce.

Solidarietà alle persone migranti, a chi viene ferito, mutilato, ucciso, a chi muore in mare tentando una via di salvezza, ben sapendo che la sola solidarietà data in un post non basta. Solidarietà a chi resiste e combatte ai confini dell’Italia o di altre nazioni cosiddette democratiche. Non saranno le intimidazioni, le querele a fermare la verità. Perché noi tutti lo sappiamo: questa è la verità.

Buona resistenza a tutt*!

>>>^^^<<<

Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*

Donate Now Button
Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!
Annunci

Trackbacks

  1. […] Sorgente: Quei pistoleri razzisti legittimati da una cultura razzista – Al di là del Buco […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: