Annunci

Perché negli ospedali ad assistere i parenti devono essere solo donne?

sono stata assente per un po’ di giorni a recuperare la mia salute traballante e a pensare, a distanza, senza l’influenza dei commenti da moderare, delle pagine da gestire, delle storie cui dare visibilità. guardare le cose da lontano, acquisire distanza è sempre una buona cosa. aiuta a recuperare, senza rabbia né pregiudizi, una visione quieta delle cose. aiuta a recuperare lucidità.

nessuna guerra con i maschilisti né con le femministe autoritarie. nessuno spreco di energie e perdite di tempo. solo l’attività del pensare rapportandomi al reale. c’era una donna con una bambina malata dalla nascita. nessuno a darle una mano. lamentava di non avere sorelle e di aver perso la madre molti anni fa. nessun cenno al padre della creatura o altri uomini di famiglia. poi l’ho visto, l’uomo, il padre e i due fratelli della donna. ospiti in quella stanza d’ospedale a portare pasticcini che la bimba non poteva mangiare e a rimpinzare la donna che prima dei dolcetti avrebbe voluto un po’ di aiuto.

in questo ospedale, tra l’altro, c’è questa regola per cui nessun uomo può restare a prestare assistenza. solo le donne e voi direte ma certo, si trattava di un reparto femminile, ma non era così. per un certo tipo di terapie i reparti sono unici, le donne in alcune camere e gli uomini in altre ma se si accetta di far restare le donne, madri, sorelle, moglie, ad assistere gli uomini, non si capisce perché gli uomini non possano fare lo stesso. le donne escono fuori dalle stanze quando c’è da stare attente alla privacy di altri ricoverati. potrebbero farlo anche gli uomini.

forse è una piccola cosa ma mi ha riportato alla mente le tante volte in cui le donne sono state e sono ancora chiamate in causa per la cura dei parenti malati. ho smesso di sperare che gli ospedali possano fare a meno delle presenze parentali, soprattutto quando si tratta di bambini, ma pensavo, stupidamente che le cose fossero cambiate. in realtà ho ignorato il fatto che continuano ad essere le stesse per quanto fossi abbastanza stupita per le volte in cui hanno tenuto alla larga il mio compagno il cui accesso era garantito solo in orario di visite.

non ci ho pensato abbastanza perché in me c’è sempre la donna cui è stata imposto il ruolo di cura per il mio genere. stavo lì a dirgli di non preoccuparsi e che avrei fatto da sola anche quando le forze mi mancavano o avrei avuto bisogno di lui. non è più così per fortuna, non ho bisogno di nessuno ma la questione resta. una questione che coinvolge tutt*. donne, uomini, di qualunque genere e orientamento sessuale.

forse non in tutte le realtà è così. forse le cose stanno cambiando altrove. io invece vedo quel che ci si aspetta dalle donne e quel che non ci aspetta dagli uomini. e anche questa è discriminazione di genere.

un saluto e un ben trovat* a tutt*

Annunci

Comments

  1. Trovo la cosa gravissima. Se è una clinica privata, temo possano fare come credono, ma se è un ospedale pubblico proprio no. Non fermiamoci qui. Se è nella Regione Lazio mi attivo subito, ma se è altrove comunque vorrei coinvolgere la rete delle toponomaste (presiedo l’associazione Toponomastica femminile) e portare la vicenda alla ribalta.

    • ciao cara. grazie per l’interesse mostrato. si tratta della regione toscana il che parrebbe strano ma so che la questione riguarda molti ospedali pubblici di altrettante città. se volessi mettere a fuoco il problema e portare avanti questa cosa te ne saremmo infinitamente grate e facci sapere eventualmente così diamo risalto alle vostre iniziative. grazie ancora :*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: