Antiautoritarismo, Antisessismo, Autodeterminazione, Critica femminista, R-Esistenze, Violenza

Se per criticare le opinioni di Luxuria si dà il via alla transfobia

La questione che coinvolge Luxuria nei suoi orribili giudizi contro Asia Argento ha dei risvolti altrettanto orribili. Non si parla di misoginia che appartiene agli uomini quanto alle donne. Non si parla dei tanti e miserandi giudizi che le donne sono in grado di usare ponendo uno stigma sulle altre donne. Si parla, in questo caso, del fatto che a usare certe modalità sessiste nei ragionamenti non possono che essere gli uomini. Il sessismo sarebbe maschio e dunque Luxuria viene definita non per quel che è ma per quello che sarebbe secondo i pregiudizi transofobi di chi ragiona solo in termini binari.

Il maschio è carnefice e la donna vittima. Il maschio sessista e la donna antisessista. Così l’essere trans di Luxuria diventa l’argomento determinante per spiegare quel che dice contro Asia Argento.

Luxuria sarebbe un uomo, con mentalità da uomo, come se la mente custodisse mentalità diverse a seconda del sesso di nascita. Si ignora la questione di genere e il fatto che di quella cultura sessista siamo intrisi tutt* quant*.

Si attiva così il linciaggio nei confronti di Luxuria trans e non si parla dei giudizi espressi in se’. Nessuna analisi, come qui ho tentato di fare, ma solo una serie di insulti transofobi che generalizzano sull’essere trans e sulla mentalità che da questo sarebbe derivata. C’è chi cita addirittura la diffidenza delle Terf, femministe radicali trans escludenti, come giusta, occasionalmente, partendo da questo esempio. L’attacco sortito contro le persone trans così sembrerebbe una difesa nei confronti delle donne come Asia Argento che hanno denunciato di aver subito una violenza. In realtà la transfobia viene usata strumentalmente da chi non  sappiamo quanto e come in effetti si interessa alle vittime di violenza sessuale.

Scrive Monica Romano sulla sua bacheca facebook, riproponendo un suo post:

“In merito allo scontro fra #Vladimir Luxuria e #AsiaArgento, vi ripropongo un mio breve articolo uscito ad ottobre – in tempi non sospetti – sul caso #Weinstein, per SinistraxMilano.
“Il caso di Asia Argento ci racconta, ancora una volta, della misoginia che tutte e tutti introiettiamo fin dalla culla.
Nessuno pare salvarsi da questo condizionamento, a partire dalle tante donne, famose e non, che in questi giorni hanno espresso pubblicamente la loro riprovazione nei confronti dell’attrice, divenendo esse stesse agenti che veicolano un sentimento misogino.
Asia Argento sarebbe colpevole di aver assecondato il potente produttore statunitense Weinstein e di aver denunciato troppo tardi le molestie subite – hanno detto e scritto molte – aggiungendo che ad ogni donna nella vita professionale la molestia può capitare e che sarebbe sufficiente dire di no per proteggersi e uscirne “pulite”.
Insomma, ancora una volta si prende di mira il comportamento della vittima e la si colpevolizza, lasciando intatto un sistema patriarcale e maschilista che rende lecito lo scambio fra una prestazione sessuale e un avanzamento di carriera e dividendo le donne fra “brave” e “cattive ragazze”.
Un dividi et impera che da sempre ostacola l’affermazione delle donne nel mondo del lavoro come nelle istituzioni e che finisce col penalizzare tutte quante.
Usciremo mai dal circolo vizioso che ci vede troppo spesso schierate le une contro le altre?”
Non condivido la posizione di Vladimir Luxuria e sto con Asia Argento, senza se e senza ma, e contro ogni #misoginia, inclusa quella interiorizzata di molte donne, #cisgender e anche transgender.
Al tempo stesso ritengo che le tante persone, e fra queste anche alcune #femministe, che – attraverso i social – stanno attaccando Vladimir in queste ore non tanto sulle idee che ha espresso, quanto sulla sua condizione di donna #transgender (la loro “posizione” – spacciata come elevato esercizio di pensiero – è, più o meno, la seguente, da me riformulata in parole più semplici, peraltro citando l’amica Laura Caruso, maestra d’ironia:
“Vladimir Luxuria si è espressa così perché non è una VERA donna, perché – gratta gratta – sempre un uomo rimane”) stiano sfruttando il caso mediatico per dare libero sfogo alla loro #transfobia.
Anche questo è molto sbagliato, e anche questa è una forma di #violenza inaccettabile.
Vladimir ha espresso la stessa opinione che moltissime donne cisgender (ahinoi!) hanno espresso in questi mesi, solo che nel suo caso si attacca la sua identità e non le sue idee, e questo anche è aberrante.
Dovremmo tutti imparare a dare maggiore importanza a ciò che viene detto e non a chi lo dice, valutando le idee prima delle persone.”

E tutto ciò è parecchio difficile per chi a malapena sa balbettare due concetti antisessisti per poi sfogare la propria frustrazione nei due minuti d’odio diretti verso chiunque capiti loro a tiro. Non importa chi e non importa se così facendo stanno esprimendo un sessismo strumentale e colmo di ignoranza.

Sarebbe davvero utile riflettere su questo perché altrimenti il vostro ragionamento è monco, lacunoso, e si basa su un pregiudizio escludente che riguarda le persone trans in generale e che si basa sempre sulla cultura patriarcale.

 

>>>^^^<<<

Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*

Donate Now Button
Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!

 

Vi invito a leggere qualche post sul tema:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.