Annunci

Ma la finite di insultare Gianna Nannini?

Lei scrive:

Ciao, ti scrivo in merito agli insulti che sta ricevendo la Nannini.

Io sinceramente non riesco a capire tutta sta valanga di insulti per Gianna Nannini.
E’ una cantante, se così vogliamo definirla, non lo so perchè credo di aver ascoltato mezza volta qualche sua canzone passata per radio. Stop.

E’ una cantante, non sta scritto da nessuna parte che perchè un individuo è famoso per qualcosa, debba farsi automaticamente paladino dei diritti umani della “categoria” alla quale appartiene.
Non è che tutte le donne famose sono Emma Watson che si è messa a fare l’attivista.
E sopratutto cazzo c’avete da offenderla a morte? Alla faccia della libertà di scelta eh, bravi.

Qualcuno lo fa? Sfrutta la propria notorietà per dare più eco a cause giuste? Ottimo, tanto di cappello.
Vedo ritornare al galoppo sto patriottismo di merda, che è FALSISSIMO.
Eh lei se ne va, sta tossica di merda” “eh perchè non è rimasta qua a lottare!
…ché qua si sta parlando di una mamma che va via perchè se dovesse morire non si sa la figlia che fine fa.

Ma ce la fate col cervello o cosa? Ma quanto stracazzo ve ne fregherebbe a voi dell’Italia se ci fosse in dubbio la tutela di vostro figlio?
Ma dove sta scritto che a lei debba fottere qualcosa della comunità Lgbt, la stessa che la sta offendendo in tutti i modi possibili e inimmaginabili. Ma sarà libera di fare il cazzo che le pare senza che le rivolgano insulti che manco ad hitler?
Oppure la libertà di cui parlate tanto riguarda solo quale genitale può andare con cosa?

Ma voi esattamente quante vite pensate di vivere visto che siete cosi convinti che andare in un altro paese per vivere meglio sia, SCAPPARE! I CORAGGIOSI RIMANGONO!

No, oh cazz! La vita è una, se rimani è perchè vuoi ed è una tua SCELTA, se ci stai male e vivi male, nessuno ti darà mai una medaglia o la pensione perchè sei rimasto 60 anni a farti sfruttare o a farti discriminare o a vivere in un paese dove per vincere una causa sull’affidamento di tuo figlio devi sottostare alla bontà e all’apertura mentale del giudice che becchi.

Se rimani, NO non hai il diritto di cacare il cazzo e offendere chi va in un paese dove i suoi diritti vengono rispettati, se rimani è per scelta tua, quindi non cacare il cazzo al prossimo, perchè dubito seriamente che chi se ne va pensa ad offendere te povero stronzo frustrato che sei rimasto qua infelice.
Magari ‘na volta venivi fatto santo, ma oggi non è così, oggi si sul strunz se preferisci restare dove non ti va.

F.

Annunci

Comments

  1. Io sono trent’anni che mi faccio tutte le manifestazioni pacifiste e i pride, sottoscrivo tutti i referendum e le battaglie per i diritti civili, gli appelli di bono vox per l’africa e quelli della rettore per i canili municipali. oggi finalmente ho capito che qui bisogna pensare solo ai cazzi (ed alle vulve) propri, finalmente “F.” m’ha dato una grande lezione di vita.

  2. purtroppo in Italia è così… non si hanno diritti solo doveri. I diritti li hai se non sei italiano altrimenti un calcio nei coglioni e via andare. Poi, ‘sta cosa dell’offendere pubblicamente gente, soprattutto, se famosa, non l’ho mai capita… uno è libero di fare quello che vuole, e finchè non fa del male a qualcuno o gli manca pesantemente di rispetto non vedo dove stia il problema “libero arbitrio forever”.
    L’Italia è retrograda, un paese cattolico del cavolo, la religione è una cosa, lo stato un’altra, ma qui nessuno l’ha ancora capito, imbecilli.
    Tristezza immensa tristezza…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: