Antifascismo, Antisessismo, Comunicazione, Critica femminista, R-Esistenze

#Moric a testa in giù? Un fake. L’antifascismo è antisessista o non è!

Ci segnalano questa immagine diffusa da un account che si dice Antifa. L’account è un falso. Quel tweet come spiega Leonardo Bianchi, non esiste.

Si tratta di una strategia per delegittimare gli antifascisti. Nina Moric in risposta a Bianchi dice che ha denunciato ed è curiosa di sapere di chi si tratta. Le auguriamo di trovare il responsabile e poi le chiediamo di dirci chi è.

Non è un caso comunque che a criticare quel messaggio sono stat* antifascist*. A me è arrivato un bombardamento di segnalazioni in tal senso e non potremmo essere più d’accordo. Questo non è un messaggio antifascista. E’ un messaggio fascista, in realtà. Un messaggio privo di argomenti e di capacità comunicative.

Da antifascista e antisessista, cose che non possono che stare assieme, non posso che guardare a quel montaggio con estremo ribrezzo. Che vuol dire “appendi una puttana”? Dove starebbe il ragionamento antifascista in tutto questo? L’appellativo di puttana viene attribuito alle donne per giudicare la loro condotta sessuale. Ce ne siamo riappropriate stabilendo che siamo puttane perché ci rivendichiamo il diritto di una sessualità libera da schemi imposti e dal controllo di una cultura patriarcale ancora più che presente.

Erano i fascisti che stuprarono per punizione Franca Rame tanto tempo fa. Perché ci definivano e definiscono ancora come “puttane”. In cosa questo bell’esempio di cattivissima comunicazione, differisce da quel giudizio orribile sulle compagne antifasciste? Direi in nulla. E’ uno stigma che mira al controllo della sessualità delle donne e un mezzo per schiacciarla al ruolo dell’oggetto desiderato e non del soggetto desiderante.

Il controllo dei corpi delle donne è un obiettivo reazionario e fascista. Il controllo della sessualità di una donna è un obiettivo reazionario e fascista. Lo stigma della “puttana” è retaggio di una cultura patriarcale e fascista. Dunque possiamo dire che “antifa” accanto a “puttana” diventa un ossimoro. E’ un insulto alle militanti e alle attiviste come me.

Un insulto alla nostra intelligenza perché è il fascismo che considera le donne come corpi di riproduzione per Dio, Patria e Famiglia. E’ un esempio di grave sessuofobia, non che nel movimento antifa non ci siano stati esempi di sessismo, ma tant’è.

Noi lo sappiamo. L’antifascismo è antisessista o non è. Mai i compagni antifascisti di “info antifa” (l’account reale e non il fake) avrebbero diffuso una immagine del genere.

>>>^^^<<<

Abbatto I Muri vive di lavoro volontario e tutto quello che vedete qui è gratis. Aggiornare e gestire questo spazio è un lavoro che costa tempo e fatica. Se mai vi passasse per la mente di esprimere la vostra gratitudine basta un obolo per un caffè (alla nocciola). :*

Donate Now Button
Grazie davvero a chi vorrà contribuire alla causa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.