Antisessismo, La posta di Eretica, Personale/Politico, R-Esistenze, Storie, Violenza

Picchiata da uno sconosciuto perché donna

Oggi ho pubblicato sulla pagina facebook di Abbatto i Muri il messaggio di una ragazza che è stata picchiata da un tizio, uno sconosciuto, mentre lei stava in auto. Motivo? Perché è una donna. Così sotto il post trovo una valanga di commenti di chi ha raccontato che questo non è un fatto isolato. Chi ti vede per strada e se gli stai sulle scatole può anche picchiarti nell’indifferenza generale.

La denuncia della ragazza ha liberato molti altri interventi di donne che vengono chiamate troie e puttane per qualunque ragione. Non c’è scampo. Lo stigma della puttana ci segue in strada, perché il guidatore è nervoso e vedendo una donna si sfoga, perché molta gente è indifferente e non interviene e perché non sembra che ci sia attenzione al fenomeno. Così ripropongo il messaggio di questa ragazza sul blog e invito le donne che hanno molto da dire sui comportamenti di certi uomini per le strade, o in altri luoghi, a raccontarci quello che a loro è successo.

Bisogna dirlo: le donne sono vittime di stronzi senza fine che passano inosservati ai più. Poi dico: ma possibile che non ci sia una persona che avanzi in queste situazioni un minimo di attenzione e solidarietà? Non dico la giustizia fai da te che è sempre poco gradita, ma la solidarietà attiva di chi quantomeno riconosce la violenza quando la violenza viene esercitata su qualcuna. Così, ecco. Buona lettura e vi prego di fare circolare questo messaggio, con tantissima solidarietà per la ragazza e chiunque sia vittima di altrettanta rabbiosa e misogina violenza.

Lei scrive:

“Ciao
Vorrei raccontarvi quello che mi è successo ieri sera.
Un uomo mi ha tirato un pugno.
Ieri, un uomo sulla sessantina (italiano, specifico perché non si sa mai), mi ha tirato un pugno.
Perché? Perché sono donna. Quindi, automaticamente, se guido e mi azzardo a suonare ad un uomo che mi sta venendo addosso per sorpassarmi sono una put.ta.na. Sono senza ritegno, non ho rispetto per gli uomini.
“Le donne non dovrebbero neanche toccare una macchina -mi ha detto- perché fate schifo, siete buone solo a farvi scop.are, ma tu neanche quello. Tu fai proprio schifo, non ti vorrà mai nessuno, put.ta.na”
Sono una che reagisce sempre quando qualcuno mi urla in macchina, soprattutto se ho ragione. Soprattutto se mi insultano perché sono una donna. Eppure ieri una vocina dentro di me mi ha detto di stare zitta. Così ho fatto. Sono stata zitta e non l’ho calcolato.
Fino a che non si è accostato alla mia destra, è sceso ed è venuto a fianco a me, in piedi, urlandomi addosso. Tanto le macchine erano tutte ferme, avrebbe avuto tutto il tempo di farlo.
Io, ancora seduta in macchina, gli ho chiesto quale fosse il problema, che se voleva passare a me andava benissimo, un furgoncino in più davanti a me, in un traffico immobile, non cambiava molto.
“il problema sono quelle come te”. E così, come un codardo, mi ha tirato un pugno in faccia ed è corso via.
Ha tirato un pugno ad una ragazzina, che non poteva difendersi da sola, ed è corso via, sorpassando tutte le macchine da destra e sparendo.
Nella confusione più totale non so come, né perché, la mia mano ha schiacciato le 4 frecce. Sono rimasta immobile almeno un minuto, sentendo un dolore in tutta la testa.
Mi ha spaccato gli occhiali, mi ha fatto male. Fisicamente non quanto sperava, ho un leggero gonfiore e un livido che si vede a malapena. Mi ha fatto male emotivamente, forse era proprio quella la sua intenzione.
Tutte le persone al calduccio nelle loro belle macchinine che circondavano la mia hanno visto la scena. Nessuno è sceso per chiedermi come stavo. Nessuno è sceso per dirmi “ho preso il numero di targa di quello stronzo”. Nessuno .
Un uomo tira un pugno ad una donna. Scappa. Nessuno soccorre.
Come si fa ad avere ancora fiducia nell’umanità?
Grazie per aver letto la mia storia..siete le mie eroine e volevo sfogarmi con voi.
Un abbraccio forte.
Michela Nisselino”

Le sue foto:

3 pensieri riguardo “Picchiata da uno sconosciuto perché donna”

  1. Quello non è un uomo ma un subumano con parecchi problemi mentali.Invece il fatto che nessuno abbia detto nulla fotografa pienamente la nostra società,ormai del tutto priva di valori come solidarietà e coscienza civile.

  2. Per energumeni del genere una bella, abbondante spruzzata di spray al peperoncino negli occhi, nel naso ed in bocca: scommettiamo che diventano tutt’altre persone? Dopodiché li si denuncia per aggressione e minacce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.