Annunci

#DoctorWho: sessant’anni dopo è interpretato da una donna

 

di Francesca Ambrosi

Sedici Luglio duemiladiciassette.
Roger Federer vince per l’ottava volta il torneo di Wimbledon, entrando nella storia come primo tennista uomo ad ottenere questo risultato. Lacrime di gioia e commozione.
Sedici Luglio duemiladiciassette.
Jodie Whittaker entra nella storia come prima donna ad interpretare il Dottore nella serie televisiva inglese Doctor Who, che da quasi sessant’anni vede un uomo come protagonista principale. I fan più fedeli – uomini e donne – gridano allo scandalo, alla rovina, al disastro.

Devo ammettere di essere rimasta interdetta anche io, in un primo momento, dopo aver visto il volto della Whittaker campeggiare nell’immagine di copertina di una pagina facebook dedicata alla serie, subito il trailer ufficiale trasmesso dalla BBC dopo la finale degli uomini di Wimbledon.
Dopo il disappunto iniziale, ecco affiorare la delusione. Delusione non per la Whittaker in sè, attrice che non conosco, ma perchè, per un momento, anche io mi sono unita alla massa credendo che una donna non possa interpretare quello che, di fatto è stato un personaggio maschile per decenni.

Mi sono poi messa a riflettere: Doctor Who è la serie più inclusiva che io abbia mai visto, sempre votata ad eliminare gli stereotipi, che siano di razza, cultura, genere. Perchè una donna non dovrebbe essere in grado di interpretare un ruolo come quello del Dottore? Perchè una donna non potrebbe essere, di fatto, l’eroe che salva chi è in difficoltà? Perchè dobbiamo sempre confinare la donna nel ruolo di aiutante e mai in quello di protagonista principale? Che senso definirsi whovian, essere d’accordo con le idee del dottore, cercare di comprendere ogni forma vivente terrestre e non e poi andare a puntare il dito contro la nuova attrice solamente per il suo genere?

Sono sicura che Jodie Whittaker sarà un ottimo dottore a prescindere dalle sue doti recitative. Jodie Whittaker sarà un ottimo dottore perchè porterà la parità di genere all’interno di un mondo ( quello delle serie sci-fi ) che vede sempre l’uomo come eroe, e la donna, anche se coraggiosa e sempre in prima linea a fianco del protagonista principale. come un’aiutante da difendere.

Ps: Jodie Whittaker, per chi segue le serie tv britanniche è molto conosciuta. Bravissima in una puntata di Black Mirror e come interprete di un magnifico ruolo in Broadchurch. E questi sono solo tra gli ultimi suoi lavori.

Annunci

Comments

  1. secondo me usare l’argomento “eh, ma storicamente il dottore è sempre stato un uomo, quindi deve continuare a essere così” è la stessa cosa che dire “eh, ma storicamente il capofamiglia è sempre stato un uomo, deve continuare a essere così”, cioè la base del femminismo; è inutile definirsi femministi se poi ci scandalizziamo per una cosa del genere in una serie tv.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: