Annunci

Ci sono prima io: pensieri sul piacere e la sessualità delle donne

Lei scrive:

Stamattina mi sveglio beata e trovo il mio compagno incazzato come una faina. Siamo insieme da quattro anni, lo conosco bene e intuisco.

Ieri sera, fumata e felice, sono venuta, ho sbiascicato due parole per dire che si, sono egoista, ma stavo troppo bene con me stessa per occuparmi di lui e lentamente sono scivolata nel sonno.

Quello che mi è parso chiaro, defaillance di intelligenza del mio compagno a parte, che è un uomo intelligente che sa farsi delle domande, è che è una questione che non riguarda solo noi, il nostro letto. È una questione di rapporto fra i generi di fronte alla quale mi trovo da sempre. E di stereotipi e di pregiudizi, false credenze e pensiero magico che mette nell’angolo anche il nostro piacere.

Per me l’orgasmo è uno stato del corpo e della mente che può durare parecchio e non riesco a far entrare questo concetto nella testa dei maschi.

Mi sono trovata troppe volte, e con uomini diversi, a dovere interrompere il mio stato di beatitudine post orgasmico per la fretta del maschio di venire anche lui, di avere ricambiato il piacere. E quello che faccio più fatica ad accettare è la rassegnazione con cui ho accettato che dovesse essere così. È dall’adolescenza che mi ripetono che devono trovare soddisfazione e per un certo periodo ci ho anche creduto (ah benedetta educazione sessuale nelle scuole, quanto piacere elargiresti, quanti luoghi comuni in danno a noi femmine della specie abbatteresti), ma anche quando ho saputo che questa urgenza di svuotarsi era più nella testa che nelle palle, mi sono sentita in dovere come una gheisha di occuparmi di quel piacere che viene descritto e sbandierato come superiore, prioritario, fino alle estreme conseguenze della violenza giustificata.

Comunque, non voglio allontanarmi troppo dal mio letto, solo dire ancora una volta che ben poco di quello che accade e lasciamo accadere nelle nostre vite è strettamente privato.
Ovviamente anonima.

>>>^^^<<<

Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*

Donate Now Button
Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!
Annunci

Comments

  1. pura verita concordo

  2. CHAPEAU! ….e i maschietti sono serviti 🙂

    E no… non cominciate con la menata del ma a parti invertite, o altri piagnistei su fantasiosi doppiopesismi: non ci sono parti invertite, non c’è alcun doppiopesismo.
    C’è il nostro corpo, che è NOSTRO e a cui dobbiamo gli arretrati di cura e di piacere.
    C’è la sua Differenza, la differenza di un corpo potente perchè pensa, gode, sente, ama, sempre tutto assieme, non ha parti che “pensano” e parti che “godono”, parti che fanno altro, un corpo che si ammala se viene compresso e limitato in questo suo godere ANCHE col cervello e pensare ANCHE con l’orgasmo, desiderare ANCHE col pensiero sempre tutto assieme (capisci, Anonima, perchè non riesci a far entrare nella testa dei maschi certe cose?).
    C’è che quel corpo, anche se vi brucia, cari nati da donna, non l’avrete mai, e non è a vostra disposizione e ve ne dovrete fare sempre di più una ragione, senza dare troppo di matto, prego.
    E poi c’è la vostra cultura, il patriarcato con la quale avete preteso da noi il diritto al vostro piacere negandolo al nostro corpo, temendo che diventassimo troppo consapevoli di quella Differenza e quindi di quello che siete. Una cultura nella quale il nostro corpo si ammala e per troppo tempo è stato malato.
    E’ tempo di guarire.

    Grazie per questa testimonianza, cara Anonima, e aspettando che a scuola comincino finalmente a insegnare ai maschi a guardarsi allo specchio e avvertano almeno il dubbio che il nostro corpo non è a loro disposizione e il loro piacere non è dovuto, cominciamo a metterli di fronte alla realtà e a spiegarglielo coi fatti che il conto alla rovescia per privilegio maschile è già partito pure a letto 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: