Annunci

Il futuro non è “femmina” ma è Intersezionale: sono una donna ed ho un pene!

Questo video riporta una testimonianza molto bella su quel che significa vivere da transgender. Le lesbiche terf londinesi dovrebbero ascoltare a fondo quel che questa donna dice. Antonella ci regala la traduzione dei sottotitoli.

“Sono una donna e ho un pene. Il termine corretto sarebbe donna transgender, sebbene ormai ci si rivolga a me come “tranny”.
Ed ogni volta che questo accade mi ritrovo a chiedermi “cosa mi ha tradita?”. La mia altezza? Voglio dire, tendo a dimenticare che non siete abituati a donne così alte, un metro e ottanta accanto a voi, voglio dire, a parte le modelle sulla passerella, ma quelle non esistono nella vita reale, giusto?
O forse ora che parlo: la mia voce. Sarà raffreddata? L’ho persa? O saranno gli sguardi che fanno su e giù sulla mia gola, come se il mio pomo d’Adamo fosse un frutto proibito. Dico a me stessa che forse sono le mie mani, i peli sul mio corpo, le mie sopracciglia. O la mia mascella? Il mio naso aquilino? forse è solo l’assoluta assenza di tette.
O forse è il modo impeccabile con cui mi trucco, perché diciamolo: nessuna delle vostre ex è mai stata bella quanto me.
Perché mi sarà concesso di essere considerata bella solo nel momento in cui avrò saputo convincervi, quando sarò riuscita ad essere abbastanza piccola, discreta ed accettabile affinché voi poteste percepirmi – aperte e chiuse virgolette – come una “vera donna”.
Ma io mi rifiuto di farmi piccola. Mi prenderò spazio, invece, nel mezzo di quegli sguardi fissi e insistenti, tra quei sorrisi di circostanza e la madre che quando mi vede si tira vicino il suo bambino, intossicata dalle idee su di me spacciate da giornaliste come Germaine Greer. Io riempirò il silenzio tra ciò che viene pensato e quello che viene detto.
La stampa di destra diffonde l’idea in questa società che io sarei uno stupratore vestito da donna. Una bugiarda, una che fa finta di essere chi non è, un imbroglio, un parassita che si nutre della sua stessa carne.
Voglio dire della distanza che ci separa dal primo mattone scagliato, da quella prima ribellione. Voglio dire di tutte le donne venute prima di me, che hanno dato testimonianza con le loro vite di tutto questo. Sylvia Rivera, Marsha P. Johnson.
e con le mani sporche di sangue ora venite da me e vorreste indicarmi quale colpevole, in quanto “tranny”.
Il futuro non è femmina. Il futuro è intersezionale.
Il futuro è Black, il futuro è trans, il futuro è non-binary, il futuro è donne lesbiche, donne disabili, donne musulmane, il futuro sono le sex worker. Noi, noi siamo il futuro.
Sostenete donne che non conoscete, donne da cui non siete attratti sessualmente. Supportate le donne che non hanno direttamente a che fare con voi. Donne che non soddisfano le vostre aspettative di come una donna è o dovrebbe essere secondo voi.
Io sono una donna.
Ed ho un pene.”

Leggi anche:

Lesbiche #Terf a Londra bloccano il Pride contro le persone Trans
Arcilesbica come Salvini: donne libere soltanto di fare quel che loro ordinano!
Lettera aperta alla non favolosa presidente di Arcilesbica
#Congresso #Arcilesbica: vincono le Terf, anti Sex Work, anti Gpa, anti Tutto
I circoli arcilesbica dissentono dal comunicato sulla Gpa
Le femministe irlandesi dicono no alle Terf: “non siete le benvenute” a Dublino!
#Transfobia – Donne Cis, Arcilesbica e la paura delle “Donne con pene”
C’è vita oltre ArciLesbica
#Lesbiche #Terf #Transfobia – le persone trans sono soggetti autodeterminati
Dici Terf (femministe radicali trans escludenti) e trovi le femministe della differenza
La differenza sessuale sta davvero nell’utero?
Quel femminismo che teme la scomparsa della “donna”
Perché il movimento femminista deve essere trans inclusivo
Luisa Muraro: i generi oltre uomo/donna non sono “travestitismo generalizzato senza ricerca soggettiva di sé”
#Terf Germaine Greer: se le trans non sono donne allora cosa sono?
TERF: il femminismo radicale trans-escludente
Cos’è la donna? La disputa tra femminismo radicale e transgenderismo!
Libertà (evitare le crociate di liberazione delle altre donne, please!)
#Londra: la transfobia e la puttanofobia delle femministe radicali
Le trans davvero godono dei privilegi maschili? (maddai!)

>>>^^^<<<

Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*

Donate Now Button
Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: